I fulmini osservati dallo spazio: una ricerca per comprendere meglio il nostro pianeta

Dopo solo un anno nello spazio, l’Atmosphere-Space Interactions Monitor (ASIM) sulla Stazione Spaziale Internazionale ha dato ai ricercatori una nuova comprensione di come si crea un fulmine e come i temporali possono influenzare l’atmosfera e il clima.

Le prime misurazioni dall’impianto che sta volando a 400 km sopra la Terra, al di fuori del laboratorio europeo Columbus, rivelano come nell’atmosfera si formino le cosiddette “vampate gamma terrestri”. I lampi si verificano in connessione con fulmini e temporali e sono brevi raffiche di raggi X e gamma ad alta energia.

I lampi blu

I ricercatori nel team hanno anche ricevuto misurazioni senza precedenti che mostrano una grande quantità di lampi blu sopra le nuvole temporalesche.

Le scoperte sono state presentate nei giorni scorsi in occasione di una conferenza dell’Unione Europea sulla geoscienza a Vienna. Nei prossimi mesi i ricercatori descriveranno in maggior dettaglio come il lampo crei flash gamma terrestri, scoperti per la prima volta nel 1993.

“Stiamo vedendo cose nuove e abbiamo acquisito tanta conoscenza dell’anatomia interna del fulmine. Oltre ai lampi gamma terrestri, le nostre registrazioni mostrano molti fulmini blu che si diffondono come fuochi d’artificio sopra le nuvole temporalesche. E’ incredibile.”, afferma Torsten Neubert, scienziato capo del progetto ASIM presso DTU Space che lavora con scienziati dell’Università di Bergen, in Norvegia, e dell’Università di Valencia, in Spagna.

L’osservazione dallo spazio

L’astronauta danese dell’ESA Andreas Mogensen ha filmato i primi blu jets dallo spazio mostrando il fulmine che si è innescato più volte in rapida successione.

“La Stazione Spaziale Internazionale è un luogo ideale per monitorare questo tipo di fenomeni mentre orbita ad un’altitudine relativamente bassa sul nostro pianeta e copre aree in cui i temporali sono comuni”, afferma Astrid Orr dell’ESA, “i risultati sono eccitanti e apprendiamo cose nuove sul nostro pianeta.”

Le registrazioni erano importanti, in parte perché sono i migliori scatti mai realizzati, anche perché sono presi da un angolo che rende più facile per i ricercatori capire cosa sta succedendo.

Andreas commenta: “ASIM è un eccellente esempio della ricerca eccitante e importante che realizziamo a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Ricerca che contribuirà con nuove conoscenze sul nostro mondo. Filmare il fulmine blu è stato senza dubbio uno dei punti salienti della mia missione nel 2015. ”

Un sensore modulare per raggi X e gamma

Negli ultimi sei mesi, la società danese Terma, che dirige la parte tecnica del progetto, ha completato un aggiornamento del software che controlla i due strumenti principali di ASIM. Il sensore modulare per raggi X e gamma è completato dall’array di imaging multispettrale modulare costituito da due fotocamere e tre fotometri che rilevano lampi di luce a diverse lunghezze d’onda.

“Gli aggiornamenti offriranno ai ricercatori misurazioni migliori, perché gli strumenti sono diventati più sensibili in relazione alla cattura delle radiazioni gamma e ai giganteschi lampi sopra le nuvole. Migliorerà anche l’accuratezza temporale tra i due strumenti a più di dieci milionesimi di secondo, il che migliorerà ancora l’analisi dei segnali provenienti dai numerosi sensori “, afferma Ole Hartnack, project manager di Terma.

Un progetto lungo 14 anni

“Abbiamo lavorato per oltre 14 anni sviluppando e costruendo ASIM – vedere i risultati che arrivano così presto, oltre le aspettative è incredibile.” afferma Nikolai Ostgaard, scienziato dell’Università di Bergen.

Per il futuro dell’ASIM ci sono piani anche più grandi, il team scientifico sta considerando l’utilizzo dell’osservatorio per studiare l’aurora e le meteore sulla Terra negli anni a venire.

Leggi anche un precedente articolo che abbiamo pubblicato sulla Stazione Spaziale Internazionale e il suo strumento ASIM per lo studio dei fulmini.

Guarda il video che illustra il progetto di ricerca

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 10 =