La metilendiossimetamfetamina riapre lo sviluppo del cervello

Una singola dose di 3,4-metilendiossimetamfetamina (MDMA) riapre un periodo critico nello sviluppo del cervello e rende le interazioni sociali più gratificanti per i topi adulti. È quanto rivela uno studio pubblicato online nei giorni scorsi su Nature. La scoperta potrebbe aiutare nello sviluppo di nuovi trattamenti per i disturbi del neurosviluppo e potrebbe contribuire a identificare le ragioni per cui l’MDMA potrebbe a volte essere una terapia utile nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Lo sviluppo del cervello

I periodi critici sono “finestre” durante lo sviluppo quando il cervello è particolarmente sensibile agli stimoli ambientali, come la lingua o il suono. Gül Dölen e colleghi hanno identificato un periodo critico per l’interazione sociale nei topi che inizia alla maturità sessuale e termina quando gli animali diventano adulti maturi.

Il periodo è sostenuto da cambiamenti nella segnalazione dell’ossitocina nel nucleo accumbens, quello che viene considerato come il centro di ricompensa del cervello. Quando questo periodo si avvia alla sua conclusione, lo stimolo degli animali verso l’interazione sociale sembra iniziare il suo declino.

Una singola dose di MDMA riapre questa finestra, causando cambiamenti nella segnalazione dell’ossitocina e cambiamenti comportamentali nei topi che si protraggono per almeno due settimane.

la psicoterapia assistita da 3,4-metilendiossimetamfetamina

La FDA (Food and Drug Administration) statunitense ha recentemente designato la psicoterapia assistita da MDMA come una “Terapia rivoluzionaria” per il disturbo da stress post-traumatico. Non è chiaro però come funzioni la terapia, attualmente in fase di valutazione con studi clinici di fase III.

Questa nuova sperimentazione suggerisce che il farmaco potrebbe riaprire il periodo critico per l’apprendimento della ricompensa sociale, contribuendo a facilitare la relazione tra psicologo e paziente.

 

Romain Nardou, Eastman M. Lewis, Rebecca Rothhaas, Ran Xu, Aimei Yang, Edward Boyden, Gül Dölen. Oxytocin-dependent reopening of a social reward learning critical period with MDMA. Nature, marzo 2019.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − cinque =