Al via negli USA i test per la gestione dei voli dei droni in ambienti urbani

La NASA ha selezionato due organizzazioni per ospitare la fase finale della serie di quattro anni di dimostrazioni tecniche che coinvolgono piccoli sistemi aerei senza equipaggio (UAS), comunemente noti come droni.

Il Nevada Institute for Autonomous Systems di Las Vegas e il Lone Star UAS Center for Excellence & Innovation a Corpus Christi, in Texas, ospiteranno dimostrazioni per confermare che il sistema UTM (UAS Traffic Management) della NASA può gestire in modo sicuro ed efficace il traffico di droni in un’area urbana.

I voli dei droni si svolgeranno nei pressi del centro di Reno, in Nevada, tra marzo e giugno, e di Corpus Christi nei mesi di luglio e agosto.

Sistemi aerei senza equipaggio

“Questa fase rappresenta la dimostrazione più complicata di UAS avanzati che operano in un ambiente urbano esigente fino ad oggi”, ha affermato Ronald Johnson, responsabile del progetto UTM della NASA. “Siamo lieti dei piani dei nostri partner in Nevada e Texas per condurre test di volo in un vero ambiente urbano con il supporto della Città di Reno e della Città del Corpus Domini”.

Con queste dimostrazioni, la NASA e i suoi partner, compresa la Federal Aviation Administration, mirano ad aiutare il settore dei droni commerciali a comprendere le sfide poste dal volare in un ambiente urbano. I risultati delle dimostrazioni di volo contribuiranno anche a fornire informazioni per le future regolamentazioni, le politiche e le procedure di gestione del traffico, per far funzionare i droni in sicurezza su aree popolate.

Il sistema di gestione delle informazioni di volo

Le tecnologie chiave da dimostrare includono: il sistema di gestione delle informazioni di volo dello spazio aereo, l’interfaccia del fornitore di servizi UAS per più provider di servizi di gestione del traffico UAS indipendenti e la loro interfaccia con funzionalità di rilevamento ed eliminazione integrate del veicolo, comunicazione da veicolo a veicolo e prevenzione delle collisioni, nonché tecnologie di atterraggio sicure automatizzate.

“Siamo entusiasti di collaborare con la NASA in un programma così importante che avrà un impatto innovativo significativo sull’industria globale degli UAS”, ha affermato Chris Walach, direttore senior dell’organizzazione del Nevada.

Mike Sanders, direttore esecutivo attivo dell’organizzazione del Texas, ha aggiunto: “Questa serie di test è un passo fondamentale per consentire l’integrazione sicura di sistemi di aeromobili senza pilota all’interno di un ambiente urbano”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − due =