Algeria e Argentina sono ufficialmente libere dalla malaria

L’Algeria e l’Argentina sono state ufficialmente riconosciute dall’OMS come libere dalla malaria. La certificazione è concessa quando un paese dimostra di aver interrotto la trasmissione indigena della malattia per almeno 3 anni consecutivi.

La malaria nel mondo

Contratta attraverso il morso di una zanzara infetta, la malaria rimane uno dei principali killer del mondo, con una stima di 219 milioni di casi e oltre 400.000 decessi correlati alla malaria nel 2017. Circa il 60% dei decessi è tra i bambini di età inferiore ai 5 anni.

L’Algeria è il secondo paese della regione africana dell’OMS ad essere ufficialmente riconosciuto come libero dalla malaria, dopo Mauritius, che è stato certificato nel 1973. L’Argentina è il secondo paese nella regione delle Americhe dell’OMS ad essere certificato in 45 anni, dopo il Paraguay in Giugno 2018.

L’Algeria e l’Argentina hanno riferito i loro ultimi casi di malaria indigena rispettivamente nel 2013 e nel 2010.

Un impegno incrollabile

Sia per l’Algeria che per l’Argentina, la malaria ha una storia che si estende per centinaia di anni e la battaglia contro la malattia è stata molto combattuta. Nell’ultimo decennio, una sorveglianza migliorata ha permesso di identificare e trattare rapidamente ogni caso di malaria. È importante sottolineare che entrambi i paesi hanno fornito diagnosi e trattamenti gratuiti all’interno dei loro confini, assicurando che nessuno sia stato lasciato indietro nell’ottenere i servizi di cui avevano bisogno per prevenire, individuare e curare la malattia.

“L’Algeria e l’Argentina hanno eliminato la malaria grazie all’impegno costante e alla perseveranza delle persone e dei leader di entrambi i paesi”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Il loro successo serve da modello per altri paesi che lavorano per porre fine a questa malattia una volta per tutte”.

L’eliminazione della malaria in Algeria

Il medico francese Charles Louis Alphonse Laveran scoprì il parassita della malaria in Algeria nel 1880. Negli anni ’60 la malaria era diventata la principale sfida per la salute del paese, con circa 80.000 casi segnalati ogni anno.

Il successo dell’Algeria nel battere la malattia può essere attribuito principalmente a una forza lavoro ben addestrata per la salute, alla fornitura di diagnosi e trattamento della malaria attraverso l’assistenza sanitaria universale e una rapida risposta alle epidemie. Insieme, questi fattori hanno permesso al paese di raggiungere – e mantenere – zero casi di malaria.

“L’Algeria è il luogo in cui il parassita della malaria è stato scoperto per la prima volta negli esseri umani, quasi un secolo e mezzo fa, e questa è stata una pietra miliare significativa nel rispondere alla malattia”, ha dichiarato il direttore regionale dell’OMS, Matshidiso Moeti. “Ora l’Algeria ha mostrato al resto dell’Africa che la malaria può essere sconfitta attraverso la leadership del paese, azioni coraggiose, investimenti sani e la scienza. Il resto del continente può imparare da questa esperienza.”

La strada dell’Argentina verso l’eliminazione

Negli anni ’70, l’Argentina si proponeva di eliminare la malaria. Gli elementi chiave del suo approccio includevano la formazione degli operatori sanitari per spruzzare le abitazioni con insetticidi, diagnosticare la malattia tramite microscopia e rispondere efficacemente ai casi nella comunità.

Anche la collaborazione transfrontaliera è stata fondamentale. Tra il 2000 e il 2011, l’Argentina ha lavorato a stretto contatto con il governo della Bolivia per irrorare oltre 22.000 case nelle zone di confine e condurre test diffusi contro la malaria.

“L’Argentina ha riportato l’ultimo caso indigeno nel 2010 e ha dimostrato l’impegno, la capacità all’interno dei suoi sistemi sanitari, di laboratorio e di sorveglianza e il finanziamento necessario per impedire il ristabilimento della malaria all’interno del paese”, ha affermato la dott.ssa Carissa F. Etienne, Direttore della Pan American Health Organization, l’ufficio regionale dell’OMS per le Americhe “Sono certa che l’Argentina servirà come ispirazione e come esempio per altri paesi delle Americhe per ottenere l’eliminazione della malaria nei prossimi anni”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + 10 =