Rivelate tracce di acqua sull’asteroide Bennu. I dati della sonda OSIRIS-REx

Dati recentemente analizzati dalla missione NASA Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security-Regolith Explorer (OSIRIS-REx) hanno rivelato la presenza di acqua bloccata all’interno delle argille che costituiscono il suo obiettivo scientifico, l’asteroide Bennu.

Durante la fase di avvicinamento della missione, tra metà agosto e inizio dicembre, il veicolo spaziale ha percorso 2,2 milioni di km nel suo viaggio dalla Terra, per arrivare a 19 km da Bennu il 3 dicembre.

In questo intervallo di tempo, il team scientifico sulla Terra ha puntato tre degli strumenti della sonda verso Bennu e ha iniziato a fare le prime osservazioni scientifiche della missione sull’asteroide. OSIRIS-REx è la prima missione di ritorno con campioni di asteroidi della NASA.

L’acqua che non ci si aspetta

I dati ottenuti dai due spettrometri della sonda spaziale, lo spettrometro a infrarossi e visibile OSIRIS-REx (OVIRS) e lo spettrometro di emissione termica OSIRIS-REx (OTES) rivelano la presenza di molecole che contengono ossidi di ossigeno e idrogeno uniti, noti come “idrossili”. “Il team sospetta che questi gruppi idrossilici esistano globalmente attraverso l’asteroide in minerali argillosi portatori d’acqua, il che significa che a un certo punto il materiale roccioso di Bennu ha interagito con l’acqua.

Mentre Bennu stesso è troppo piccolo per avere mai ospitato acqua liquida, la scoperta indica che l’acqua liquida era presente in qualche momento sul corpo genitore di Bennu, un asteroide molto più grande.

“La presenza di minerali idrati attraverso l’asteroide conferma che Bennu, un residuo della formazione del sistema solare, è un eccellente esempio per la missione OSIRIS-REx di studiare la composizione di molecole primitive volatili e organiche”, ha detto Amy Simon, presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. “Quando i campioni di questo materiale verranno restituiti dalla missione sulla Terra nel 2023, gli scienziati riceveranno un tesoro di nuove informazioni sulla storia e l’evoluzione del nostro sistema solare.”

Le misure di Bennu

Inoltre, i dati ottenuti da OSIRIS-REx Camera Suite (OCAMS) confermano le osservazioni telescopiche da terra di Bennu e confermano il modello originale sviluppato nel 2013 dal capo del team scientifico di OSIRIS-REx Michael Nolan e collaboratori. Quel modello predisse da vicino la forma attuale dell’asteroide, con il diametro, il tasso di rotazione, l’inclinazione e la forma complessiva di Bennu.

Un outlier dal modello di forma previsto è la dimensione del grosso masso vicino al polo sud di Bennu. Il modello sviluppato a terra ha calcolato che questo masso è alto almeno 10 metri. I calcoli preliminari delle osservazioni OCAMS mostrano che il masso è più vicino a 50 metri di altezza, con una larghezza di circa 55 metri.

Il materiale di superficie di Bennu è un mix di regioni rocciose, piene di massi e alcune regioni relativamente lisce e prive di massi. Tuttavia, la quantità di massi sulla superficie è più alta del previsto. Il team farà ulteriori osservazioni a distanze più ravvicinate per valutare più accuratamente dove può essere prelevato un campione, per poi essere riportato sulla Terra.

Un asteroide ideale

“I nostri dati iniziali mostrano che il team ha scelto l’asteroide giusto come obiettivo della missione OSIRIS-REx. Fino ad ora non abbiamo scoperto alcun problema insormontabile a Bennu”, ha affermato Dante Lauretta, investigatrice principale di OSIRIS-REx presso l’Università dell’Arizona, a Tucson. “Il veicolo spaziale è sano e gli strumenti scientifici funzionano meglio del necessario. È ora che inizi la nostra avventura.”

La missione sta attualmente effettuando una ricognizione preliminare sull’asteroide, facendo volare il veicolo spaziale in passaggi sopra il polo nord, l’equatore e il polo sud di Bennu, a distanze fino a 77 km, per determinare meglio la massa dell’asteroide. Gli scienziati e gli ingegneri della missione devono conoscere la massa dell’asteroide per progettare l’orbita dell’astronave in orbita, poiché la massa influisce sull’attrazione gravitazionale dell’asteroide sull’astronave. Conoscere la massa di Bennu aiuterà anche il team scientifico a comprendere la struttura e la composizione dell’asteroide.

Questo sondaggio fornisce anche la prima opportunità per l’OSIRIS-REx Laser Altimeter (OLA), uno strumento fornito dall’Agenzia spaziale canadese, per effettuare osservazioni, ora che il veicolo spaziale è in prossimità di Bennu.

Guarda il video che mostra l’asteroide Bennu in 3D.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − otto =