Lo stress del lavoro e un sonno disturbato fanno triplicare la mortalità cardiovascolare negli ipertesi

Lo stress da lavoro e il sonno alterato sono collegati a un rischio triplo di morte per cause cardiovascolari in dipendenti con ipertensione arteriosa. E’ questo il risultato della ricerca pubblicata nei giorni scorsi sullo European Journal of Preventive Cardiology.

L’autore dello studio, il professor Karl-Heinz Ladwig, del Centro di ricerca tedesco per la salute ambientale e della facoltà di medicina, Università tecnica di Monaco, ha dichiarato: “Il sonno dovrebbe essere un momento di svago, svolgimento e ripristino dei livelli di energia. Se hai stress sul lavoro, il sonno ti aiuta a recuperare. Purtroppo, il sonno e lo stress da lavoro spesso vanno di pari passo e, se combinato con l’ipertensione, l’effetto è ancora più tossico.”

Ipertensione arteriosa e rischio cardiovascolare

Un terzo della popolazione attiva soffre di ipertensione arteriosa. Ricerche precedenti hanno dimostrato che i fattori psicosociali hanno un maggiore effetto negativo sugli individui con rischi cardiovascolari preesistenti rispetto a quelli sani.

Questo è stato il primo studio ad esaminare gli effetti combinati dello stress da lavoro e del sonno alterato sulla morte per malattie cardiovascolari nei lavoratori ipertesi.

Lo studio

Lo studio ha incluso 1.959 lavoratori ipertesi di età compresa tra 25 e 65 anni, senza malattie cardiovascolari o diabete. Rispetto a quelli senza stress da lavoro e buon sonno, le persone con entrambi i fattori di rischio avevano una probabilità tre volte maggiore di morte per malattia cardiovascolare. Le persone con stress da lavoro da sole hanno avuto un rischio 1,6 volte più elevato, mentre quelle con un sonno limitato hanno avuto un rischio 1,8 volte più elevato.

Durante un follow-up medio di quasi 18 anni, il rischio assoluto di morte cardiovascolare nel personale iperteso aumentava gradualmente con ogni condizione aggiuntiva. I dipendenti con stress da lavoro e sonno alterato hanno avuto un rischio assoluto di 7,13 per 1.000 persone/anno rispetto a 3,05 per 1.000-persone/anno in quelli senza stress e sonno sano. I rischi assoluti per il solo stress da lavoro o il solo sonno scarso erano rispettivamente di 4,99 e 5,95 per 1.000 persone/anno.

Lo stress da lavoro

Nello studio, lo stress da lavoro è stato definito come un lavoro con una forte domanda e un controllo basso, ad esempio quando un datore di lavoro desidera ottenere risultati, ma nega l’autorità di prendere decisioni. “Se hai elevate esigenze ma anche un controllo elevato, in altre parole puoi prendere decisioni, questo può anche essere positivo per la salute”, ha affermato il professor Ladwig. “Ma essere intrappolati in una situazione sotto pressione senza il potere di cambiare è dannoso.”

Il sonno alterato era definito come difficoltà nell’addormentarsi e/o nel mantenere il sonno. “Il mantenimento del sonno è il problema più comune nelle persone con lavori stressanti”, ha affermato il professor Ladwig. “Si svegliano alle 4 del mattino per andare in bagno e tornare a letto a rimuginare su come affrontare i problemi di lavoro”.

Problemi insidiosi che si sommano

“Questi sono problemi insidiosi”, ha osservato il professor Ladwig. “Il rischio è di avere una giornata difficile e non dormire. Avere un lavoro stressante e un sonno insoddisfacente per molti anni, che svanisce le risorse energetiche e può portare alla tomba precocemente”.

“I risultati sono un red flag per i medici che visitano pazienti con pressione alta per quanto riguarda il sonno e il lavoro”, ha affermato il professor Ladwig. “Ogni condizione è un fattore di rischio a sé stante e tra di esse vi è un cross-talk, il che significa che ognuno aumenta il rischio dell’altro. L’attività fisica, mangiare in modo sano e le strategie di rilassamento sono importanti, così come i farmaci per abbassare la pressione sanguigna, se è il caso.”

I consigli per il lavoro e per il sonno

Gli autori raccomandano alcuni interventi da attuare per ridurre lo stressa da lavoro e favorire un buon sonno.

I datori di lavoro dovrebbero fornire la gestione dello stress sul posto di lavoro, aggiungono, soprattutto per il personale con patologie croniche come l’ipertensione.

Componenti delle sessioni di gestione dello stress di gruppo:

  • Inizia con 5-10 minuti di rilassamento.
  • Educazione sullo stile di vita sano.
  • Aiutare a smettere di fumare, fare esercizio fisico, dimagrire.
  • Tecniche per far fronte allo stress e all’ansia a casa e al lavoro.
  • Come monitorare i progressi nella gestione dello stress.
  • Migliorare le relazioni sociali e il supporto sociale.

Il trattamento del sonno può includere:

  • Terapia di controllo dello stimolo: allenamento per associare il letto/la camera da letto al sonno e impostare un programma di sonno-veglia coerente.
  • Addestramento al rilassamento: rilassamento muscolare progressivo e riduzione dei pensieri intrusivi che interferiscono con il sonno prima di coricarsi.
  • Terapia restrizione del sonno: riduzione del periodo a letto per il tempo trascorso addormentato, inducendo quindi una lieve privazione del sonno, quindi allungando il tempo di sonno.
  • Terapia paradossa intenzionale: rimanere svegli passivamente ed evitare qualsiasi sforzo (cioè l’intenzione) di addormentarsi, eliminando così l’ansia.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 1 =