In aumento le cardiopatie congenite in Giappone dopo l’incidente di Fukushima

Le operazioni per le cardiopatie congenite complesse nei neonati sono aumentate in modo significativo nei quattro anni successivi al terremoto del Grande Oriente del 2011 e all’incidente nucleare di Fukushima, in Giappone. È quanto emerge da una nuova ricerca pubblicata con libero accesso sul Journal of the American Heart Association.

Questo studio non mostra però una causa ed effetto diretti tra bambini nati in Giappone negli anni successivi all’incidente nucleare e l’incidenza di cardiopatia congenita complessa.

“Sebbene questa ricerca si concentri su eventi accaduti in Giappone, il potenziale per incidenti nucleari in tutto il mondo è una preoccupazione per la salute globale”, ha detto Kaori Murase, Ph.D., professore associato presso la Nagoya City University in Giappone. “Il nostro studio suggerisce che un incidente nucleare potrebbe aumentare il rischio di cardiopatia congenita complessa”.

Il rischio di sviluppare cardiopatie congenite

La cardiopatia congenita complessa si verifica nelle prime fasi dello sviluppo fetale con conseguenti sintomi complicati e gravi che richiedono un intervento chirurgico avanzato. In molti casi, queste anomalie possono influire sulla salute nel corso della vita del paziente. Dopo l’incidente nucleare di Chernobyl nel 1986, le cardiopatie congenite nei paesi vicini sono aumentate.

Le cardiopatie congenite dopo un incidente nucleare

Mentre non c’è stato uno studio a livello nazionale sugli effetti delle radiazioni sulla popolazione giapponese, i ricercatori si sono concentrati sull’incidenza delle cardiopatie congenite complesse nei bambini nati dopo l’incidente nucleare. I ricercatori hanno analizzato i dati relativi alle operazioni di correzione di una cardiopatia congenita nei bambini dalla nascita ai 17 anni di età, tra il 2007 e il 2014, raccolti dall’Associazione giapponese per la chirurgia toracica.

I risultati dello studio hanno evidenziato come il numero di interventi per cardiopatie congenite complesse nei neonati di tutto il Giappone è aumentato del 14,2%, mentre quelli eseguiti su pazienti di età compresa tra 1 e 17 anni non hanno mostrato cambiamenti significativi.

Le malattie cardiache congenite complesse che mostravano aumenti significativi erano quelle note durante le varie fasi di sviluppo del cuore.

I risultati suggeriscono che il danno si è verificato in vari punti nelle prime fasi dello sviluppo del cuore e non da danni a un singolo gene in un punto specifico nel tempo.

“Gli incidenti nucleari possono avere effetti avversi ad ampio raggio su vari tipi di cardiopatie congenite. Quanto prima l’esposizione alle radiazioni avviene in un cuore in via di sviluppo, tanto più è probabile che l’incidente nucleare possa avere un impatto negativo su più parti del cuore”, ha detto Murase.

La concentrazione di radiazioni nell’aria in Giappone

I ricercatori notano anche che, mentre la concentrazione di radiazioni nell’aria in Giappone era in calo nel 2014, il numero di operazioni per malattie cardiache congenite complesse è rimasto elevato.

Lo stress per le donne in gravidanza, causato dalla perdita del lavoro, da un divorzio o dalla morte di una persona cara, è un noto fattore di rischio per alcune cardiopatie congenite complesse. Poiché tale stress è probabilmente avvenuto durante l’incidente nucleare, i ricercatori suggeriscono che potrebbe aver avuto un ruolo indiretto nell’aumento delle cardiopatie congenite.

“Un incidente nucleare è un problema che colpisce direttamente la vita di ognuno di noi”, ha detto. “Sono necessarie ulteriori ricerche affinché gli effetti sulla salute derivanti da questi tipi di incidenti siano ridotti al minimo.”

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici + sette =