Home Ambiente Un iceberg grande come Londra sta per staccarsi dall’Antartide

Un iceberg grande come Londra sta per staccarsi dall’Antartide

425
0

 

Sono ormai diversi anni che gli scienziati stanno sorvegliando con attenzione l’area di Brunt, in Antartide. Qui si stanno realizzando le condizioni per il rilascio nell’oceano del più grande iceberg mai generato in quest’area.

adv

Un crepaccio lungo decine di chilometri  

Tutto è iniziato con l’osservazione di un enorme crepaccio che si stava allungando sempre più sulla superficie ghiacciata, andando a tagliare una sostanziosa fetta di Antartide. Dal 2016 è stata scoperta un’altra importante frattura in quest’area che contribuiva a completare il margine del frammento.

I due fronti di rottura si sono allungati uno verso l’altro sempre più velocemente, tanto che a fine maggio rimanevano solo 5 km al congiungimento delle due linee di frattura e quindi all’isolamento di un’enorme fetta di ghiaccio antartico.

Un iceberg grande coma Londra

Secondo le previsioni degli esperti, potrebbero mancare solo poche settimane alla completa separazione del moncone ghiacciato, che avrebbe una superficie complessiva di 1.594Km2. Vale a dire all’incirca l’estensione dell’intera città di Londra.

Lo studio accurato dell’evoluzione di queste enormi fratture che si sono generate in Antartide è stato possibile anche grazie alle osservazioni fornite dai satelliti, in grado di monitorare costantemente quest’area e misurarne con precisione i cambiamenti.

Come cambierà l’Antartide

La perdita di un cospicuo pezzo della sua superficie comporterà certamente un significativo cambiamento dell’Antartide. Questo però potrebbe essere solo il primo di una serie di ulteriori fratture che si potrebbero generare sui margini periferici di questo continente, portando ad una sua progressiva trasformazione.

 

Franco Folino

 

Guarda il video che illustra l’evoluzione della frattura nel ghiaccio dell’area di Brunt

 

 

Articolo precedenteUn minuscolo robot completamente autonomo che nuota come una medusa
Articolo successivoIl cervello che invecchia: il ruolo del sistema immunitario nel declino correlato all’età
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui