Home Cardiologia Un nuovo modello per la valutazione del rischio di sanguinamento nei pazienti...

Un nuovo modello per la valutazione del rischio di sanguinamento nei pazienti che assumono ASA

369
0

Modelli prognostici sul rischio di sanguinamento specifici per il sesso, sono in grado stimare con successo i danni emorragici assoluti dell’aspirina, tra le persone in cui questo farmaco viene utilizzato per la prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari (CVD). Questi interessanti risultati emergono da uno studio di coorte, pubblicato nei giorni scorsi su Annals of Internal Medicine.

Rischio cardiovascolare e rischio emorragico

Molti modelli prognostici per il rischio cardiovascolare possono essere utilizzati per stimare i benefici assoluti dell’aspirina, ma sono disponibili pochi modelli di rischio di sanguinamento per stimare i possibili eventi avversi correlati a questa terapia. È necessario un preciso strumento di previsione del rischio.

adv

Un modello prognostico per il rischio di sanguinamento

Ricercatori dell’Università di Auckland, in Nuova Zelanda, hanno cercato di sviluppare un modello prognostico per il rischio di sanguinamento per le persone in cui l’aspirina potrebbe essere utilizzata nella prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari. I 385.191 partecipanti sono stati automaticamente reclutati nella coorte dopo la loro prima valutazione del rischio CVD e i loro dati sono stati inseriti in PREDICT, un programma di supporto decisionale, basato sul web, integrato con i record sanitari elettronici della Nuova Zelanda.

I modelli specifici per sesso hanno dimostrato che i fattori di rischio stabiliti per il sanguinamento erano associati ad un aumentato rischio di sanguinamento negli uomini e nelle donne. Sebbene l’età avanzata, il fumo e il diabete fossero associati a un aumentato rischio di sanguinamento in entrambi i sessi, non è stata osservata alcuna associazione tra rischio emorragico e altri fattori di rischio CVD classici.

Secondo i ricercatori, questi modelli potrebbero aiutare a identificare le persone per le quali i benefici dell’aspirina superano probabilmente i suoi rischi nella prevenzione primaria. Uno strumento che utilizza i modelli di rischio di sanguinamento prognostico descritti dagli autori identificherà tali persone ed è attualmente in fase di sviluppo.

 

 

Articolo precedenteIl trattamento con anticoagulanti diretti è sicuro e efficace anche in pazienti particolarmente magri
Articolo successivoScoperta una nuova specie di tirannosauro: pesava solo 78Kg
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui