In netto aumento l’incidenza dei tumori legati all’obesità, in particolare nei giovani

Uno studio osservazionale che ha utilizzato un database che copre più della metà della popolazione statunitense, suggerisce che i tassi di incidenza dei tumori legati all’obesità stanno aumentando rapidamente nei giovani adulti. I risultati, pubblicati sulla rivista The Lancet Public Health, nel numero dedicato alla Giornata mondiale contro il cancro, potrebbero indicare che in futuro si assisterà ad un ulteriore aggravamento della situazione.

L’aumento dell’incidenza del cancro legato all’obesità

Lo studio suggerisce che l’aumento più netto dell’incidenza del cancro legato all’obesità è negli adulti tra i 25 e i 49 anni. Ciò è vero per metà dei 12 tumori classificati come correlati all’obesità: colon-retto, utero, cistifellea, rene, pancreas e mieloma multiplo. I pazienti sono stati divisi in gruppi di età di cinque anni, da 25-29 a 80-84 anni. Ogni gruppo di età più giovane ha registrato un aumento percentuale maggiore. Degli altri 18 tipi di tumore inclusi nello studio, solo due hanno mostrato una tendenza simile, mentre otto – per lo più legati al fumo, a infezioni o entrambi – hanno mostrato un declino, il resto è rimasto stabile.

Nonostante questi aumenti di rischio, gli autori osservano che l’incidenza complessiva di questi tumori rimane più elevata nei gruppi di età più avanzata rispetto ai gruppi di età più giovane.

La maggior parte dei tumori si verifica negli adulti più anziani

“I nostri risultati rivelano un recente cambiamento che potrebbe servire da avvertimento per un aumento del carico di tumori legati all’obesità negli adulti più anziani”, afferma il dott. Ahmedin Jemal dell’American Cancer Society, USA. “La maggior parte dei tumori si verifica negli adulti più anziani, il che significa che è probabile che il carico dei casi di tumore e dei decessi correlati all’obesità aumenti ancora di più. Alla vigilia del World Cancer Day, è giunto il momento di considerare cosa si può fare per scongiurare l’imminente ascesa.”

Cancro e obesità

La maggior parte degli studi epidemiologici si è concentrata su popolazioni più anziane, quindi l’effetto sul rischio di cancro di eccesso di peso corporeo nella prima età o di aumento di peso in età adulta non è ben compreso. In alcuni tumori, l’eccesso di peso corporeo durante la prima età adulta potrebbe essere un’influenza importante sul rischio di sviluppare un cancro, rispetto all’aumento di peso in età avanzata. Questo è il primo studio per esaminare le tendenze contemporanee di incidenza nei giovani adulti per un elenco completo dei tumori negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno analizzato i dati di incidenza di 25 registri dei tumori di stato, che coprono il 67% della popolazione statunitense. Hanno preso in considerazione 30 dei più comuni tipi di cancro, tra cui 12 tumori legati all’obesità, nelle persone di età compresa tra 25 e 84 anni, diagnosticati tra il 1995 e il 2014. Durante questo lasso di tempo, ci sono stati 14.672.409 casi di 30 tipi di cancro.

L’incremento delle neoplasie

L’incidenza di mieloma multiplo e tumori del colon-retto, del corpo uterino, della cistifellea, dei reni, del pancreas e della tiroide è aumentata negli adulti più giovani (da 25 a 49 anni). Le incidenze sono aumentate anche negli adulti più anziani, ad eccezione del tumore del colon-retto, ma in misura minore. Più giovane è il gruppo di età, maggiore è la dimensione dell’aumento – in tutti e sette i tipi di cancro tranne il cancro alla tiroide.

Ad esempio, nel cancro del pancreas la variazione media annuale è stata pari o inferiore all’1% nelle persone di età compresa tra 40 e 84 anni, 1,3% in quelle di età compresa tra 35 e 39 anni e 2,5% tra 30 e 34 anni. Nella fascia d’età più giovane (da 25 a 29 anni), era del 4,3%.

Tra i sei tipi di cancro, l’aumento annuale variava dallo 0,4% nel cancro del corpo uterino al 3,0% nel cancro del rene tra i 45 ei 49 anni e dall’1,4% nel mieloma multiplo fino al 6,2% nel cancro del rene nella fascia 25-29 anni.

Mentre i tassi aumentano più rapidamente negli adulti più giovani, è importante notare che l’incidenza complessiva è inferiore a quella degli adulti più anziani in cui viene diagnosticata la maggior parte dei tumori. Ad esempio, circa due casi di cancro al pancreas sono stati diagnosticati ogni 100.000 persone di 25-49 anni all’anno tra il 2010-2014, rispetto a circa 37 su 100.000 di 50-84 anni.

Il cancro al seno

In contrasto con gli altri tumori legati all’obesità, il rischio di sviluppare il cancro al seno è rimasto generalmente invariato nelle giovani generazioni. Questo potrebbe riflettere il fatto che alcuni tipi di tumore al seno sono in aumento mentre altri in declino. Gli autori suggeriscono che potrebbero anche essere in gioco altri fattori, come cambiamenti nella pratica dello screening e fattori riproduttivi delle donne, tra cui l’età alla prima gravidanza a termine e il numero di bambini.

L’epidemia di obesità

Nel complesso, i risultati potrebbero riflettere l’epidemia di obesità degli ultimi 40 anni. I tassi di obesità sono più che raddoppiati negli Stati Uniti tra il 1984 e il 2014. L’obesità è ora una delle cause più prevenibili di cancro negli Stati Uniti e nel Regno Unito – circa 1 su 12 casi negli Stati Uniti sono causati da eccesso di peso e più di 1 in 20 nel Regno Unito.

“Negli ultimi decenni, i tassi di mortalità sono stati in declino per la maggior parte dei tumori, ma nel futuro l’obesità potrebbe invertire tale progresso, salvo eventuali interventi. Le generazioni più giovani stanno vivendo un’esposizione precoce e di più lunga durata al grasso in eccesso e alle condizioni di salute legate all’obesità che possono aumentare il rischio di cancro”, afferma il dott. Jemal.

La principale autrice, la dott.ssa Hyuna Sung dell’American Cancer Society, USA, afferma: “Obesità è associata a condizioni di salute che possono contribuire al rischio di cancro. Ad esempio, il diabete, i calcoli biliari, le malattie infiammatorie intestinali e una dieta povera possono tutti aumentare l’incidenza del cancro. Anche la qualità della dieta americana è peggiorata negli ultimi decenni. Più della metà degli adulti tra 20 e 49 anni tra il 2010 e il 2012 ha riferito cattive abitudini alimentari, come mangiare poca frutta, verdure, cereali integrali, pesce e crostacei allo stesso tempo di mangiare troppo sale, fast food e bevande zuccherate”.

L’importanza dello screening per l’obesità

Gli autori chiedono un maggiore impegno nello screening dell’obesità. Meno della metà dei medici di medicina generale valuta regolarmente l’indice di massa corporea nei loro pazienti, nonostante le raccomandazioni nazionali. Solo un terzo delle persone obese riferisce di aver ricevuto una diagnosi o una consulenza per la perdita di peso. Gli autori suggeriscono che le restrizioni sulla pubblicità di cibi e bevande a basso contenuto calorico, le tasse sulle bevande zuccherate e la pianificazione urbana che promuove l’attività fisica potrebbero essere strategie efficaci per arginare la tendenza emergente.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici + 10 =