Home Ambiente El Niño si riscalda: in arrivo un maggior numero di eventi meteorologici...

El Niño si riscalda: in arrivo un maggior numero di eventi meteorologici estremi

195
0

Un recente articolo pubblicato sulla rivista Nature indica che il riscaldamento globale aumenterà la variabilità di El Niño, nell’oceano Pacifico orientale. Questo aumento di attività in questa porzione di oceano potrebbe portare ad eventi meteorologici estremi più frequenti in futuro.

El Niño e i suoi effetti

L’oscillazione El Niño-Sud (ENSO) è la variazione climatica più influente sulla meteorologia della Terra. El Niño, localizzato nell’oceano Pacifico orientale è legato alle inondazioni che si verificano nelle regioni del Pacifico orientale, ma anche a fenomeni opposti, come la siccità nelle regioni del Pacifico occidentale.

adv

Tuttavia, la mancanza di un consenso inter-modello per quanto riguarda la risposta delle temperature della superficie del Pacifico orientale – una diagnosi cruciale per El Niño del Pacifico orientale – significa che l’effetto del riscaldamento globale sull’ENSO rimane incerto. Inoltre, la maggior parte degli studi precedenti ha valutato i cambiamenti in specifiche aree geografiche, con risultati non conclusivi.

Modelli climatici a confronto

Wenju Cai e colleghi hanno studiato 17 modelli climatici del progetto Coupled Model Intercomparison Phase 5 (CMIP5) per valutare i cambiamenti nel Pacifico orientale di El Niño, in relazione al riscaldamento globale. Tracciando il centro di anomalia di ciascun modello (la posizione del cambiamento di temperatura più estremo), gli autori riportano che quasi tutti i modelli (88%) prevedono un aumento della variabilità della temperatura superficiale del mare nel loro rispettivo centro di anomalia.

Ciò corrisponde ad un aumento medio complessivo del 15% nella variabilità della temperatura del mare di El Niño nella parte orientale del Pacifico, tra i climi attuali (1900-1999) e futuri previsti (2000-2099).

Un tale aumento della variazione della temperatura superficiale del mare implica un aumento del numero di eventi El Niño “forti”, corrispondenti a grandi anomalie della temperatura superficiale del mare. Gli autori concludono che come risultato dovremmo aspettarci in futuro un maggior numero di eventi meteorologici estremi.

 

Wenju Cai, et al. Increased variability of eastern Pacific El Niño under greenhouse warming. Nature, 2018.

 

 

Articolo precedenteCannabis: un nuovo farmaco per i ridurre i sintomi di astinenza e il consumo
Articolo successivoIl sildenafil è sicuro ed efficace nel trattamento dei bambini con ipertensione polmonare
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui