Il futuro dei trapianti di rene: ottenuti reni di topo da cellule staminali pluripotenti di ratto

Reni completamente sviluppati, formati a partire da cellule staminali pluripotenti del topo, sono stati generati in ratti geneticamente modificati al fine di impedire uno sviluppo normale dei reni. È questo quanto riporta un articolo, pubblicato su Nature Communications. Le cellule staminali pluripotenti sono state iniettate in ratti embrionali, che sono state poi a loro volta trasferite a ratti surrogati per svilupparsi.

La dimostrazione che è possibile far sviluppare reni umani negli animali potrebbe un giorno avere il potenziale per mitigare la carenza di organi disponibili per il trapianto. Tuttavia, al momento, il problema di come attraversare la barriera imposta dalle differenze di specie non è stato risolto.

Dalle blastocisti ai reni

Usando lo stesso approccio che avevano usato in precedenza per generare un pancreas derivato da topi, nei ratti, Masumi Hirabayashi e colleghi hanno iniettato le cellule staminali pluripotenti di topo nelle strutture precoci dell’embrione, chiamate blastocisti. Queste blastocisti erano state raccolte da ratti che erano stati in precedenza geneticamente modificati in modo che non potessero formare i reni. Le blastocisti sono state quindi trasferite in un ratto ospite per la successiva fase di sviluppo.

Sebbene la mutazione abbia causato la morte dei topi poco dopo la nascita, il che limita l’analisi funzionale che potrebbe aver luogo, gli autori hanno scoperto che i reni derivati ​​dai topi avevano lo stesso numero di glomeruli dei reni normali e possedevano le normali giunzioni uretere-vescica completamente formate.

Il futuro delle cellule staminali pluripotenti

Prima che questo metodo possa essere potenzialmente preso in considerazione per lo sviluppo di organi umani, sarà necessario un preciso e completo processo di caratterizzazione della funzionalità renale e dell’architettura dell’organo generato. Tuttavia, dovranno essere affrontate anche questioni riguardanti l’attraversamento di una barriera di specie più ampia, la natura chimerica degli organi prodotti e considerazioni etiche riguardanti il ​​loro sviluppo.

 

Teppei Goto, et al. Generation of pluripotent stem cell-derived mouse kidneys in Sall1-targeted anephric rats. Nature Communications, 2019.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 2 =