La psoriasi fa aumentare il rischio di infarto, ma gli antiinfiammatori biologici possono ridurlo

I farmaci antinfiammatori biologici usati per il trattamento della psoriasi grave hanno il potenziale di prevenire le malattie cardiache in pazienti con questa malattia della pelle. È quanto emerge da una ricerca pubblicata nei giorni scorsi su Cardiovascular Research. Durante un anno di trattamento, la terapia biologica ha migliorato la placca coronarica con un effetto simile a quello di una statina a basse dosi.

I farmaci biologici

Un farmaco biologico è prodotto in un sistema vivente come un microrganismo o cellule vegetali o animali. La maggior parte dei prodotti biologici sono molecole molto grandi e complesse o miscele di molecole. Molti prodotti biologici sono prodotti utilizzando la tecnologia del DNA ricombinante.

Al contrario, un farmaco viene in genere prodotto attraverso la sintesi chimica, il che significa che è fatto combinando specifici ingredienti chimici in un processo ordinato.

Psoriasi e malattia coronarica

“La gravità della psoriasi è correlata alla presenza di una malattia coronarica – i nostri risultati suggeriscono che il trattamento della psoriasi può potenzialmente portare beneficio anche alla malattia coronarica”, ha detto l’autore dello studio il dott. Nehal Mehta, capo del National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI), National Institutes of Health (NIH), di Bethesda, Maryland.

La psoriasi provoca macchie cutanee squamose, spesso sui gomiti, sulle ginocchia, sul cuoio capelluto e sulla zona lombare. I pazienti con questa condizione della pelle hanno un rischio elevato di sviluppare malattie cardiache. I pazienti giovani con psoriasi grave hanno il doppio del rischio di avere un primo infarto a 40-50 anni di età.

Un’infiammazione diffusa

I pazienti con psoriasi hanno spesso un’infiammazione in tutto il corpo e possono essere trattati con una terapia biologica antinfiammatoria. L’impiego di questo trattamento è solitamente riservato ai casi con alterazioni cutanee gravi, quando i trattamenti topici o la fototerapia non hanno funzionato. Questo studio ha cercato di valutare se il trattamento della psoriasi grave con un prodotto biologico potesse migliorare la salute delle arterie coronarie.

Psoriasi grave e terapia biologica

Lo studio ha evidenziato che i pazienti con psoriasi grave che avevano assunto una terapia biologica per un anno avevano avuto una riduzione dell’8% della presenza delle placche coronariche totali e di quelle non calcificate. L’effetto è risultato simile a quello ottenibile con una statina a basse dosi.

Anche la composizione delle placche coronariche è migliorata assumendo farmaci biologici. Il carico di placche coronariche è aumentato del 2% nei pazienti che non avevano assunto un prodotto biologico.

La dott.ssa Mehta ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che questi farmaci antinfiammatori comunemente usati per il trattamento della psoriasi grave migliorano anche la placca nell’arteria coronaria, rendendola più stabile, con minori probabilità di causare un infarto. Ciò è avvenuto in assenza di cambiamenti nei tradizionali fattori di rischio cardiovascolare, tra cui la pressione sanguigna e i lipidi nel sangue”.

La valutazione dell’infiammazione sistemica

Durante il follow-up di un anno, l’infiammazione sistemica valutata mediante marcatori ematici si è ridotta solo nel gruppo che ha assunto la terapia biologica. Il dott. Mehta ha affermato che è troppo presto per dire se i prodotti biologici esercitano i loro effetti sulle placche coronariche direttamente o riducendo l’infiammazione sistemica. Ha aggiunto: “Questo studio preliminare fornisce la prima prova che la terapia biologica è associata alla riduzione e alla stabilizzazione della placca coronarica e fornisce forti motivazioni per la conduzione di uno studio randomizzato che verifichi l’impatto della terapia biologica sulla progressione della malattia coronarica in pazienti con psoriasi.”

Il dott. Mehta ha osservato che alcuni pazienti con psoriasi grave scelgono di non assumere un farmaco biologico perché sopprime il sistema immunitario e può aumentare la probabilità di contrarre un’infezione. Inoltre, devono essere iniettati.

La terapia biologica antinfiammatoria

Ricerche precedenti hanno dimostrato che nei pazienti con infarto miocardico, la terapia biologica antinfiammatoria riduce il rischio di sviluppare un altro evento cardiovascolare. “Con i risultati di quello studio e di quello attuale, il mio messaggio ai pazienti con psoriasi è di prendere sul serio l’infiammazione non trattata” dice il dottor Mehta. “Quando qualcuno ha una grave psoriasi, è a maggior rischio di infarto e il trattamento della psoriasi può ridurre tale rischio”.

Lo studio osservazionale ha incluso 121 pazienti con psoriasi grave che si sono qualificati per il trattamento biologico. Di questi, 89 hanno assunto uno dei tre tipi di terapia biologica impiegati e 32 hanno usato un trattamento topico. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a una valutazione delle loro arterie coronariche con angio-tomografica computerizzata, al basale e ad un anno, per valutare la quantità e le caratteristiche delle placche, come il nucleo necrotico che causa la rottura della placca.

 

 

Elnabawi YA, Dey AK, Goyal A, et al. Coronary artery plaque characteristics and treatment with biologic therapy in severe psoriasis: results from a prospective observational study. Cardiovasc Res. 2018.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × quattro =