Meno finanziamenti alle donne per la ricerca scientifica

Un’analisi di circa 24.000 domande di sovvenzione presso il Canadian Institutes of Health Research (CIHR) rileva che le donne hanno meno successo nel ricevere finanziamenti se ai revisori viene chiesto esplicitamente di esaminare il ricercatore principale, piuttosto che quando viene loro richiesto di valutare la qualità della ricerca scientifica.

The Lancet, edizione speciale per l’uguaglianza di genere

L’articolo è inserito all’interno di un numero speciale di The Lancet dedicato alla promozione dell’uguaglianza di genere nella scienza, nella medicina e nella salute globale. La raccolta di documenti evidenzia che l’equità di genere nella scienza non è solo una questione di giustizia e diritti, ma è fondamentale per produrre la ricerca migliore. Pubblicando nuove prove, commenti e analisi, la rivista richiama ricercatori, medici, finanziatori, leader istituzionali e riviste mediche ad esaminare e affrontare le barriere sistemiche per far avanzare le donne nella scienza, nella medicina e nella salute globale.

Le donne come leader scientifici

Rispetto agli uomini, le donne hanno meno probabilità di essere considerate leader scientifici, contribuiscono a una maggiore manodopera per meno crediti sulle pubblicazioni e sono più soggette a molestie. Le donne sono sottorappresentate come autori e nella peer-review. Gli articoli e gli abstract delle conferenze guidati da donne sono accettati più frequentemente quando i revisori non sono consapevoli delle identità degli autori e le donne sono sottorappresentate come relatori invitati alle conferenze. Le donne hanno meno probabilità di raggiungere livelli più alti nelle facoltà di medicina rispetto agli uomini, anche dopo aver considerato età, esperienza, specialità e produttività della ricerca.

In tutti i paesi e le discipline, gli studi dimostrano che i ricercatori maschi ricevono più fondi per la ricerca rispetto alle loro coetanee. Tuttavia, non ci sono state finora prove certe per spiegarne la causa.

CIHR: le domande di finanziamento

Nel 2014, il CIHR ha suddiviso le domande di finanziamento in due nuovi schemi di sovvenzione, uno con un focus esplicito di revisione sul richiedente, e l’altro sulla ricerca proposta, creando un esperimento naturale unico.

Complessivamente, è stato finanziato circa il 16% delle domande di sovvenzione. Quando le valutazioni venivano fatte principalmente sulla qualità della scienza (75% del punteggio), il divario di genere era di 0,9 punti percentuali. Tuttavia, quando sono state fatte principalmente sulla leadership e sulla competenza del ricercatore principale (75% del punteggio), il divario di genere era di 4 punti percentuali.

I risultati dello studio

“Il nostro studio offre le prime prove solide che dimostrano come le differenze di genere nei finanziamenti per la ricerca derivano da valutazioni dello scienziato, non della scienza. Le donne sono valutate meno favorevolmente come investigatori principali.

La distorsione nella revisione delle sovvenzioni, sia individuale che sistemica, impedisce che la migliore ricerca venga finanziata. Quando ciò accade, le linee di ricerca non vengono studiate, le carriere sono danneggiate, i diritti individuali e il potenziale non vengono realizzati e le agenzie di finanziamento non sono in grado di offrire il miglior rapporto qualità-prezzo. Programmi che finanziano progetti, non persone, potrebbero ridurre questi ostacoli. Gli sforzi per correggere lo svantaggio cumulativo potrebbero anche aiutare a colmare le lacune che sono cresciute nel corso della carriera. Incoraggiamo tutti i finanziatori, le istituzioni, le riviste, le società e i singoli ricercatori a considerare il ruolo che tutti possono svolgere per garantire una rigorosa ed equa revisione tra pari”, afferma l’autore Dr Holly O Witteman, Université Laval, Quebec City (Canada).

Lo studio ha analizzato le domande presentate tra il 2011 e il 2016. Sono state incluse 23.918 domande da 7.093 richiedenti (63% di sesso maschile, 37% di donne). Le analisi statistiche hanno incluso l’età dei ricercatori principali e il dominio della ricerca sanitaria.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 14 =