Home Ambiente Le temperature elevate e il conseguente disgelo hanno causato migliaia di frane...

Le temperature elevate e il conseguente disgelo hanno causato migliaia di frane in Canada

277
0
Permafrost. Brocken Inaglory

Il numero di crolli di blocchi di ghiaccio causati dal disgelo retrogressivo, ovvero le frane causate dallo scioglimento dei ghiacci nel permafrost, a Banks Island nell’Artico canadese, è aumentato di 60 volte tra il 1984 e il 2015. Pubblicato in Nature Communications, il documento riporta che il numero di crolli è aumentato da 63 nel 1984 ad un massimo di 4.077 nel 2013. Lo studio aggiunge ulteriori conferme, se necessarie, alla crescente evidenza che le zone fredde e coperte da permafrost possono essere estremamente sensibili alle temperature estreme che si registrano nei mesi estivi.

Le frane retrogressive da disgelo

Le frane retrogressive legate a fenomeni di disgelo sono diventate sempre più frequenti nell’Artico, ma i tempi con cui questo aumento si è sviluppato e i suoi legami con il cambiamento climatico non sono stati pienamente stabiliti.

adv

Il disgelo analizzato con i dati di Google

Antoni Lewkowicz e Robert Way hanno utilizzato un set di dati raccolti da Google Timelapse in 30 anni. Sono stati così identificati oltre 4.000 frane retrogressive legate al disgelo, avvenute tra il 1984 e il 2015 nell’intera isola di Banks, in Canada.

Gli autori hanno scoperto che oltre l’85% delle frane legate al disgelo si è verificato dopo quattro estati particolarmente calde che si sono verificate negli anni 1998, 2010, 2011 e 2012. Hanno evidenziato inoltre che circa la metà di questi fenomeni è rimasta attiva per più di tre decenni.

Utilizzando l’imaging satellitare, hanno scoperto anche che il colore di 285 laghi sull’isola è cambiato dal blu scuro al turchese o al beige a seguito dell’aumento della concentrazione di sedimenti nell’acqua, a sua volta causato dalle frane legate al disgelo.

Gli autori hanno inoltre utilizzato l’analisi dell’attività di disgregazione retrogressiva del disgelo per stimare che nell’isola di Banks sono state perse 100 milioni di tonnellate di ghiaccio.

 

 

Articolo precedenteLe migrazioni dall’area del Sahel all’Italia sono state influenzate dal riscaldamento globale
Articolo successivoLa rianimazione praticata dai passanti fa raddoppiare le possibilità di sopravvivenza
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui