Home Malattie infettive Il morbillo in Europa: numero record sia di malati che di immunizzati

Il morbillo in Europa: numero record sia di malati che di immunizzati

189
0

Sempre più bambini nella Regione Europea dell’OMS vengono vaccinati contro il morbillo come mai prima d’ora. I progressi sono stati però disomogenei tra e all’interno dei paesi, lasciando crescere gruppi di individui suscettibili non protetti. Il risultato è un numero record di persone colpite dal virus nel 2018.

Alla luce dei dati sul morbillo per l’anno 2018, pubblicati nei giorni scorsi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, i paesi europei vengono sollecitati a indirizzare i loro interventi verso quei luoghi e gruppi in cui persistono le lacune immunitarie.

adv

Il morbillo

Nel 2018 il morbillo ha ucciso 72 bambini e adulti nella Regione Europea. Secondo i rapporti mensili dei paesi da gennaio a dicembre 2018, 82.596 persone in 47 dei 53 paesi hanno contratto il morbillo. Nei paesi che hanno riportato dati di ospedalizzazione, quasi 2/3 (61%) dei casi di morbillo sono stati ospedalizzati. Il numero totale di persone infette dal virus nel 2018 è stato il più alto in questo decennio: 3 volte il totale riportato nel 2017 e 15 volte il basso numero di persone colpite nel 2016.

L’ondata di casi di morbillo nel 2018 ha seguito un anno in cui la Regione Europea ha raggiunto la copertura più alta mai stimata per la seconda dose di vaccinazione contro il morbillo (90% nel 2017). Un numero maggiore di bambini nella regione ha ricevuto in tempo le serie complete di due dosi, secondo i programmi di vaccinazione dei loro paesi, nel 2017 rispetto a qualsiasi anno da quando l’OMS ha iniziato a raccogliere dati sulla seconda dose, nel 2000.

La copertura con la prima dose del vaccino è aumentata leggermente al 95%, il livello più alto dal 2013. Tuttavia, i progressi nella regione, basati sui risultati a livello nazionale, possono mascherare le lacune a livello subnazionale, che spesso non vengono riconosciute fino a quando non si verificano epidemie.

Fermare la diffusione del morbillo

“Il quadro per il 2018 chiarisce che l’attuale ritmo dei progressi nell’innalzare i tassi di immunizzazione sarà insufficiente a fermare la circolazione del morbillo. Mentre i dati indicano una copertura vaccinale eccezionalmente elevata a livello regionale, riflettono anche un numero record di soggetti colpiti e uccisi dalla malattia. Ciò significa che le lacune a livello locale offrono ancora una porta aperta al virus”, afferma il dott. Zsuzsanna Jakab. “Non possiamo ottenere popolazioni più sane a livello globale, come promesso nella visione dell’OMS per i prossimi cinque anni, se non lavoriamo localmente. Dobbiamo fare di più e fare meglio per proteggere ogni persona da malattie che possono essere facilmente evitate.”

Una tragedia evitabile

Sebbene la copertura delle vaccinazioni sia complessivamente migliorata nella regione, molte persone rimangono sensibili.

  • La copertura stimata con la seconda dose di vaccino contro il morbillo era inferiore alla soglia del 95% per prevenire la circolazione (ovvero, per ottenere “l’immunità di gregge”) in 34 paesi della Regione nel 2017.
  • I tassi di copertura subnazionali indicano disparità anche all’interno dei paesi.
  • La copertura subottimale per entrambe le dosi apre la possibilità di trasmissione in futuro.

Il piano d’azione europeo

Il piano d’azione europeo sui vaccini per il periodo 2015-2020 (EVAP) stabilisce una strategia approvata da tutti i 53 Stati membri per eliminare sia il morbillo che la rosolia. Almeno il 95% di ogni popolazione deve essere immune, attraverso due dosi di vaccinazione o una precedente esposizione al virus, per garantire la protezione della comunità a tutti – compresi i bambini troppo piccoli per essere vaccinati e altri che non possono essere immunizzati a causa dell’esistenza di particolari malattie e condizioni mediche.

“Nell’adottare l’EVAP, tutti i paesi della regione europea hanno convenuto che l’eliminazione di morbillo e rosolia è possibile ed è anche un modo economico per proteggere le persone di tutte le età da sofferenze e morte evitabili”, afferma il dott. Nedret Emiroglu, direttore del Divisione delle emergenze sanitarie e malattie trasmissibili, Ufficio regionale dell’OMS per l’Europa.

Quarantatré paesi europei sono riusciti a interrompere la trasmissione del morbillo endemico per almeno 12 mesi a partire dalla fine del 2017. “I progressi nel raggiungere un’elevata copertura nazionale sono encomiabili. Tuttavia, non può renderci ciechi verso le persone e i luoghi che sono ancora in difetto. È qui che ora dobbiamo concentrare gli sforzi maggiori. Non dovremmo mai diventare compiacenti dei nostri successi, ma continuare a sforzarci di raggiungere l’ultimo miglio. Insieme possiamo farlo accadere”, conclude il dott. Emiroglu.

Chiudere la porta al morbillo

Molti fattori contribuiscono alla copertura di immunizzazione subottimale e alla diffusione del morbillo. Per prevenire epidemie ed eliminare il morbillo, i paesi devono sostenere un’alta copertura vaccinale nazionale e subnazionale con due dosi di vaccino, nonché identificare e affrontare tutte le sacche di sottoimmunizzazione.

L’ufficio regionale continua a lavorare con i paesi per migliorare i loro sistemi di immunizzazione e sorveglianza delle malattie.

Ciò include la costruzione di capacità e l’orientamento a:

  • assicurare che tutti i gruppi di popolazione abbiano un accesso equo ai servizi di vaccinazione e che questi siano convenienti;
  • identificare chi è mancato alle vaccinazioni e raggiungerlo con i vaccini di cui ha bisogno;
  • assicurare che gli operatori sanitari siano vaccinati per prevenire la trasmissione nelle strutture sanitarie e che abbiano sufficienti conoscenze tecniche sui vaccini e sul sistema immunitario per sentirsi sicuri nel raccomandare la vaccinazione ai loro pazienti;
  • rafforzare la fiducia nei vaccini e nelle autorità sanitarie;
  • accesso sicuro a una fornitura di vaccini tempestiva e conveniente;
  • migliorare il rilevamento e la risposta delle epidemie;
  • ascoltare e rispondere alle preoccupazioni delle persone e rispondere a qualsiasi evento sulla salute che potrebbe essere potenzialmente correlato alla sicurezza del vaccino.

 

 

Articolo precedenteIl pianeta Terra è sempre più caldo: gli ultimi dati sul 2018 di NASA e NOAA
Articolo successivoScompenso cardiaco: il feature-tracking alla RMN, fornisce migliori indici prognostici
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui