Home Malattie infettive Nuova epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo

Nuova epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo

256
0
This colorized transmission electron micrograph (TEM) revealed some of the ultrastructural morphology displayed by an Ebola virus virion. See PHIL 1832 for a black and white version of this image. Where is Ebola virus found in nature?

The exact origin, locations, and natural habitat (known as the "natural reservoir") of Ebola virus remain unknown. However, on the basis of available evidence and the nature of similar viruses, researchers believe that the virus is zoonotic (animal-borne) and is normally maintained in an animal host that is native to the African continent. A similar host is probably associated with Ebola-Reston which was isolated from infected cynomolgous monkeys that were imported to the United States and Italy from the Philippines. The virus is not known to be native to other continents, such as North America. Cynthia Goldsmith

Il governo della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato in questi giorni un nuovo focolaio della malattia da virus Ebola a Bikoro, nella provincia di Equateur. La dichiarazione dell’epidemia si è verificata dopo che i risultati di laboratorio hanno confermato due casi di malattia.

Il Ministero della Sanità del Congo ha informato l’OMS che due campioni su cinque raccolti da cinque pazienti sono risultati positivi alle analisi condotto presso l’Institut National de Recherche Biomédicale di Kinshasa. Altri campioni sono in corso di raccolta.

adv

L’OMS sta lavorando a stretto contatto con il governo della Repubblica Democratica del Congo per aumentare rapidamente le sue operazioni e mobilitare i partner sanitari utilizzando il modello di una risposta efficace a una simile epidemia di Ebola nel 2017.

“La nostra massima priorità è quella di arrivare a Bikoro per lavorare a fianco del governo della Repubblica Democratica del Congo, per ridurre la perdita di vite umane e le sofferenze legate a questa nuova epidemia di virus Ebola”, ha affermato il dott. Peter Salama, vicedirettore generale Emergency Preparedness and Response dell’OMS. “Lavorare con i partner e rispondere in modo tempestivo e coordinato sarà fondamentale per contenere questa malattia mortale”.

Il primo team multidisciplinare composto da esperti dell’OMS, Medici Senza Frontiere e Divisione Provinciale della Salute, ha viaggiato nei giorni scorsi a Bikoro per rafforzare il coordinamento e le indagini.

Bikoro è situato nella provincia di Equateur, sulle rive del lago Tumba, nella parte nord-occidentale del paese vicino alla Repubblica del Congo. Tutti i casi sono stati segnalati dalla struttura sanitaria iIkoko Iponge situata a circa 30 chilometri da Bikoro. Le strutture sanitarie a Bikoro hanno funzionalità molto limitate e fanno affidamento su organizzazioni internazionali per fornire assistenza.

“Sappiamo che affrontare questo focolaio richiederà una risposta completa e coordinata. L’OMS lavorerà a stretto contatto con le autorità sanitarie e i partner per sostenere la risposta nazionale. Raccoglieremo più campioni, condurremo il tracciamento dei contatti, coinvolgeremo le comunità con messaggi di prevenzione e controllo e metteremo in atto metodi per migliorare la raccolta e la condivisione dei dati “, ha dichiarato il dott. Matshidiso Moeti, direttore regionale per l’Africa dell’OMS.

Questo è il nono focolaio di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo dalla scoperta del virus nel paese nel 1976. Nelle cinque settimane comprese tra fine aprile e l’8 maggio, ci sono state 21 sospette febbri emorragiche virali all’interno e intorno all’Ikoko Iponge, compresi 17 decessi.

“L’OMS sta lavorando a stretto contatto con altri partner, tra cui Medici Senza Frontiere, per garantire una risposta forte a sostegno del governo della Repubblica Democratica del Congo per prevenire e controllare la diffusione della malattia dall’epicentro di IIkoko Iponge per salvare vite”, ha detto il dott. Allarangar Yokouide, rappresentante dell’OMS nella Repubblica Democratica del Congo.

Dopo aver appreso i risultati di laboratorio, l’OMS ha istituito il proprio sistema di gestione degli incidenti per dedicare completamente il personale e le risorse all’organizzazione della risposta. L’OMS prevede di schierare epidemiologi, logisti, medici, esperti di prevenzione e controllo delle infezioni, esperti di comunicazione del rischio e squadre di supporto vaccinale. L’OMS determinerà anche le esigenze di approvvigionamento e aiuterà a colmare le lacune, come per i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI). L’OMS ha anche allertato i paesi vicini e stanziato un milione di dollari USA, dal Fondo per le emergenze di contingenza, per sostenere le attività di risposta per i prossimi tre mesi con l’obiettivo di fermare la diffusione dell’Ebola nelle province e nei paesi limitrofi.

L’ebola è endemica nella Repubblica Democratica del Congo. L’ultimo focolaio si è verificato nel 2017 nella zona di Likati, nella provincia di Bas Uele, nella parte settentrionale del paese ed è stato rapidamente contenuto grazie agli sforzi congiunti del governo, dell’OMS e di diversi partner.

Un’efficace risposta all’epidemia del 2017 è stata raggiunta tramite la tempestiva segnalazione da parte delle autorità locali di casi sospetti, ai test immediati di campioni di sangue grazie al rafforzamento della capacità nazionale di laboratorio, l’annuncio tempestivo del focolaio da parte del governo, le attività di risposta rapida da parte delle autorità sanitarie locali e nazionali, con il solido sostegno dei partner internazionali e un rapido accesso a finanziamenti flessibili.

Il supporto di coordinamento sul campo da parte dell’OMS è stato fondamentale e un sistema di gestione degli incidenti è stato istituito entro 24 ore dall’avvio dell’epidemia. L’OMS ha schierato più di 50 esperti per lavorare a stretto contatto con il governo e i partner.

Il virus Ebola causa una malattia acuta e grave che spesso è fatale se non trattata. Il tasso di mortalità medio è di circa il 50%. Il virus viene trasmesso alle persone dagli animali selvatici e si diffonde nella popolazione umana attraverso la trasmissione da uomo a uomo.

 

 

Articolo precedenteCompletamente rinnovata. Lexus presenta la settima generazione di ES
Articolo successivoLa particolare gravità della cardiomiopatia dilatativa primitiva da laminopatie
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui