La dieta ideale, sana e sostenibile per il nostro pianeta

La trasformazione del sistema alimentare globale è urgente poiché oltre 3 miliardi di persone sono malnutrite e la produzione alimentare sta superando i limiti concessi dal nostro pianeta. Questo processo influisce sul cambiamento climatico, sulla perdita di biodiversità, sull’inquinamento dovuto all’eccesso di applicazione di fertilizzanti all’azoto e al fosforo. Ha inoltre importanti ed insostenibili implicazioni nei cambiamenti nell’uso dell’acqua e della terra.

I risultati sono tratti dalla EAT-Lancet Commission che fornisce i primi obiettivi scientifici per una dieta sana, generata da un sistema di produzione alimentare sostenibile. Il rapporto promuove diete costituite da una varietà di alimenti a base vegetale, con basse quantità di alimenti a base animale, cereali raffinati, cibi altamente trasformati e zuccheri aggiunti e con grassi insaturi anziché saturi.

Dieta e salute per una popolazione che cresce

Le diete inestricabilmente collegano la salute e la sostenibilità ambientale. Tuttavia, le attuali diete spingono la Terra oltre i suoi limiti, causando problemi di salute. Ciò mette a rischio sia le persone che il pianeta stesso. Fornire diete sane da sistemi alimentari sostenibili è una sfida importante, considerando che la popolazione continua a crescere (proiettata per raggiungere 10 miliardi di persone entro il 2050) e a diventare più ricca (con l’aspettativa di un consumo più elevato di alimenti a base animale).

Per affrontare questa sfida, i cambiamenti alimentari devono essere combinati con una migliore produzione alimentare e una riduzione degli sprechi alimentari. Gli autori sottolineano che sarà necessaria una collaborazione e un impegno globali senza precedenti. Inoltre, saranno necessari cambiamenti immediati come la rifocalizzazione dell’agricoltura, per produrre varie colture ricche di sostanze nutritive, e una maggiore governance dell’uso della terra e degli oceani.

“Il cibo che mangiamo e il modo in cui lo produciamo determina la salute delle persone e del pianeta, e attualmente stiamo sbagliando”, dice uno degli autori, il professor Tim Lang, City, University of London, UK. “Abbiamo bisogno di una revisione significativa, cambiando il sistema alimentare globale su una scala mai vista prima, in modi appropriati alle circostanze di ogni paese. Anche se questo è un territorio politico inesplorato e questi problemi non sono facilmente risolvibili, questo obiettivo è alla portata e ci sono opportunità per adeguare le politiche internazionali, locali e aziendali. Gli obiettivi scientifici che abbiamo ideato per una dieta sana e sostenibile sono una base importante che sosterrà e guiderà questo cambiamento.”

La Commissione è un progetto triennale che riunisce 37 esperti provenienti da 16 paesi con competenze in materia di salute, nutrizione, sostenibilità ambientale, sistemi alimentari, economia e governance politica.

Obiettivi scientifici per una dieta sana: la dieta per la salute planetaria

Nonostante l’aumento della produzione alimentare contribuisca a migliorare l’aspettativa di vita e riduca la fame, i tassi di mortalità infantile e la povertà globale negli ultimi 50 anni, questi benefici vengono ora compensati da cambiamenti globali verso diete malsane ad alto contenuto di calorie, zucchero, amidi raffinati e alimenti a base animale e a basso contenuto di frutta, verdura, cereali integrali, legumi, noci e pesce.

Gli autori sostengono che la mancanza di obiettivi scientifici per una dieta sana ha ostacolato gli sforzi per trasformare il sistema alimentare. Sulla base delle migliori prove disponibili, la Commissione propone un modello alimentare che soddisfa i requisiti nutrizionali, promuove la salute e consente al mondo di rimanere entro i limiti del pianeta.

Rispetto alle attuali diete, l’adozione globale delle nuove raccomandazioni entro il 2050 richiederà un consumo globale di alimenti come carne rossa e zucchero diminuite di oltre il 50%, mentre il consumo di noci, frutta, verdura e legumi deve aumentare più di due volte.

I paesi del Nord America mangiano quasi 6,5 volte la quantità raccomandata di carne rossa, mentre i paesi dell’Asia meridionale mangiano solo la metà della quantità raccomandata. Tutti i paesi stanno mangiando più verdure amidacee (patate e manioca) di quanto raccomandato, con rapporti che vanno da 1,5 volte sopra la raccomandazione nell’Asia meridionale e 7,5 volte nell’Africa sub-sahariana.

Una dieta che deve cambiare

“Le diete del mondo devono cambiare radicalmente. Più di 800 milioni di persone hanno cibo insufficiente, mentre molti altri consumano una dieta malsana che contribuisce alla morte prematura e alle malattie”, afferma il commissario Walter Willett, Università di Harvard, USA. “Per essere sani, le diete devono avere un apporto calorico adeguato e consistono in una varietà di alimenti a base vegetale, basse quantità di alimenti a base animale, grassi insaturi piuttosto che saturi e pochi cereali raffinati, cibi altamente trasformati e zuccheri aggiunti. Le quantità che suggeriamo consentono di adattarsi a vari tipi di alimenti, sistemi agricoli, tradizioni culturali e preferenze alimentari individuali, tra cui numerose diete per onnivori, vegetariane e vegane.”

Sulla base di una dieta da 2.500 kcal / giorno, gli obiettivi dietetici consistono in un’assunzione giornaliera combinata di:

 

Food group Macronutrient intake range (grams/day), ranges included Calorie intake (kcal/day)
Major carbohydrate sources – 0-60% of energy
Whole grains (such as rice, wheat, corn), dry 232 grams (adjusted to meet energy target) 811
Starchy vegetables (potatoes and cassava) 50 (0-100) grams 39
Protein – around 15% of energy intake
Beef or lamb 7 (0-14) grams 15
Pork 7 (0-14) grams 15
Poultry 29 (0-58) grams 62
Eggs 13 (0-25) grams (about 1.5 eggs per week) 19
Fish (including shellfish) 28 (0-100) grams 40
Dry beans, lentils or peas 50 (0-100) grams 172
Soy foods, dry 25 (0-50) grams 112
Peanuts 25 (0-75) grams 142
Tree nuts 25 (0-75) grams 149
Dairy (whole milk and dairy products, such as cheese) 250 (0-500) grams 153
Fruit and vegetables
Vegetables 300 (200-600) grams, including 100 grams of dark green vegetables, 100 grams red and orange vegetables, and 100 grams of other vegetables 23 – Dark green vegetables

30 – Red and orange vegetables

25 – Other vegetables

Fruits 200 (100-300) grams 126
Added fats
Palm oil 6.8 (0-6.8) grams 60
Unsaturated oils (olive, soybean, rapeseed, sunflower, and peanut oil) 40 (20-80) grams 354
Dairy fats (such as butter) 0 grams 0
Lard or tallow 5 (0-5) grams 36
Added sugars
All sweeteners 31 (0-31) grams 120

 

Una dieta più equilibrata per vivere più a lungo

Gli autori stimano che l’adozione su larga scala di una tale dieta potrebbe migliorare l’assunzione della maggior parte dei nutrienti – aumentando l’assunzione di acidi mono e polinsaturi sani e riducendo il consumo di grassi saturi insalubri. Aumenterebbe anche l’assunzione di micronutrienti essenziali (come ferro, zinco, acido folico e vitamina A, così come il calcio nei paesi a basso reddito), fatta eccezione per la vitamina B12, dove in alcune circostanze potrebbe essere necessaria un’integrazione.

Hanno anche modellato i potenziali effetti dell’adozione globale della dieta sulle morti causate da malattie legate all’alimentazione. Tre modelli ciascuno hanno mostrato importanti benefici per la salute, suggerendo che l’adozione della nuova dieta a livello globale potrebbe evitare tra 10,9 e 11,6 milioni di morti premature all’anno – riducendo i decessi per adulti tra il 19 e il 23,6%.

Gli autori sottolineano che le evidenze scientifiche relative alla dieta, alla salute umana e alla sostenibilità ambientale sono in continua evoluzione e includono aspetti incerti. Il professor Lang dice: “Mentre le principali trasformazioni al sistema alimentare si sono verificate in Cina, Brasile, Vietnam e Finlandia nel XX° secolo, e dimostrano che le diete possono cambiare rapidamente, l’umanità non ha mai mirato a cambiare radicalmente il sistema alimentare a una tale velocità. Le persone potrebbero pensare che l’azione è prematura, tuttavia, le prove sono sufficienti e sufficientemente forti da giustificarla, e qualsiasi ritardo aumenterà la probabilità di non raggiungere obiettivi cruciali per la salute e il clima.”

Sostenibilità alimentare

Dalla metà degli anni ’50, il ritmo e le dimensioni del cambiamento ambientale sono cresciuti esponenzialmente. La produzione alimentare è la più grande fonte di degrado ambientale. Tuttavia, la produzione deve essere intensificata, in modo sostenibile, per soddisfare le crescenti richieste alimentari della popolazione mondiale.

Ciò richiederà la decarbonizzazione della produzione agricola, eliminando l’uso di combustibili fossili e le perdite di CO2 nell’uso del suolo in agricoltura. Inoltre, sono necessarie zero perdite di biodiversità, espansione netta zero di terreni agricoli in ecosistemi naturali e drastici miglioramenti nell’efficienza dell’uso di fertilizzanti e acqua.

Gli autori stimano le emissioni minime e inevitabili di gas serra se vogliamo fornire cibo sano a 10 miliardi di persone entro il 2050. Essi concludono che le emissioni di gas a effetto serra non di CO2, di metano e protossido di azoto rimarranno tra 4,7-5,4 gigatonnellate nel 2050, con emissioni attuali già stimate a 5,2 gigatonnellate nel 2010. Ciò suggerisce che la decarbonizzazione del sistema energetico mondiale deve progredire più rapidamente del previsto, per soddisfare la necessità di nutrire in modo sano gli esseri umani senza danneggiare ulteriormente il pianeta.

Anche l’uso di fosforo deve essere ridotto (da 17,9 a 6-16 teragrammi), così come la perdita di biodiversità (da 100 a 1-80 estinzioni per milione di specie all’anno).

Sulla base delle loro stime, i livelli attuali di azoto, terra e acqua possono essere compresi nel limite previsto per il 2050 (da 131,8 teragrammi nel 2010 a tra 65-140 nel 2050, da 12,6 M km2 nel 2010 a 11-15 M km2 nel 2050, e da 1,8 M km3 nel 2010 rispetto a 1-4 M km3, rispettivamente) ma richiederà sforzi continui.

Obbiettivi ambiziosi ma raggiungibili

Utilizzando questi obiettivi, gli autori hanno modellato vari scenari per sviluppare un sistema alimentare sostenibile e fornire diete sane entro il 2050.

“Progettare e rendere operativi i sistemi alimentari sostenibili in grado di fornire diete sane per una popolazione mondiale in crescita e più ricca rappresenta una sfida formidabile. Nientemeno che una nuova rivoluzione agricola globale. La buona notizia è che non solo è fattibile, abbiamo sempre più prove che può essere raggiunta attraverso un’intensificazione sostenibile a vantaggio sia degli agricoltori, sia dei consumatori e del pianeta”, afferma il commissario Professor Johan Rockström, Stockholm Resilience Centre, Svezia e Potsdam Institute for Climate Impact Research, Germania.

“L’umanità rappresenta una minaccia per la stabilità del pianeta. Pertanto, la sostenibilità del sistema alimentare deve essere definita da una prospettiva planetaria. Cinque processi ambientali fondamentali regolano lo stato del pianeta. La nostra definizione di produzione alimentare sostenibile richiede che non vengano utilizzati ulteriori terre, salvaguardare la biodiversità esistente, ridurre l’uso di acqua e gestire l’acqua in modo responsabile, ridurre sostanzialmente l’inquinamento da azoto e fosforo, produrre

emissioni zero di diossido di carbonio e non provocare ulteriori aumenti delle emissioni di metano e protossido di azoto. Non esiste una pallottola d’argento per combattere le pratiche dannose di produzione alimentare, ma definendo e quantificando uno spazio operativo sicuro per i sistemi alimentari, si possono identificare diete che alimenteranno la salute umana e reggeranno la sostenibilità ambientale.” Continua la professoressa Rockström.

Trasformare il sistema alimentare globale

La Commissione propone cinque strategie per adeguare ciò che le persone mangiano e come viene prodotto.

In primo luogo, sono necessarie politiche per incoraggiare le persone a scegliere diete sane, compreso il miglioramento della disponibilità e dell’accessibilità a cibi sani attraverso una migliore logistica e stoccaggio, una maggiore sicurezza alimentare e politiche che promuovano gli acquisti da fonti sostenibili. Oltre alle restrizioni pubblicitarie e alle campagne educative, anche l’accessibilità è cruciale e i prezzi alimentari devono riflettere i costi di produzione e ambientali. Poiché ciò potrebbe aumentare i costi per i consumatori, potrebbe essere necessaria una protezione sociale per i gruppi vulnerabili, per evitare una cattiva alimentazione nei gruppi a basso reddito.

Sono necessarie strategie per riorientare l’agricoltura dalla produzione di grandi quantità alla produzione di varie colture ricche di sostanze nutritive. Attualmente, le piccole e medie aziende agricole forniscono oltre il 50% delle sostanze nutritive essenziali nell’approvvigionamento alimentare globale. Le politiche agricole globali dovrebbero incentivare i produttori a coltivare alimenti nutrienti a base vegetale, a sviluppare programmi che supportino diversi sistemi di produzione e ad aumentare i finanziamenti per la ricerca di metodi per aumentare la nutrizione e la sostenibilità. In alcuni contesti, l’allevamento di animali è importante per la nutrizione e l’ecosistema. I benefici e i rischi della zootecnia dovrebbero essere considerati caso per caso.

Agricoltura sostenibile

Anche l’intensificazione dell’agricoltura sostenibile sarà fondamentale e dovrà tenere conto delle condizioni locali per aiutare ad applicare pratiche agricole appropriate e generare colture sostenibili e di alta qualità.

Allo stesso modo, una governance efficace dell’uso del territorio e degli oceani sarà importante per preservare gli ecosistemi naturali e assicurare la continuità delle forniture alimentari. Ciò potrebbe essere ottenuto proteggendo aree naturali a terra (potenzialmente attraverso incentivi), proibendo la compensazione dei terreni, ripristinando terreni degradati, eliminando sussidi di pesca dannosi e chiudendo almeno il 10% delle zone marine alla pesca.

Infine, lo spreco alimentare deve essere almeno dimezzato. La maggior parte degli sprechi alimentari si verifica nei paesi a basso e medio reddito durante la produzione alimentare a causa della scarsa pianificazione del raccolto, della mancanza di accesso ai mercati che impedisce la vendita di prodotti e della mancanza di infrastrutture per immagazzinare e trattare gli alimenti. Sono necessari investimenti migliori nella tecnologia e nell’istruzione per gli agricoltori. Lo spreco alimentare è un problema anche nei paesi ad alto reddito, in cui è principalmente causato dai consumatori e può essere risolto attraverso campagne per migliorare le abitudini di acquisto, aiutare a capire “prima” e “usare entro” le date di scadenza e migliorare lo stoccaggio, la preparazione, le porzioni e l’uso degli avanzi.

La lotta alla cattiva alimentazione

Il dott. Richard Horton, redattore capo di The Lancet, afferma: “Una cattiva alimentazione è un fattore chiave e un fattore di rischio per le malattie. Tuttavia, c’è stato un fallimento globale nell’affrontare questo problema. È il problema di tutti e di nessuno”.

Continua: “La trasformazione che questa Commissione richiede non è superficiale o semplice, e richiede un focus su sistemi complessi, incentivi e regolamenti, con comunità e governi a più livelli che hanno un ruolo da svolgere nel ridefinire il modo in cui mangiamo. La nostra connessione con la natura è la risposta, e se possiamo mangiare in un modo che funzioni sia per il nostro pianeta che per i nostri corpi, sarà ripristinato l’equilibrio naturale delle risorse del pianeta. La vera natura che sta scomparendo è la chiave per la sopravvivenza umana e planetaria”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × tre =