Home Scienza e tecnologia Missione Marte: in Italia la sonda ExoMars per il suo assemblaggio finale

Missione Marte: in Italia la sonda ExoMars per il suo assemblaggio finale

364
0
The module that will carry the ExoMars rover and surface science platform from Earth to Mars arrived on 2 April at Thales Alenia Space in Turin, Italy, from OHB System in Bremen, Germany. The carrier module also provides the communication link between Earth and the spacecraft, and will support navigation with star trackers and Sun sensors. It also carries propellant required for attitude control and manoeuvres after launch and during cruise by means of its16 20-N thrusters that will use up to 136 kg of hydrazine propellant. Copyright Thales Alenia Space.

Il modulo che trasporterà il rover ExoMars e la piattaforma scientifica di superficie dalla Terra a Marte è arrivato in Italia per l’integrazione finale.

Il modulo, insieme alle apparecchiature elettriche di supporto a terra, spedite dal sistema OHB di Brema, in Germania, è arrivato il 2 aprile presso Thales Alenia Space a Torino.

adv

La missione è la seconda nel programma congiunto ESA-Roscosmos ExoMars, dedicata alla ricerca di forme passate di vita su Marte.

La ricerca scientifica su Marte

Trace Gas Orbiter è già su Marte. Sta analizzando l’atmosfera del pianeta e mappando l’acqua del sottosuolo. Agirà anche come relay di dati per la prossima missione, il cui lancio è previsto per luglio 2020, con atterraggio sul pianeta rosso nel marzo 2021.

Il modulo portante fornisce anche il collegamento di comunicazione tra la Terra e il veicolo spaziale e supporterà la navigazione con i star trackers e i sensori solari. Trasporta anche propellente necessario per il controllo di assetto e le manovre con i suoi 16 propulsori 20-N che utilizzeranno fino a 136 kg di propellente idrazina.

La piattaforma di atterraggio e gli altri componenti

Anche la piattaforma di atterraggio, chiamata Kazachok, è arrivata di recente in Europa dalla Russia, mentre il rover, che prende il nome da Rosalind Franklin, viene allestito con i suoi strumenti scientifici presso l’Airbus di Stevenage, nel Regno Unito.

“Questo è un traguardo importante, dato che il modulo portante è la ‘nave’ che porterà Rosalind Franklin fino a Marte”, afferma Thierry Blancquaert, team leader dell’ESA di ingegneria dei sistemi spaziali ESA ExarMars.

Durante il viaggio interplanetario di nove mesi, il modulo portante da 800 kg trasferirà Kazachok e il rover Rosalind all’interno di un singolo modulo di discesa da 2 tonnellate, che fornisce energia elettrica tramite un array solare. I pannelli solari genereranno circa 2 kW di potenza, di cui fino a 400W possono essere forniti al modulo di discesa. L’energia è immagazzinata in una batteria da 24,4 kg.

“Durante la crociera su Marte, il modulo Carrier fornisce tutte le risorse per il modulo di discesa e il rover”, afferma Stéphane Langlois, ingegnere dei sistemi spaziali ExoMars dell’ESA.

“All’avvicinarsi al Pianeta Rosso, il modulo portante svolge un ruolo fondamentale per garantire che il modulo di discesa sia consegnato nelle migliori condizioni possibili per un ingresso con successo.”

Il programma della missione

Telemetria e dati saranno memorizzati e trasmessi tramite il computer di bordo situato nel modulo di discesa. Il modulo di discesa, che non produce energia da solo durante il lancio e il trasferimento, si separerà dal modulo portante poco prima di raggiungere l’atmosfera marziana. Il modulo di discesa poserà quindi il rover e la piattaforma in modo sicuro alla superficie mentre il modulo portante si brucerà nell’atmosfera. Nei prossimi mesi, il modulo portante verrà abbinato al modulo di discesa.

Il veicolo spaziale composito risultante verrà sottoposto a ulteriori test per assicurarsi che sia “qualificato” per il suo lancio nell’ambiente spaziale.

“Siamo entusiasti di vedere finalmente tutti i componenti che si uniscono e non vediamo l’ora che inizi la prossima fase di test il prossimo anno”, afferma François Spoto, team leader di ExoMars dell’ESA.

 

 

Articolo precedenteIl corpo umano nello spazio: gli effetti valutati in due gemelli, uno sulla Terra l’altro in orbita
Articolo successivoSaltare la colazione o cenare tardi si associa a esiti peggiori dopo infarto
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui