Pressione e colesterolo elevati nei giovani si associano a malattie cardiovascolari in età più avanzata

Elevati livelli di pressione arteriosa e di colesterolo nella giovane età adulta possono portare ad un aumento del rischio per le malattie cardiache in età più avanzata, indipendentemente dall’esposizione futura a questi fattori di rischio. È quanto riporta un recente articolo pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology.

La pressione sanguigna e il colesterolo sono i principali fattori di rischio modificabili per le malattie cardiache. Mentre studi precedenti avevano rilevato che le esposizioni di giovani adulti sono associate a malattie cardiache in età più avanzata, non era chiaro se ciò avesse potuto verificarsi indipendentemente dalle esposizioni in fasi successive della vita. Queste informazioni sono state precluse a causa della limitata fascia di età degli studi precedenti.

L’esposizione ai fattori di rischio, nel tempo

Utilizzando i dati di sei ampi studi di coorte prospettici, basati su comunità, i ricercatori hanno modellato le traiettorie complete dei fattori di rischio, a partire dai 18 anni. Hanno quindi usato queste traiettorie per stimare le associazioni indipendenti di esposizioni ai fattori di rischio, durante l’età adulta giovane (età 18-39 anni) e in età adulta avanzata (età ≥40 anni), con il conseguente rischio di malattia coronarica, insufficienza cardiaca e ictus. I ricercatori hanno calcolato le medie ponderate in base ai valori della pressione arteriosa sistolica, della pressione diastolica, della lipoproteina ad alta densità (HDL) e dei livelli di esposizione al colesterolo LDL.

Fattori di rischio ed eventi cardiovascolari: lo studio

Nell’analisi sono stati inclusi 36.030 partecipanti. Nel corso di un periodo di follow-up di 17 anni, ci sono stati 4.570 eventi cardiaci coronarici (CHD) incidenti, 5.119 eventi di insufficienza cardiaca e 2.862 ictus.

Le misurazioni medie di pressione sistolica e diastolica, LDL e HDL dall’età adulta giovane erano tutte fortemente correlate con le medie rilevate in fasi successive della vita.

Un aumento del colesterolo LDL durante la giovane età adulta è stato associato ad un aumento del 64% del rischio di malattia coronarica, indipendentemente dalle esposizioni successive. Valori elevati di pressione sistolica e diastolica in giovane età adulta sono stati associati indipendentemente con un aumento del 37% e del 21% del rischio di insufficienza cardiaca, rispettivamente.

Mentre nessuna esposizione per i giovani adulti era indipendentemente associata con l’ictus, livelli aumentati in età più avanzata di pressione sistolica o diastolica erano forti predittori di ictus.

Un periodo critico della vita

“I nostri risultati aumentano l’evidenza che la giovane età adulta è un periodo critico in cui l’ipertensione o il colesterolo sono particolarmente dannosi. Mantenere livelli ottimali di pressione arteriosa e colesterolo LDL per tutta la vita adulta potrebbe dare benefici sostanziali per tutta la vita nella prevenzione cardiovascolare”, ha detto Andrew E. Moran, professore associato presso la Columbia University e autore principale dello studio.

“Tuttavia, i giovani adulti sono difficili da raggiungere attraverso i tradizionali programmi di prevenzione basati sulla clinica – stanno effettuando la transizione tra modelli di assistenza pediatrica e centrata sull’adulto, spesso mancano di assicurazione sanitaria o riscontrano frequenti lacune nella copertura assicurativa. L’utilizzo da parte dei giovani di cure mediche ambulatoriali e il rispetto delle linee guida di prevenzione sono i più bassi di qualsiasi fascia di età.”

I ricercatori raccomandano l’implementazione di programmi preventivi rivolti ai giovani adulti basati sul web, centrati sul paziente, mobili, che tengano conto del fatto che questa fascia di età può sottovalutare l’importanza del loro rischio futuro di malattia cardiaca.

Il commento editoriale

In un commento editoriale che accompagna questo studio, Samuel S. Gidding, MD, e Jennifer Robinson, hanno detto che questo studio dovrebbe essere un campanello d’allarme per la comunità medica per riconoscere le lacune dell’assistenza preventiva vissute da giovani adulti.

“È giunto il momento di riconoscere che gli interventi preventivi si verificano troppo tardi nella vita per avere un impatto sostanziale sul carico di popolazione della malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD) e insufficienza cardiaca”, hanno detto. “Gli interventi in quelli con ASCVD consolidata, aterosclerosi subclinica avanzata, compromissione della funzione miocardica, diabete o insufficienza renale sono studi di trattamento della malattia e non vera prevenzione. Passando alle sperimentazioni in soggetti più giovani a rischio più elevato che hanno una malattia meno avanzata più suscettibile all’inversione e sviluppando strategie di medicina di precisione basate su genetica, imaging e altri fattori di rischio, può iniziare la prossima era della prevenzione delle malattie cardiovascolari.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × uno =