Venezuela: la crisi economica ha fatto aumentare la mortalità infantile

Un nuovo studio osservazionale pubblicato sulla rivista The Lancet Global Health stima che i tassi di mortalità infantile in Venezuela potrebbero aver smesso di diminuire e hanno iniziato ad aumentare nel 2009 – nel periodo in cui i finanziamenti per il sistema sanitario venezuelano hanno iniziato a ridursi sostanzialmente. I ricercatori stimano che, entro il 2016, il tasso di mortalità infantile fosse di 21,1 decessi ogni 1000 morti, pari a 1,4 volte il tasso nel 2008 (15,0 morti per 1000 nati vivi), equivalente al tasso registrato alla fine degli anni ’90, ovvero 18 anni di il progresso potrebbe essere stato perso.

I dati interrotti

Nel 2013, il governo venezuelano ha interrotto le statistiche sulla mortalità e l’Assemblea nazionale venezuelana ha dichiarato una crisi umanitaria nel 2016. Questo è il primo studio che tenta di colmare questa lacuna e stimare la mortalità infantile utilizzando dati ospedalieri e di censimento dopo il 2013.

In assenza di dati ufficiali i dati, le stime sulla mortalità infantile dell’OMS e la Commissione economica delle Nazioni Unite per l’America Latina e i Caraibi (ECLAC), hanno ipotizzato che la tendenza storica al ribasso sia continuata negli ultimi anni. Tuttavia, è improbabile che queste stime rappresentino accuratamente gli effetti del recente deterioramento degli standard di vita e delle prestazioni sanitarie.

La mortalità infantile in Venezuela

In precedenza, durante la seconda metà del 20 ° secolo, il Venezuela ha registrato uno dei maggiori decessi nella mortalità infantile in America Latina, da 108 per 1000 nati vivi nel 1950 a 18,2 per 1000 nel 2000. Questo declino della mortalità infantile è stato determinato dal progresso economico, dal miglioramento degli standard di vita, dal miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie, dalle campagne di vaccinazione di massa, dalla distribuzione di antibiotici e dall’eliminazione dei vettori di malattia.

Dopo la crisi, lo stato nutrizionale si è deteriorato, con l’89,4% delle famiglie che ha dichiarato di non avere abbastanza soldi per comprare cibo nel 2017. Dal 2007, la spesa per la sanità pubblica è diminuita, con conseguente riduzione dei rapporti paziente-medico e ospedale e campagne di vaccinazioni inadeguate. Nel 2014, la spesa delle famiglie ha rappresentato il 64% della spesa sanitaria totale, una delle percentuali più alte dell’America Latina. Nel frattempo, la carenza di farmaci di base, forniture chirurgiche e formule per l’infanzia sono aumentate in termini di costi, rendendo l’assistenza sanitaria inaccessibile per la maggior parte dei venezuelani.

L’unico paese del Sud America con la mortalità infantile in risalita

La signora Jenny Garcia dell’Institut National d’Études Démographiques, Université Paris 1 Panthéon, afferma: “Durante gli anni 2000, il Venezuela aveva creato politiche volte a proteggere le popolazioni più vulnerabili, ma questi sforzi non si riflettono nei tassi di mortalità infantile del Venezuela visti oggi. Purtroppo, il Paese sta mostrando per la prima volta un peggioramento della sopravvivenza infantile. Il Venezuela è l’unico paese del Sud America ad essere risalito al tasso di mortalità infantile degli anni ’90. Le tendenze dei tassi di mortalità infantile hanno iniziato a cambiare dal 2009 in poi, i tassi hanno cessato di diminuire e hanno iniziato ad aumentare, con l’aumento più pronunciato dopo il 2011. Nel 2016, l’Assemblea nazionale venezuelana ha dichiarato una crisi umanitaria nel paese e ha richiesto aiuti umanitari internazionali per facilitare l’importazione di forniture mediche e medicinali nel paese. Questo appello e tutti gli altri sono stati bloccati dal governo. Questo studio fornisce una solida base di prove per azioni da intraprendere per alleviare e aiutare la crisi umanitaria in corso in Venezuela.”

Senza la disponibilità di statistiche ufficiali sulla mortalità, i ricercatori hanno utilizzato tutte le fonti di dati disponibili, compresi i conteggi dei decessi dai dati ospedalieri (Bollettini delle malattie notificabili 2014-16), la storia di nascita dei dati censuari e dei censimenti (ENCOVI 2016) e hanno costruito un modello per stimare i tassi di mortalità infantile.

Stime attuali e previsioni per il futuro

I ricercatori osservano che sono state prodotte stime probabilmente prudenti, a causa della loro assunzione che la registrazione di nascita e morte è rimasta uguale al livello osservato prima della crisi, nonostante la crisi dei servizi pubblici.

I loro risultati stimano che il tasso di mortalità infantile è stato di 21,1 decessi ogni 1.000 nati vivi nel 2016. Di conseguenza, il Venezuela è lontano dal mantenere il suo impegno nel Millennium Development Goal (MDG) dell’ONU per ridurre la mortalità infantile a 9 o meno ogni 1.000 nascite. entro il 2015.

I ricercatori suggeriscono che l’aumento della mortalità infantile è probabilmente dovuto a un deterioramento degli standard di vita e alla crisi del sistema sanitario. Dal 2016, l’OMS ha segnalato un aumento delle malattie infettive e parassitarie che erano state controllate o sradicate nei decenni precedenti.

La signora Garcia afferma: “Durante le crisi importanti, le cause di morte più comuni sono le stesse riportate nei paesi con il più alto tasso di mortalità infantile: malattie diarroiche, infezioni respiratorie acute, morbillo, malaria e grave malnutrizione. Tutti questi elementi sono presenti in Venezuela e influenzeranno sicuramente negativamente la futura mortalità infantile.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + 19 =