Infarto miocardico negli anziani: la mobilità fisica può predire il rischio di riospedalizzazione

Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista internazionale Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes, determinare quali pazienti anziani con infarto richiedono più tempo per alzarsi da una sedia e per attraversare una stanza, può aiutare a prevedere chi sarà ricoverato nuovamente entro un mese.

Quasi 1 su 5 anziani ricoverati per infarto miocardico viene riammesso in ospedale per insufficienza cardiaca, sanguinamento, battito cardiaco irregolare o altre complicanze entro 30 giorni dalla dimissione.

Infarto miocardico: come prevenire le riospedalizzazioni

“In generale, c’è stato un grande interesse a prevenire le riammissioni ospedaliere tra i pazienti più anziani entro 30 giorni dalla dimissione dall’ospedale, a causa di quanto comuni e costosi siano”, ha detto l’autore dello studio John A. Dodson, assistente professore di Medicina e Popolazione, e direttore del programma NYI Geriatric Cardiology a New York. “L’attacco di cuore è una delle condizioni specificamente identificate da Medicare come priorità per la riduzione delle riammissioni, ma finora è stato difficile prevedere specificamente quali pazienti con infarto verranno riammessi”.

Lo studio

In questo studio, i ricercatori hanno sviluppato uno strumento di predizione primo nel suo genere che considera le menomazioni funzionali e i fattori tradizionali per identificare quali pazienti di età superiore ai 75 anni possono richiedere il ricovero in ospedale.

I ricercatori hanno analizzato i dati su 3.006 pazienti anziani (età media 81, 44% donne, 10% non bianchi) in uno studio chiamato ComprehenSIVe Evaluation of risk in Older Adults with AMI (SILVER-AMI) che ha arruolato partecipanti da 94 ospedali degli Stati Uniti. I pazienti sono stati sottoposti a valutazione per menomazioni funzionali tra cui aspetti cognitivi, visione, udito e mobilità. La mobilità funzionale era basata sulla valutazione “Timed Up and Go” (TUG) che calcolava il tempo impiegato per alzarsi da una sedia, camminare per 3 metri, quindi tornare alla sedia.

A 30 giorni, 547 partecipanti (18,2%) sono stati ricoverati in ospedale. I ricercatori hanno notato che la mobilità compromessa, misurata in base al tempo impiegato per completare il TUG (o non essere in grado di completarlo affatto), era l’unica compromissione funzionale associata alla riammissione a 30 giorni. Chi ha impiegato più di 25 secondi ha quasi raddoppiato le probabilità di riammissione rispetto a chi lo ha completato in meno di 15 secondi. Anche altri fattori di rischio più tradizionali, tra cui la malattia polmonare cronica e le aritmie, sono stati associati alla riammissione.

Una vulnerabilità generalizzata agli stress

“Penso che le prestazioni compromesse sul test di mobilità funzionale siano un indicatore di vulnerabilità generalizzata agli stress che può portare un paziente a essere ricoverato in ospedale, come infezioni, cadute ed eventi cardiovascolari ricorrenti. C’è una considerevole sovrapposizione tra mobilità compromessa e qualcosa chiamata sindrome della fragilità, che è generalmente considerata come una maggiore vulnerabilità a questi stress”, ha detto Dodson.

“Ci sono altri fattori in gioco, come le prestazioni del sistema sanitario, che sono importanti nel determinare il rischio di riammissione”, ha detto. “I risultati dovranno essere replicati in studi futuri.”

Il commento editoriale

Un editoriale di Michael W. Rich, MD osserva che lo studio era limitato a tutte le cause di riospedalizzazione a 30 giorni, che potrebbero non essere relative a esiti clinici a lungo termine, specialmente alla morte. “Inoltre, non riesce a considerare i risultati che sono di maggiore importanza per gli anziani, come la funzione fisica e cognitiva, il mantenimento dell’indipendenza e la qualità della vita. “

“Siamo di fronte a una crescente necessità di ridisegnare l’offerta sanitaria per soddisfare le esigenze di questa popolazione. SILVER-AMI rappresenta un importante passo avanti nella comprensione dello stato di salute degli anziani ricoverati in ospedale con infarto miocardico, nonché dei fattori che influenzano i risultati clinici “.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × tre =