Home Cardiologia Le donne con infarto miocardico aspettano più degli uomini prima di chiamare...

Le donne con infarto miocardico aspettano più degli uomini prima di chiamare i soccorsi

9
0
Infarto miocardico posteriore. Patrick J. Lynch, medical illustrator

Le donne tendono ad aspettare più degli uomini prima di chiamare un’ambulanza se percepiscono sintomi di infarto. Queste le conclusioni di un recente studio pubblicato sullo European Heart Journal: Acute Cardiovascular Care.

Infarto miocardico e sintomi percepiti

La cardiopatia ischemica è la principale causa di morte nelle donne e negli uomini. C’è forse il malinteso che gli attacchi di cuore siano un “problema dell’uomo”, ma sono altrettanto comuni nelle donne. In media, le donne hanno circa 8-10 anni in più rispetto agli uomini quando hanno un attacco di cuore e tendono a sperimentare sintomi diversi. Ma le donne possono ugualmente beneficiare di un trattamento rapido.

L’autore dello studio, dott. Matthias Meyer, cardiologo all’ospedale Triemli di Zurigo, in Svizzera, ha detto che le donne possono aspettare più a lungo a causa del mito che gli attacchi cardiaci avvengono di solito negli uomini e perché il dolore al petto e al braccio sinistro sono i sintomi più noti. “Le donne e gli uomini hanno una quantità simile di dolore durante un attacco di cuore, ma la posizione potrebbe essere diversa”, ha detto. “Le persone con dolore al petto e al braccio sinistro sono più propensi a pensare che sia un attacco di cuore, e questi sono i sintomi usuali per gli uomini. Le donne hanno più spesso dolore alla schiena, alle spalle o allo stomaco.”

Un trattamento tempestivo

Nell’infarto miocardico la rapida riapertura della coronaria occlusa è fondamentale. Il ripristino più rapido del flusso sanguigno si traduce in più muscolatura cardiaca salvata, minor estensione dell’area infartuale, meno insufficienza cardiaca successiva e minor rischio di morte.

Durante gli ultimi 10-15 anni, sono state impiegate strategie multiple nelle reti di trattamento degli infarti, per ridurre il tempo tra inizio dei sintomi e il trattamento. Questo studio ha indagato se il ritardo nell’accesso alle cure sia differente nelle donne e negli uomini.

Lo studio

Lo studio ha analizzato in modo retrospettivo 4.360 pazienti (967 donne e 3.393 uomini) con infarto miocardico acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) trattati presso il Triemli Hospital, il secondo più grande centro di intervento coronarico percutaneo in Svizzera, tra il 2000 e il 2016.

Durante un periodo di 16 anni, donne e uomini hanno avuto uguali tempi di accesso alle cure. Il dott. Meyer ha dichiarato: “Non abbiamo trovato differenze di genere nella tempestività delle cure da parte degli operatori sanitari.”

Tuttavia, il tempo di accesso alle cure è leggermente diminuito negli uomini, nel periodo di 16 anni, ma non è cambiato nelle donne. Le donne aspettano circa 37 minuti in più rispetto agli uomini prima di contattare i servizi medici. Segni clinici di persistente disagio toracico sono stati associati a tempi di attesa più brevi negli uomini, ma non nelle donne. “Le donne che hanno un attacco cardiaco sembrano essere meno propense degli uomini ad attribuire i loro sintomi a una condizione che richiede un trattamento urgente”, ha detto il dott. Meyer.

Tempi di attesa e mortalità

La mortalità intraospedaliera era significativamente più alta nelle donne (5,9%) rispetto agli uomini (4,5%) durante il periodo dello studio. I tempi di accesso alle cure non erano associati alla mortalità intraospedaliera dopo averla corretta per i fattori confondenti. Il dott. Meyer ha dichiarato: “Come previsto, le complicazioni acute di un attacco cardiaco guidano la mortalità ospedaliera piuttosto che i tempi. Ma sappiamo da studi precedenti che i ritardi predicono la mortalità a lungo termine.”

 

Meyer MR, Bernheim AM, Kurz DJ, et al. Gender differences in patient and system delay for primary percutaneous coronary intervention: current trends in a Swiss ST-segment elevation myocardial infarction population. European Heart Journal: Acute Cardiovascular Care. 2018.

 

 

Articolo precedenteMalattia di Alzheimer: è possibile una trasmissione iatrogena della patologia amiloide
Articolo successivoLe immagini degli asteroidi che colpiscono la Luna, ma potrebbero colpire anche la Terra
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

20 − dodici =