Allarme colera nello Yemen: un’epidemia incontrollabile

A due anni dal più grande focolaio mondiale di diarrea acuta e colera, lo Yemen è stato testimone di un altro forte aumento dei casi segnalati con il numero di morti che continua ad aumentare.

Le dichiarazioni di Geert Cappelaere, direttore regionale dell’UNICEF in Medio Oriente e Nord Africa e dal dott. Ahmed Al Mandhari, direttore regionale dell’OMS per il Mediterraneo orientale:

“Nello Yemen, dall’inizio dell’anno fino al 17 marzo, da gennaio sono stati segnalati circa 109.000 casi di diarrea acuta grave e colera sospetto con 190 morti totali associate. Quasi un terzo dei casi segnalati sono bambini al di sotto dei 5 anni. Ciò avviene 2 anni dopo che lo Yemen è stato testimone dell’epidemia più grande al mondo quando con più di 1 milione di casi stati segnalati.

“Temiamo che il numero di casi sospetti di colera continuerà ad aumentare con l’arrivo anticipato della stagione delle piogge e che i servizi di base, compresi i sistemi idrici e le reti salvavita, siano crollate. La situazione è aggravata dallo scarso status dei sistemi di smaltimento delle acque reflue, dall’uso di acqua contaminata per l’agricoltura, dall’elettricità inaffidabile per immagazzinare cibo e spostamenti delle famiglie che sfuggono alla violenza, specialmente a Hudaydah e Tai’z.”

Fermare la diffusione e la trasmissione delle malattie

“I nostri team in Yemen lavorano giorno e notte con un’ampia rete di partner locali per fermare l’ulteriore diffusione e trasmissione delle malattie. Concentrandosi su 147 distretti prioritari, sono stati mobilitati ulteriori servizi sanitari, idrici, igienici e sanitari. Sono stati schierati team di risposta rapida. Un totale di 413 centri di trattamento della diarrea e centri di reidratazione orale sono operativi in ​​tutti i 147 distretti prioritari. I partner stanno riparando sistemi idrici e fognari. Nelle scorse settimane abbiamo incrementato le attività di clorazione per disinfettare l’acqua in 95 distretti prioritari e fornito carburante e pezzi di ricambio per continuare a fornire reti di approvvigionamento idrico e servizi igienico-sanitari. Un giro di vaccinazione orale per il colera ha raggiunto oltre 400.000 persone in diversi distretti.”

UNICEF e OMS

“L’UNICEF e l’OMS si sono impegnate a continuare a incrementare la risposta per assistere immediatamente le persone colpite e per impedire che la malattia si diffonda ulteriormente. Stiamo facendo tutto il possibile per evitare lo scenario del 2017, compreso l’uso tempestivo di misure efficaci comprovate, tra cui la vaccinazione orale al colera. Tuttavia, affrontiamo diverse sfide, tra cui l’intensificazione degli scontri, le restrizioni all’accesso e gli ostacoli burocratici per portare scorte di salvataggio e personale nello Yemen.”

“L’UNICEF e l’OMS chiedono di eliminare tutte le restrizioni sulle nostre operazioni umanitarie per rispondere alla diffusione della malattia e di altre aree. I nostri gruppi umanitari devono avere pieno accesso per raggiungere ogni bambino, ogni donna, ogni uomo bisognoso di assistenza medica e di altro tipo.”

“Soprattutto, ribadiamo congiuntamente le richieste per la fine dei combattimenti. È tempo che la guerra dei 4 anni giunga al termine. Altrimenti, lo Yemen continuerà ad essere intrappolato in una rete di malattie e affonderà in infinite catastrofi umanitarie, con i più vulnerabili che pagheranno il prezzo più alto.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 9 =