Ipertensione arteriosa nei bambini: il valore prognostico delle linee guida AAP 2017

Le nuove linee guida sull’ipertensione arteriosa nei bambini, con criteri più severi, classificano più bambini come ipertesi e possono fornire migliori risultati nel predire quali tra loro potrebbero sviluppare malattie cardiache in età adulta. Questo è quanto prospettato da una ricerca pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista Hypertension.

Le linee guida di riferimento, considerate nello studio, sono state pubblicate dall’American Academy of Pediatrics (AAP) nel 2017 e approvate dall’American Heart Association.

Il confronto tra le due linee guida

Rispetto alle linee guida del 2004 dell’AAP, le linee guida del 2017 hanno aumentato il numero di bambini classificati nelle categorie più alte di pressione sanguigna, ma non era chiaro se i nuovi criteri erano in grado di identificare efficacemente i bambini a più alto rischio di malattia cardiaca prematura.

“Dopo aver esaminato anni di informazioni dallo studio Bogalusa Heart Study, abbiamo concluso che rispetto ai bambini con pressione sanguigna normale, quelli riclassificati come ad elevato o alto livello di pressione sanguigna avevano maggiori probabilità di sviluppare ipertensione arteriosa, ispessimento della parete del muscolo cardiaco e sindrome metabolica – tutti i fattori di rischio per le malattie cardiache”, ha detto Lydia A. Bazzano, MD, Ph.D., autore senior dello studio e professore associato di epidemiologia presso la Scuola di salute pubblica e medicina tropicale di Tulane a New Orleans.

La classificazione 2017

Ecco come le Linee Guida AAP 2017 classificano i livelli di pressione arteriosa nei bambini.

  • Pressione normale: <90 ° percentile per età, sesso e altezza; o <120 / <80 mm Hg per adolescenti di età ≥13 anni.
  • Pressione elevata: ≥ 90 ° percentile e <95 ° percentile per età, sesso e altezza; o da 120 a 129 / <80 mm Hg per adolescenti di età ≥13 anni.
  • Ipertensione: ≥95 ° percentile per età, sesso e altezza; o ≥130 / 80 mm Hg per adolescenti di età ≥13 anni.

Questo gruppo è suddiviso in ulteriori due classi:

  • Ipertensione Stadio 1: ≥95 ° percentile per età, sesso e altezza <95 ° percentile + 12 mm Hg; oppure da 130 a 139/80 a 89 mm Hg per adolescenti di età ≥13 anni.
  • Ipertensione Stadio 2: ≥95 ° percentile + 12 mm Hg per età, sesso e altezza; o> 140/90 mm Hg per adolescenti di età ≥13 anni.

Il Bogalusa Heart Study

Il Bogalusa Heart Study ha coinvolto i partecipanti in età infantile e li ha seguiti per 36 anni. I risultati su 3.940 bambini (47 per cento di maschi, di età compresa tra 3-18 anni e 35 per cento di afroamericani) e il follow-up in età adulta hanno rivelato che l’11% dei partecipanti verrebbe identificato come affetto da ipertensione utilizzando le linee guida del 2017, rispetto al 7% utilizzando le linee guida del 2004.

Inoltre, il 19% di quelli con pressione sanguigna alta secondo le linee guida 2017 ha sviluppato un ispessimento del muscolo cardiaco durante il periodo di follow-up, rispetto al 12% di quelli considerati ad alta pressione sanguigna secondo le linee guida del 2004.

Non sempre servono farmaci

Non tutti i bambini classificati come ipertesi secondo le nuove linee guida richiederanno un trattamento farmacologico.

“Per la maggior parte dei bambini con pressione alta che non è causata da una condizione medica separata o da un farmaco, i cambiamenti dello stile di vita sono la pietra angolare del trattamento. È importante mantenere un peso normale, evitare l’eccesso di sale, ottenere un’attività fisica regolare e seguire una dieta sana ad alto contenuto di frutta, verdura, legumi, noci, cereali integrali, proteine ​​magre e limitata in sale, zuccheri aggiunti, saturi – e trans – grassi per ridurre la pressione sanguigna”, ha detto Bazzano.

Bazzano ha sottolineato che i cambiamenti dello stile di vita possono migliorare la salute di tutta la famiglia e del bambino con pressione alta.

 

Tingting Du, et al. 2017 Pediatric Hypertension Guidelines Improve Prediction of Adult Cardiovascular Outcomes. Hypertension. 2019;73.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − uno =