Home Astronomia Opportunity ha concluso dopo 14 anni la sua missione su Marte

Opportunity ha concluso dopo 14 anni la sua missione su Marte

8
0
Image credit: NASA/JPL-Caltech/Cornell Univ./Arizona State Univ.

Una delle più riuscite e durevoli imprese dell’esplorazione interplanetaria, la missione Rover Opportunity della NASA si è conclusa. Dopo quasi 15 anni di esplorazione della superficie di Marte, aiutando a gettare le basi per il ritorno della NASA sul pianeta rosso.

Il rover Opportunity smise di comunicare con la Terra quando una forte tempesta di sabbia su tutto il Mar Nero coprì la sua posizione nel giugno 2018. Dopo più di mille comandi per ripristinare i contatti, gli ingegneri della Space Flight Operations Facility del Jet Propulsion Laboratory della NASA (JPL) fecero il loro ultimo tentare di far rivivere Opportunity nelle scorse settimane, ma senza successo. La comunicazione finale del rover a energia solare è stata ricevuta il 10 giugno.

Aprire la strada agli astronauti

“È grazie a missioni pionieristiche come Opportunity che arriverà un giorno in cui i nostri coraggiosi astronauti cammineranno sulla superficie di Marte”, ha affermato l’amministratore della NASA Jim Bridenstine. “E quando quel giorno arriverà, una parte di quella prima impronta sarà di proprietà degli uomini e delle donne di Opportunity, e un piccolo rover che sfidò le probabilità e fece così tanto nel nome dell’esplorazione.”

Progettato per durare solo 90 giorni marziani e viaggiare per 1.000 metri, Opportunity ha ampiamente superato tutte le aspettative in termini di resistenza, valore scientifico e longevità. Oltre a superare la sua aspettativa di vita di 60 volte, il rover ha percorso più di 45 chilometri, fino a quando ha raggiunto il punto di riposo finale più appropriato – Perseverance Valley.

“Per oltre un decennio, Opportunity è stata un’icona nel campo dell’esplorazione planetaria, insegnandoci sull’antico passato di Marte come un pianeta umido, potenzialmente abitabile, e rivelando paesaggi inesplorati”, ha dichiarato Thomas Zurbuchen, amministratore associato di NASA’s Science. “Qualunque perdita sentiamo ora deve essere mitigata con la consapevolezza che l’eredità di Opportunity continua – sia sulla superficie di Marte con il rover Curiosity e il lander InSight – sia al JPL, dove l’imminente rover Mars 2020 sta prendendo forma “.

Il tentativo di recupero

La trasmissione finale, inviata tramite l’antenna Mars Station di 70 metri presso il Goldstone Deep Space Complex della NASA in California, ha concluso una strategia di recupero di otto mesi, sfaccettata, nel tentativo di obbligare il rover a comunicare.

“Abbiamo fatto ogni ragionevole sforzo ingegneristico per cercare di recuperare Opportunity e abbiamo stabilito che la probabilità di ricevere un segnale è troppo bassa per continuare gli sforzi”, ha detto John Callas, manager del progetto Mars Exploration Rover (MER) presso il JPL.

Opportunity è sbarcato nella regione Meridiani Planum di Marte il 24 gennaio 2004, sette mesi dopo il suo lancio da Cape Canaveral Air Force Station in Florida. Il rover Spirit è atterrato 20 giorni prima nel cratere Gusev, largo 166 chilometri sull’altro lato di Marte. Lo Spirit percorse quasi 8 chilometri prima che la sua missione si concludesse, nel maggio 2011.

Dal giorno in cui Opportunity è arrivato, un team di ingegneri di missione, conducenti di rover e scienziati sulla Terra hanno collaborato per superare le sfide e portare il rover da un sito geologico all’altro. Hanno tracciato strade percorribili su terreni accidentati, in modo che l’esploratore marziano di 174 chili potesse manovrare intorno e, a volte sopra, a rocce e massi, arrampicarsi su pendii cosparsi di ghiaia fino a 32 gradi, sondare i piani del cratere, le colline sommitali e attraversare i possibili letti dei fiumi asciutti. La sua impresa finale lo portò sul ramo occidentale della Perseverance Valley.

Altri risultati di Opportunity

  • Registra un record di guida su Marte di un giorno il 20 marzo 2005, quando percorre 220 metri.
  • Sono state restituite più di 217.000 immagini, tra cui 15 panoramiche a colori a 360 gradi.
  • Esposto le superfici di 52 rocce per rivelare superfici minerali fresche per l’analisi e liberato 72 bersagli aggiuntivi con un pennello per prepararli all’ispezione con spettrometri e un imager microscopico.
  • Ha trovato ematite, un minerale che si forma nell’acqua, al suo sito di atterraggio.
  • Scoperte forti indicazioni sul cratere Endeavour dell’azione dell’acqua antica simile all’acqua potabile di uno stagno o di un lago sulla Terra.

La ricerca dell’acqua su Marte

Tutte le analisi scientifiche fuoristradistiche e sul posto erano al servizio dell’obiettivo primario di Mars Exploration Rovers: cercare prove storiche del clima e dell’acqua di Marte nei siti in cui le condizioni potevano essere state favorevoli per la vita. Poiché l’acqua liquida è necessaria per la vita, così come la conosciamo, le scoperte di Opportunity hanno implicato che le condizioni di Meridiani Planum potessero essere abitabili per un certo periodo di tempo nella storia di Marte.

“Fin dall’inizio, Opportunity è stato dedicato alla ricerca di prove sull’acqua”, ha detto Steve Squyres, ricercatore principale del comitato scientifico dei rover alla Cornell University. “E quando le combini, le scoperte di Opportunity e Spirit, ci hanno mostrato che l’antica Marte era un posto molto diverso da Marte oggi, che è un mondo freddo, arido e desolato. Ma se guardi al suo antico passato, trovi prove convincenti per la presenza di acqua liquida sotto la superficie e acqua liquida sulla superficie.”

Gli inconvenienti durante la missione

Nel 2005, Opportunity perse la direzionalità di una delle sue ruote anteriori, un riscaldatore bloccato minacciò di limitare severamente la potenza disponibile del rover e un’increspatura di sabbia marziana quasi lo intrappolò per sempre.

Due anni dopo, una tempesta di sabbia di due mesi ha messo in pericolo il rover prima di riaccendersi. Nel 2015, Opportunity ha perso l’uso della sua memoria flash da 256 megabyte e, nel 2017, ha perso lo sterzo sull’altra ruota anteriore.

Ogni volta che il rover ha affrontato un ostacolo, la squadra di Opportunity sulla Terra ha trovato e implementato una soluzione che gli ha consentito di riprendersi. Tuttavia, la massiccia tempesta di sabbia che si è formata nell’estate del 2018 si è rivelata troppo forte per l’esploratore di Marte più anziano della storia.

Il futuro dell’esplorazione di Marte

L’esplorazione di Marte continua senza sosta. Il lander InSight della NASA, che ha toccato il 26 novembre, sta appena iniziando le sue indagini scientifiche. Il rover Curiosity ha esplorato il Gale Crater per più di sei anni. Inoltre, il rover Mars 2020 della NASA e il rover ExoMars dell’Agenzia spaziale europea saranno entrambi lanciati a luglio 2020, diventando le prime missioni di rover progettate per cercare i segni della vita microbica del passato sul pianeta rosso.

 

 

Articolo precedenteL’anestesia generale è sicura nei bambini
Articolo successivoDue nuove versioni per Toyota AYGO: x-style e x-cite
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

sedici + 3 =