Uno strumento per lo studio dei fulmini, applicato alla Stazione Spaziale Internazionale

Il monitor delle interazioni spazio-spazio – ASIM – si sta comportando bene, collocato al di fuori del modulo del laboratorio europeo Columbus sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Lanciato nell’aprile 2018, il cacciatore di tempeste è costituito da un gruppo di fotocamere ottiche, fotometri e un rilevatore di raggi X e gamma. È stato progettato per cercare le scariche elettriche che nascono in condizioni meteorologiche temporalesche che si estendono nell’atmosfera superiore.

Questi di “eventi luminosi transitori” sono noti anche con i termini più fantasiosi di red sprites, blue jets and elves, gli “elfi”.

Studiare i temporali dal satellite

I satelliti li hanno sondati e le osservazioni sono state fatte anche dalle cime delle montagne, ma poiché si verificano sopra i temporali sono difficili da studiare in modo dettagliato dalla Terra.

Al contrario, l’orbita bassa della International Space Station copre una grande parte della Terra lungo l’equatore e si trova in posizione ideale per catturare red sprites, blue jets.

L’astronauta dell’ESA Andreas Mogensen è riuscito a catturare gli “elfi” con l’aiuto di una telecamera durante la sua missione 2015 a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Ora in mesi di operazioni regolari, ASIM sta funzionando bene. Utilizzando i dati raccolti i ricercatori stanno studiando la relazione tra esplosioni di raggi gamma terrestri, fulmini e scariche elettriche ad alta quota in tutte le stagioni, diverse latitudini e diverse ore del giorno e della notte.

Le relazioni tra fulmini e atmosfera

Oltre ad essere un fenomeno poco compreso e parte del nostro mondo, queste potenti cariche elettriche possono raggiungere in alto la stratosfera e avere implicazioni su come la nostra atmosfera ci protegge dalle radiazioni provenienti dallo spazio.

ASIM sta impegnando a fondo i ricercatori. I dati raccolti finora hanno richiesto più di otto presentazioni alla riunione di dicembre dell’American Geophysical Union, il più grande raduno internazionale di scienziati della Terra e dello spazio.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 1 =