Gli arresti cardiaci ospedalieri negli USA sono molti di più di quanto si pensasse

Il numero di pazienti che sviluppano un arresto cardiaco ogni anno negli ospedali statunitensi è significativamente più elevato rispetto a quanto si pensasse. A mettere in risalto questo dato allarmante è una ricerca pubblicata sulla rivista Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes.

I ricercatori hanno sviluppato un modello per stimare l’incidenza dell’arresto cardiaco utilizzando i dati del sondaggio annuale dell’American Hospital Association, che comprendeva ospedali collegati al registro Get With The Guidelines®-Resuscitation (GWTG-R). Nel 2011, quando i dati sull’arresto cardiaco dei due registri sono stati analizzati per l’ultima volta, l’incidenza annuale di questo evento era stata stimata in 211.000 casi per gli adulti e 6.000 casi per i bambini.

Il 38% in più di arresti cardiaci

Il nuovo studio stima che ci siano circa 292.000 gli arresti cardiaci ospedalieri in età adulta e 15.200 gli eventi ospedalieri pediatrici (di cui 7.100 casi arresti cardiaci senza polso e 8.100 casi in cui vi era polso) negli Stati Uniti per anno.

Rispetto ai precedenti rapporti, l’arresto cardiaco senza polso in età adulta e pediatrica è approssimativamente del 38% e del 18% superiore rispetto a quanto precedentemente stimato.

“I nostri risultati illustrano una tendenza relativa negli ospedali statunitensi e dimostrano che l’arresto cardiaco è un grave problema di salute pubblica”, ha detto Lars W. Andersen, coautore dello studio e professore associato all’Università di Aarhus, in Danimarca.

Il Dr. Andersen ha supervisionato lo studio come ricercatore ospite presso il Dipartimento di medicina d’urgenza del Beth Israel Deaconess Medical Center a Boston. “Le precedenti stime dell’incidenza potrebbero non riflettere più l’attuale carico sanitario per l’arresto cardiaco in pazienti ospedalizzati negli Stati Uniti. Sfortunatamente, i dati non forniscono una spiegazione per l’aumento dell’arresto cardiaco in ospedale negli adulti, ma è probabilmente dovuto a molti fattori e può riflettere un aumento degli eventi reali o della segnalazione di casi nel tempo”.

La rianimazione ospedaliera

Andersen suggerisce che il supporto vitale di base e i programmi di allenamento cardiaco avanzato di supporto alla vita – che tradizionalmente si sono concentrati sulla rianimazione extraospedaliera – potrebbero dover essere ampliati per includere potenziali responder interni all’ospedale.

Nel 2015, la prevenzione dell’arresto cardiaco in ospedale è stata aggiunta nell’Aggiornamento delle linee guida dell’American Heart Association per la rianimazione cardiopolmonare e le cure cardiovascolari di emergenza. Sebbene la prevenzione dell’arresto cardiaco sia complessa, le possibili misure per ridurre i casi intraospedalieri includono l’istruzione di un maggior numero di personale medico, l’identificazione di pazienti deteriorati attraverso i primi segnali di allarme e l’intervento precoce da parte delle squadre di risposta rapida e di emergenza.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − nove =