Home Neuropsichiatria Il consumo di alcol fra gli adolescenti è in calo, ma resta...

Il consumo di alcol fra gli adolescenti è in calo, ma resta elevato

273
0

Ad affermarlo è un nuovo rapporto dell’OMS pubblicato lo scorso 26 settembre: “Comportamenti degli adolescenti legati all’alcol: tendenze e disuguaglianze nella Regione Europea dell’OMS, 2002-2014”. Il documento fornisce nuove informazioni sui dati raccolti in 12 anni sul consumo di alcol da parte degli adolescenti. Tuttavia, nonostante le riduzioni, i livelli di consumo rimangono pericolosamente alti e questo continua ad essere un grave problema di salute pubblica.

Molto si può ancora fare

Nel 2014, più di un adolescente su 10 in Europa, di età superiore ai 15 anni, era un bevitore settimanale regolare (9% delle ragazze e 16% dei ragazzi).

adv

“I giovani sono bevitori regolari in un’età in cui non dovrebbero assolutamente bere. Poiché sappiamo che il consumo di alcol in questa fase critica dello sviluppo è particolarmente dannoso. I responsabili politici hanno la responsabilità di implementare le misure che sappiamo essere efficaci, come limitare l’accesso, applicare controlli di età e limitare qualsiasi tipo di vendita di alcolici, compreso il marketing digitale. Sebbene la Regione Europea dell’OMS abbia già raggiunto l’obiettivo di una riduzione del 10% come stabilito nel quadro delle malattie non trasmissibili per il 2025, si può ottenere molto di più per prevenire l’impatto devastante dell’alcol sulla morte prematura e sulla disabilità”, ha affermato il dott. Zsuzsanna Jakab, Direttore regionale dell’OMS per l’Europa.

I principali dati del rapporto

La ricerca, condotta dall’Università di St. Andrews, documenta le abitudini alimentari degli adolescenti europei in 36 paesi. L’analisi delle tendenze utilizza i dati raccolti durante quattro cicli del sondaggio sul comportamento della salute nei bambini in età scolare (HBSC), condotto nel 2002-2014. Sono state identificate preoccupanti tendenze nel comportamento alimentare:

  • Il bere eccessivo è ancora comune, con circa un quarto dei ragazzi, e più di 1 su 5 ragazze, che riferiscono di essere stati ubriachi due o più volte all’età di 15 anni. Dal 2002, i maggiori decrementi di alcolismo sono stati osservati nei paesi nordici.
  • Più di 1 su 4 bambini di 15 anni (28%) hanno riferito di aver iniziato a consumare alcol a 13 anni, o ad un’età inferiore (25% di ragazze e 31% di ragazzi), nel 2014. Questa percentuale è scesa dal 46% nel 2002, con tendenze al ribasso simili per grandezza di ragazzi e ragazze nella maggior parte dei paesi.
  • Nel tempo le differenze di genere per il consumo settimanale di alcolici sono confluite nel nord Europa, con ragazze e ragazzi che ora riportano livelli simili. Divisioni di genere più ampie persistono nell’Europa centro-orientale e meridionale, dove la prevalenza per i maschi è attualmente circa il doppio rispetto a quella delle ragazze.
  • Circa un adolescente su 10 ha riferito di essersi ubriacato all’età di 13 anni (7% delle ragazze e 9% dei ragazzi) nel 2014. Questo dato si è più che dimezzato dal 2002 (dal 17% all’8%), con un calo tra i ragazzi e ragazze, sebbene nella maggior parte dei paesi il declino fosse maggiore nei ragazzi.

Il calo del consumo di alcol è stato distribuito in modo non uniforme, dal momento che alcuni paesi non vedono alcun cambiamento, o solo riduzioni molto ridotte, dal 2002.

La dott.ssa Jo Inchley, redattore capo del rapporto, ha dichiarato: “Le riduzioni complessive del consumo di bevande nocive sono state maggiori nei paesi che tradizionalmente hanno avuto una maggiore prevalenza, come la Gran Bretagna e la regione nordica. Questo rende chiaro che il cambiamento è possibile. Tuttavia, si dovrebbe fare di più per garantire che gli adolescenti siano effettivamente protetti dai danni causati dall’alcol “.

Bere in adolescenza, quali sono i rischi?

Bere durante l’adolescenza, compresa l’iniziazione precoce, il consumo frequente e l’ubriachezza, ha forti impatti sulla salute psicologica, sociale e fisica. L’alcol è un importante fattore di rischio per lesioni fatali e non fatali, incidenti, tentativi di suicidio e uso di altre sostanze. È collegato a gravidanze non intenzionali, malattie trasmesse sessualmente, scarso rendimento scolastico e violenza.

Il consumo di alcol durante l’adolescenza è anche associato a cambiamenti funzionali e strutturali del cervello che persistono nell’età adulta. Recenti studi hanno dimostrato effetti dannosi del consumo di alcol precoce sullo sviluppo cerebrale, ad esempio, a difficoltà di apprendimento. La ricerca ha anche dimostrato che ritardare l’età in cui i giovani bevono il loro primo drink diminuisce il rischio di diventare bevitori problematici in fasi più avanzate della vita.

È necessaria un’azione politica continua

Il drastico cambiamento nella prevalenza del consumo regolare nei paesi dell’Europa settentrionale, dimostra che gli sforzi concertati a livello nazionale e regionale possono avere un grande impatto sul comportamento del bere. L’OMS ha identificato una serie di politiche accessibili, fattibili e convenienti che possono ridurre l’uso dannoso di alcol. Queste includono: aumento dei prezzi degli alcolici, limitazione della disponibilità di alcolici e divieti di pubblicità, promozione e sponsorizzazione.

La dott.ssa Carina Ferreira Borges, direttrice del programma per l’alcol e droghe illecite presso l’Ufficio regionale per l’Europa dell’OMS, ha esortato i responsabili politici a impegnarsi: “Per garantire che i successi ottenuti finora siano mantenuti, i governi sono invitati ad adottare approcci che coinvolgano la popolazione a tutte le età. Inoltre, sono necessari ulteriori sforzi, in particolare nei paesi in cui il tasso di cambiamento è stato lento. Gli investimenti nella salute degli adolescenti ripagano con un triplo dividendo di benefici per gli adolescenti. Ora, per le loro future vite da adulto e per la prossima generazione”.

 

 

Articolo precedenteLo spironolattone nell’insufficienza cardiaca: anche per i pazienti con insufficienza renale?
Articolo successivoCollisione tra due navi nel Mediterraneo: una scia di carburante di 20Km, vista dallo spazio
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui