L’ivermectina, una sostanza che uccide le zanzare, riduce gli episodi di malaria di un quinto tra i bambini

Gli episodi di malaria infantile potrebbero essere ridotti del 20% – da 2,49 a 2 casi per bambino – durante la stagione di trasmissione della malaria somministrando un farmaco chiamato ivermectina ogni tre settimane. Sono i risultati del primo studio randomizzato del suo genere, pubblicato sulla rivista The Lancet.

La malaria nel mondo

Dal 2000, le morti per malaria sono diminuite del 48% in tutto il mondo e ci sono meno regioni endemiche, ma i progressi sono in stallo a causa della crescente resistenza all’artemisinina; il farmaco che è stato parte integrante di quel successo.

L’ivermectina

Ivermectina è un farmaco antielmintico. Viene usata per uccidere o promuovere l’espulsione di vermi parassiti intestinali. Tra queste la strongiloidosi, l’oncocercosi. A volte è utilizzato per trattare altre parassitosi, come pediculosi e scabbia.

È regolarmente distribuito nei trattamenti di massa per il controllo delle malattie tropicali trascurate. Precedenti studi hanno dimostrato che uccide le zanzare quando ingeriscono sangue umano o animale trattato con ivermectina, ma nessuno ha esaminato i suoi effetti sull’incidenza clinica della malaria.

Ivermectina e malaria: lo studio

L’autore dello studio, il dott. Brian D Foy della Colorado State University, USA, afferma: “Ivermectin riduce i nuovi casi di malaria rendendo il sangue di una persona letale alle zanzare, uccidendo le zanzare e riducendo quindi la probabilità di infezione degli altri. Poiché l’ivermectina ha una modalità di azione unica rispetto ad altri insetticidi per il controllo della malaria e farmaci antimalarici, potrebbe essere utilizzata insieme a farmaci che curano la malaria per combattere la trasmissione residua della malattia.”

Gli autori dello studio hanno cercato di testare la sicurezza e l’efficacia della somministrazione ripetuta di ivermectina di massa per controllare la malaria durante un periodo di prova di 18 settimane durante la stagione delle piogge del 2015.

La ricerca ha esaminato i bambini in quanto hanno il più alto carico di malattia nelle comunità iperendemiche a causa della loro ridotta attività immunitaria. Hanno invitato otto villaggi del Burkina Faso a partecipare e quattro sono stati assegnati a ciascun gruppo. Il gruppo di intervento ha avuto 1.447 partecipanti di cui 327 bambini e il gruppo di controllo 1.265 partecipanti di cui 263 bambini.

Tutti i residenti eleggibili – 1.080 nel gruppo di intervento e 999 nel gruppo di controllo – hanno ricevuto una dose singola di 150-200 μg/kg di ivermectina più 400 mg di albendazolo – un farmaco anti-vermifugo. Il gruppo di intervento ha ricevuto altre cinque dosi settimanali di ivermectina da sola, raggiungendo il 70-75% della copertura di somministrazione di massa del farmaco.

Riduzione della malaria

Nei villaggi, i bambini di età pari o inferiore a cinque anni sono stati sottoposti a test per la malaria ogni due settimane e trattati, se necessario. Nel gruppo di intervento si sono verificati 648 episodi di malaria in 327 bambini. Nel gruppo di controllo i bambini colpiti sono stati 647 su 263 bambini. Gli episodi di malaria per bambino nei villaggi di studio sono stati ridotti del 20% nel gruppo di intervento rispetto al controllo – da 2,49 a 2 casi per bambino – senza evidenti danni correlati al farmaco.

Più del doppio della quantità di bambini nel gruppo di intervento non ha avuto episodi di malaria, rispetto ai bambini nel gruppo di controllo: 20% vs 9%.

Reazioni avverse come vomito, prurito, edema agli arti sono state registrate nel 3% (45 su 1.447) del gruppo di intervento e nel 2% (24 su 1.265) del gruppo di controllo. C’erano livelli simili di reazioni avverse nei bambini (6% nel gruppo di intervento e 5% nel gruppo di controllo).

Prevenire la trasmissione della malaria

“A causa della capacità delle zanzare di adattarsi agli strumenti di controllo, sono necessari nuovi metodi per prevenire la trasmissione della malaria, in particolare quelli che mirano alla trasmissione residua. L’ivermectina è ben tollerata e ampiamente utilizzata, quindi potrebbe essere uno strumento utile nella riduzione della malattia se ulteriori studi mostrassero risultati simili.” Continua Dr Foy.

Gli autori sottolineano che i villaggi selezionati erano stati studiati in precedenza e trattati regolarmente con ivermectina e albendazolo negli anni precedenti questo studio. Inoltre, la dimensione del campione è relativamente piccola e non è stato possibile somministrare un placebo, il che significa che i partecipanti e i gruppi di studio sapevano chi stava ricevendo, o meno, il trattamento. I ricercatori hanno mirato a mitigare questo aspetto assegnando a ciascuna infermiera il compito di lavorare in un villaggio del gruppo di intervento e in un villaggio del gruppo di controllo, per controllare gli effetti infermieristici, e il medico sul campo ha monitorato costantemente il loro lavoro.

Sono necessari ulteriori studi

I ricercatori suggeriscono che ci potrebbe essere parzialità nell’autorappresentazione degli eventi avversi perché gli abitanti dei villaggi sapevano in quale gruppo si trovavano. Notano che ci sono stati più eventi segnalati nel gruppo di intervento, ma nessuno era correlato al farmaco e pochissimi sono stati classificati come gravi eventi.

Questi risultati sono la prima prova del principio degli effetti antimalarici di ivermectina e sono necessari ulteriori studi per testare approcci di dosaggio e distribuzione.

Sono necessari altri studi anche per esaminare i sospetti effetti antimalarici diretti del trattamento ripetuto di ivermectina negli esseri umani infetti e studi sulla sicurezza in grandi popolazioni.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + 9 =