Home Igiene Impennata dei casi di morbillo in Europa

Impennata dei casi di morbillo in Europa

278
0
Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library. Photo Credit: Content Providers(s): CDC/Dr. Heinz F. Eichenwald.

Oltre 41.000 bambini e adulti nella regione europea dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità (OMS) sono stati infettati dal morbillo nei primi 6 mesi del 2018. Il numero totale registrato in questo periodo supera di gran lunga il totale dei casi segnalati in 12 mesi in qualsiasi altro anno di questo decennio. Fino ad ora, il totale annuo più alto per i casi di morbillo tra il 2010 e il 2017 era di 23.927 per il 2017, e il minimo era di 5.273 per il 2016. I rapporti mensili indicano inoltre che quest’anno sono morte finora a causa del morbillo 37 persone.

“Dopo il più basso numero di casi del decennio, nel 2016, stiamo assistendo a un drammatico aumento delle infezioni e di epidemie prolungate”, afferma il dott. Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell’OMS per l’Europa. “Chiediamo a tutti i paesi di attuare immediatamente misure ampie e adeguate al contesto per fermare l’ulteriore diffusione di questa malattia. La buona salute per tutti inizia con l’immunizzazione e, fintanto che questa malattia non viene eliminata, non riusciamo a essere all’altezza degli impegni dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile “.

adv

Morbillo: casi in aumento in molti paesi

Sette paesi della regione hanno visto oltre 1.000 infezioni in bambini e adulti quest’anno (Francia, Georgia, Grecia, Italia, Federazione Russa, Serbia e Ucraina). L’Ucraina è stata la più colpita, con oltre 23.000 casi registrati; questo rappresenta oltre la metà del totale regionale. In tutti questi paesi sono stati segnalati decessi correlati al morbillo, con la Serbia che ha registrato 14 decessi, il maggior numero.

I vaccini: progressi irregolari verso l’eliminazione del morbillo e della rosolia

Secondo l’ultima valutazione della Commissione Europea di verifica regionale per il morbillo e l’eliminazione della rosolia (RVC), rilasciata nei giorni scorsi, 43 dei 53 Stati membri della regione hanno interrotto la diffusione endemica del morbillo e 42 hanno interrotto la rosolia (sulla base delle relazioni 2017).

Allo stesso tempo, la RVC ha espresso preoccupazioni in merito alla sorveglianza inadeguata delle malattie e alla scarsa copertura vaccinale in alcuni paesi. Ha inoltre concluso che le catene di trasmissione del morbillo sono proseguite per oltre 12 mesi in alcuni paesi che avevano interrotto la diffusione endemica della malattia, riportando il loro stato in endemico.

“Questo parziale ostacolo dimostra che ogni persona che non è immune rimane vulnerabile, non importa dove vive, e ogni paese deve continuare a spingere per aumentare la copertura e colmare le lacune immunitarie, anche dopo aver raggiunto lo stato interrotto o eliminato”, afferma il dott. Nedret Emiroglu, direttore di la Divisione delle emergenze sanitarie e delle malattie trasmissibili presso l’Ufficio regionale per l’Europa dell’OMS.

Il morbillo può essere fermato

Il virus del morbillo è eccezionalmente contagioso e si diffonde facilmente tra individui sensibili. Per prevenire le epidemie, è necessaria una copertura vaccinale di almeno il 95% con 2 dosi di vaccino contenente il morbillo ogni anno in ogni comunità. Inoltre, serve un impegno particolare per raggiungere bambini, adolescenti e adulti che hanno saltato la vaccinazione di routine in passato.

Mentre la copertura vaccinale con 2 dosi di vaccino contenente il morbillo è aumentata dall’88% dei bambini ammissibili del 2016 al 90% del 2017, persistono grandi disparità a livello locale: alcune comunità riportano una copertura superiore al 95% e altre meno del 70%.

L’OMS sta lavorando a stretto contatto con gli Stati membri che attualmente stanno affrontando epidemie per attuare misure di risposta, tra cui l’immunizzazione sistematica e integrativa rafforzata e un’aumentata sorveglianza per individuare rapidamente i casi. L’OMS sta anche lavorando con altri paesi per raggiungere la soglia del 95%.

“In questa fase intermedia del piano d’azione europeo sui vaccini, dobbiamo celebrare i nostri risultati senza perdere di vista coloro che sono ancora vulnerabili e la cui protezione richiede la nostra attenzione urgente e continua”, conclude il dott. Jakab. “Possiamo fermare questa malattia mortale. Ma non avremo successo a meno che tutti facciano la loro parte: immunizzare i loro figli, loro stessi, i loro pazienti, le loro popolazioni, e anche ricordare agli altri che la vaccinazione salva vite.”

Tutti i 53 paesi della regione esamineranno i progressi a medio termine verso gli obiettivi del piano d’azione europeo sui vaccini nella 68a sessione del Comitato regionale per l’Europa dell’OMS, che si terrà a Roma, in Italia, dal 17 al 20 settembre 2018.

 

 

Articolo precedenteDiabete tipo 2 e rischio cardiovascolare: contrastare i fattori di rischio migliora la prognosi
Articolo successivoLanciato Aeolus: il satellite che misura i venti terrestri
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui