L’incidenza della fibrillazione atriale è più alta negli ex giocatori di football americano

Molto si è parlato degli effetti deleteri del football americano sul cervello. I continui traumi sembrerebbero infatti causare alterazioni degenerative che possono portare ad una vera e propria encefalopatia traumatica cronica (vedi precedente articolo su questo argomento). I problemi di salute causati da questo sport di contatto sembrano però non finire qui.

In un recente studio, apparso sulle pagine del Journal of American Heart Association, viene infatti messo in evidenza come gli ex giocatori della National Football League, negli Stati Uniti, avevano quasi 6 volte più probabilità di avere una fibrillazione atriale rispetto agli uomini di età simile che non giocavano a football professionistico.

Sport e fibrillazione atriale

Già precedenti studi avevano collegato la partecipazione a lungo termine negli sport di resistenza, come la corsa di maratona, con un aumentato rischio di fibrillazione atriale. Questo è il primo studio che ha associato uno sport d’élite, che richiede forza muscolare, a una maggiore probabilità di avere la fibrillazione atriale.

“Sebbene lo studio sia stato osservazionale, il che significa che identifica una relazione ma non dimostra causa ed effetto, l’allenamento prolungato della forza nel football americano può aumentare le dimensioni della camera cardiaca e lo spessore delle pareti, che possono alterare il ritmo cardiaco e i segnali elettrici nel cuore.” Ha detto l’autore principale dello studio Dermot Phelan, direttore dello Sports Cardiology Center presso la Cleveland Clinic di Cleveland, in Ohio.

Fibrillazione atriale e football americano: lo studio

I ricercatori hanno confrontato 460 ex giocatori della National Football League con 925 uomini del Dallas Heart Study. Entrambi i gruppi erano di mezza età e circa la metà in ciascun gruppo erano afroamericani. I risultati hanno evidenziato come il 5% degli ex giocatori della NFL aveva sviluppato una fibrillazione atriale rispetto allo 0,5% degli uomini nel gruppo di controllo.

Altri fattori di rischio predittivi per lo sviluppo di fibrillazione atriale erano età avanzata, razza bianca e peso più elevato, tutti precedentemente riconosciuti come fattori di rischio per questa aritmia.

Il gruppo di giocatori presentava fattori di rischio complessivamente più bassi per mortalità per malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e ipertensione arteriosa e presentava una frequenza cardiaca a riposo più bassa rispetto al gruppo di controllo. Tuttavia, l’incidenza della fibrillazione atriale era più elevata.

Gli ex atleti della NFL avevano 8 volte più probabilità di ricevere un pacemaker rispetto al gruppo di controllo.

La fibrillazione atriale asintomatica

“La maggior parte degli ex atleti della NFL con fibrillazione atriale non percepivano alcun sintomo e tuttavia avrebbero dovuto assumere anticoagulanti per prevenire l’ictus, sottolineando l’importanza di essere vigili e controllare in modo intermittente la presenza di fibrillazione atriale in questo gruppo”, ha affermato Phelan.

“Per la maggior parte delle persone, i benefici di entrambi gli esercizi aerobici, come la camminata e l’allenamento della forza, come lavorare con i pesi, sono fortemente collegati a un cuore più sano e questo studio non dovrebbe scoraggiare le persone dall’essere fisicamente attive. L’esercizio da lieve a moderato riduce il rischio di fibrillazione atriale per la maggior parte delle persone.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 + quindici =