Il lancio degli astronauti verso la Luna sempre più vicino: eseguito con successo un test di sicurezza

La NASA ha dimostrato con successo che il sistema di sicurezza del veicolo di Orion può portare gli astronauti in salvo nel caso si verificasse una situazione di emergenza nel corso il lancio. Il test è un’altra pietra miliare nella preparazione dell’agenzia per le missioni Artemis sulla Luna, che porterà poi le prime missioni umane su Marte.

Un test di 3 minuti

Durante il test di circa tre minuti, chiamato Ascent Abort-2, una versione di prova del modulo dell’equipaggio di Orion è stata lanciata alle 7 del mattino dal Space Launch Complex 46 presso la stazione aeronautica di Cape Canaveral in Florida su un missile Peacekeeper modificato.

Il veicolo spaziale di prova di Orion ha viaggiato a un’altitudine di circa sei miglia, a quel punto ha sperimentato condizioni aerodinamiche ad alto stress previste durante l’ascesa. La sequenza di interruzione si è innescata e, in pochi millisecondi, il motore di interruzione si è attivato per estrarre il modulo dell’equipaggio dal razzo.

Il suo motore di controllo di assetto ha ribaltato la capsula sottosopra per orientarla correttamente, poi gli inneschi esplosivi hanno sganciato il modulo equipaggio per l’atterraggio nell’Oceano Atlantico (guarda il video del lancio al termine dell’articolo).

I dati di volo

Una squadra ha successivamente raccolto i 12 registratori di dati che sono stati espulsi durante la discesa della capsula. L’analisi delle informazioni fornirà informazioni sulle prestazioni del sistema di interruzione.

“Stiamo costruendo il più potente missile al mondo per inviare astronauti sulla Luna nella sonda spaziale Orion per le missioni Artemis”, ha affermato Bill Hill, vice amministratore associato per Exploration Systems Development presso la sede della NASA a Washington. “Con questo sistema di esplorazione progettato per trasportare in sicurezza gli umani più lontano che mai, avremo anche un altrettanto potente sistema di interruzione del lancio che allontanerà l’equipaggio, se c’è un problema con il razzo, durante la prima parte della salita.”

La struttura di interruzione

La struttura di interruzione tipo torre consiste di due parti. La prima è il gruppo carenatura, che è una calotta composta da un materiale composito leggero che protegge la capsula dal calore, dal flusso d’aria e dall’acustica degli ambienti di lancio, risalita e interruzione. La seconda è la torre di interruzione del lancio, che include il motore di interruzione, il motore di controllo dell’assetto e il motore di sganciamento.

Il sistema è costruito specificamente per missioni nello spazio profondo e per cavalcare il potente razzo Space Launch System (SLS) della NASA.

“Il lancio nello spazio è una delle parti più difficili e pericolose dell’andare sulla Luna”, ha dichiarato Mark Kirasich, program manager di Orion al Johnson Space Center di Houston. “Questo test ha imitato alcune delle condizioni più difficili che Orion dovrà affrontare in caso di emergenza durante la fase di ascesa del volo. Oggi, il team ha dimostrato le nostre capacità di interruzione in queste condizioni impegnative e ci ha fatto compiere un enorme passo avanti verso il primo volo di Artemis che trasporterà persone sulla Luna.”

Missione Luna

La NASA è stata in grado di accelerare il programma di test e ridurre i costi semplificando il veicolo spaziale di test ed eliminando i paracadute e i sistemi correlati. La NASA ha già qualificato il sistema di paracadute per i voli con equipaggio attraverso una vasta serie di 17 test di sviluppo e otto test di qualificazione completati alla fine del 2018.

Gli ingegneri stanno facendo progressi costruendo e testando la navicella Orion per Artemis 1, la prima missione con il razzo SLS – un sistema integrato che percorre migliaia di chilometri oltre la Luna – e per Artemis 2, la prima missione con gli astronauti.

Al Kennedy Space Center della NASA, in Florida, i tecnici si stanno preparando a collegare l’equipaggio di Orion e i moduli di servizio prima di effettuare i test presso la stazione Plum Brook dell’agenzia a Sandusky, Ohio, entro la fine dell’anno.

Le missioni Artemis

Il modulo equipaggio per Artemis 2 è equipaggiato con migliaia di elementi – dai bulloni e dagli estensimetri ai paracadute e alle linee di propulsione.

L’agenzia ha recentemente raggiunto importanti traguardi per il razzo SLS, assemblando quattro delle cinque parti che compongono l’enorme palco centrale che lancerà Artemis 1 e consegnerà i quattro motori che saranno integrati nel core stage, insieme alla sezione del motore, quest’estate. Una volta completato, l’intero stadio principale sarà il più grande stadio missilistico che la NASA abbia costruito da quando ha prodotto gli stadi Saturno V per le missioni lunari Apollo della NASA negli anni ’60.

Orion fa parte della spina dorsale della NASA per l’esplorazione dello spazio profondo, insieme a SLS e Gateway, che porteranno la prima donna e il prossimo uomo sulla Luna entro il 2024.

Guarda il video che illustra le fasi del lancio di prova

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici + 20 =