Come il cervello si libera dalle impurità, proteggendosi dalle malattie neurodegenerative

Una recente ricerca apparsa nei giorni scorsi sulla rivista Nature identifica una precisa via di uscita per i liquidi che escono dal cervello. Questo nuovo studio ci aiuta a capire come vengono eliminati i “rifiuti” dal cervello, ma non solo. I risultati di questa ricerca hanno infatti anche gettato luce su come i cambiamenti legati all’età in questo processo di clearance possano influenzare lo sviluppo di malattie neurodegenerative.

La rimozione di liquidi e molecole in eccesso

I liquidi in eccesso e le grandi molecole, come le proteine, vengono comunemente rimossi dai tessuti attraverso i vasi linfatici. Fino a poco tempo fa si pensava che il cervello mancasse di un classico sistema di drenaggio linfatico. Circa quattro anni fa è stata scoperta una rete di vasi linfatici meningei, localizzati nella membrana cerebrale esterna. Si è così svelata la loro funzione regolatrice nell’equilibrio dei fluidi e nel drenaggio delle macromolecole.

La via precisa del drenaggio del liquido cerebrospinale (CSF) è rimasta poco chiara, in parte a causa delle difficoltà nell’esplorazione di un sottoinsieme di questi vasi intrappolati all’interno di strutture complesse alla base del cranio.

I vasi linfatici meningei: lo studio

Eseguendo un attento esame della base del cranio nei topi, Gou Young Koh e colleghi hanno visualizzato la posizione precisa dei vasi linfatici meningei basali e identificato caratteristiche specializzate che facilitano l’assorbimento e il drenaggio del liquido cerebrospinale.

Gli autori hanno confrontato la struttura e la funzione dei vasi linfatici meningei nei topi giovani (3 mesi) e anziani (24–27 mesi), scoprendo un declino correlato all’età nell’integrità dei vasi e nella clearance del liquido cerebrospinale. Si ritiene che un accumulo di proteine ​​nel cervello contribuisca alle malattie neurodegenerative legate all’età, come il morbo di Alzheimer. Gli ultimi risultati forniscono quindi ulteriori spunti di ricerca sul ruolo della compromissione della clearance del liquido cerebrospinale nello sviluppo di malattie neurodegenerative.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 4 =