Il rallentamento paradosso dei ghiacciai: più lenti perché più sottili

Fornire acqua potabile, irrigazione e energia. I ghiacciai nelle montagne più alte del mondo sono un’ancora di salvezza per più di un miliardo di persone. Con il cambiamento climatico i ghiacciai perdono massa, si potrebbe pensare che, lubrificati dall’acqua del disgelo scorrono più velocemente. Tuttavia, le immagini satellitari degli ultimi 30 anni mostrano che non è così.

I ghiacciai perdono velocità

Un articolo pubblicato in Nature Geoscience descrive come una moltitudine di immagini satellitari sono state utilizzate per rivelare che c’è stato effettivamente un rallentamento nella velocità con cui i ghiacciai scivolano giù dalle alte montagne dell’Asia.

L’Asia di alta montagna si estende dal Tien Shan e Hindu Kush nel nord-ovest, all’Himalaya orientale nel sud-est. L’area è anche parte di ciò che è noto come il “terzo polo” perché questi campi di ghiaccio di alta quota contengono la più grande riserva di acqua dolce al di fuori delle regioni polari.

Il terzo polo fornisce acqua dolce a oltre 1,3 miliardi di persone in Asia – quasi il 20% della popolazione mondiale.

Per oltre un decennio, i dati satellitari hanno documentato che i ghiacciai delle alte montagne dell’Asia si stanno assottigliando e perdendo massa a causa della fusione (vedi articolo in altra parte del giornale).

“Tuttavia, non è stato del tutto chiarito cosa significhi questa perdita di ghiaccio per il loro tasso di flusso”, ha detto l’autore principale Amaury Dehecq del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA e dell’Università di Edimburgo.

Gli scienziati hanno bisogno di capire cosa regola la velocità del flusso glaciale per prevedere come l’acqua di fusione influisca sul rifornimento di acqua dolce della regione in futuro e su come l’acqua di fusione aumenti l’innalzamento del livello del mare.

Lo scioglimento dei ghiacciai

Lo studio, che è stato avviato nell’ambito del programma Dragon dell’ESA, utilizza immagini dai satelliti Landsat degli Stati Uniti, che sono missioni di terze parti dell’ESA.

Le missioni di terze parti non sono missioni satellitari dell’ESA, ma in base ad un accordo, i dati di queste missioni vengono elaborati e archiviati anche dai sistemi terrestri multi-missione dell’ESA. Le missioni US Geological Survey e NASA Landsat rientrano in questo accordo.

Il dott. Dehecq ei suoi colleghi hanno analizzato quasi due milioni di coppie di immagini satellitari Landsat raccolte tra il 1985 e il 2017 e hanno utilizzato il rilevamento automatico delle caratteristiche per misurare la distanza che i tratti distintivi dei ghiacciai, come crepacci o chiazze di terra, avevano percorso tra immagini precedenti e successive.

Alex Gardner, anche lui del JPL, ha aggiunto: “L’abbiamo fatto milioni di volte per vedere i cambiamenti di velocità nell’ordine di un metro all’anno”.

Hanno scoperto che lo spessore del ghiaccio supera ogni altro fattore nella regolazione del flusso: più il ghiacciaio è sottile quanto più lento è il suo scorrere. Ciò sfida la teoria più intuitiva del flusso dei ghiacciai che si accelera a causa dell’effetto lubrificante dell’acqua di fusione alla base.

Il ruolo dell’attrazione gravitazionale

Uno dei motivi di questo rallentamento è la gravità. L’attrazione gravitazionale è legata alla massa, così come un ghiacciaio perde massa, la trazione si indebolisce provocando un flusso più lento.

Allo stesso modo, nei pochi punti in cui i ghiacciai si sono stabilizzati o dove si stanno ispessendosi anziché assottigliarsi, le velocità di flusso sono leggermente aumentate.

Noel Gourmelen, dell’Università di Edimburgo, ha dichiarato: “Ciò che sorprende di questo studio è che la relazione tra diradamento e velocità del flusso è così costante. “Questi risultati dovrebbero aiutarci a capire meglio come si sono comportati i ghiacciai in passato e a proiettare meglio il loro contributo alla disponibilità di acqua e al livello del mare mentre rispondono ai cambiamenti climatici.”

“Essere in grado di monitorare queste regioni remote dallo spazio per lunghi periodi di tempo è estremamente importante per capire cosa sta succedendo. Ora abbiamo anche le missioni europee Copernicus Sentinel, che svolgono un ruolo cruciale in questo tipo di monitoraggio”.

Il futuro dei ghiacciai asiatici

Con una così grande porzione della popolazione mondiale dipendente dall’acqua di queste montagne ghiacciate, i cambiamenti nelle dimensioni e nel flusso di questi ghiacciai possono portare gravi conseguenze per la società.

È chiaramente importante continuare a monitorare questa fragile regione come recentemente evidenziato dall’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) nella National Science Review: scalare le vette per i benefici sociali.

Riconoscendo la necessità di affrontare la facilità di accesso a informazioni affidabili e pertinenti alle politiche sulle risorse idriche, integrando le conoscenze emergenti sui cambiamenti accelerati nella criosfera delle alte montagne, il vertice di alta montagna WMO si svolgerà nell’ottobre 2019.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 2 =