Il consumo di alimenti a base vegetale si associa a una migliore salute del cuore

Un grande assist ai vegetariani arriva da una recente ricerca pubblicata sul Journal of the American Heart Association. Nello studio viene infatti evidenziato come il consumo di alimenti prevalentemente a base vegetale e un minor numero di alimenti a base animale può essere collegato a una migliore salute del cuore e ad un minor rischio di morte per infarto, ictus o altre malattie cardiovascolari.

Non solo verdure

“Sebbene non sia necessario rinunciare completamente agli alimenti derivati ​​da animali, il nostro studio suggerisce che mangiare una proporzione maggiore di alimenti a base vegetale e una proporzione minore di alimenti a base animale può aiutare a ridurre il rischio di avere un infarto, un ictus o altri tipi di malattie cardiovascolari”, ha affermato il ricercatore principale dello studio, Casey M. Rebholz, assistente professore di epidemiologia presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, a Baltimora, nel Maryland.

I ricercatori hanno esaminato un database di informazioni sull’assunzione di cibo di oltre 10.000 adulti statunitensi di mezza età che sono stati monitorati dal 1987 al 2016 e non avevano malattie cardiovascolari all’inizio dello studio. Hanno quindi classificato i modelli alimentari dei partecipanti in base alla proporzione di alimenti a base vegetale che hanno mangiato rispetto agli alimenti a base animale.

Un minor rischio di sviluppare malattie cardiovascolari

I risultati di questo studio osservazionale hanno evidenziato come le persone che hanno mangiato più alimenti a base vegetale nel complesso avevano il 16% in meno di rischio di avere una malattia cardiovascolare come infarto, ictus e insufficienza cardiaca. È stata inoltre evidenziata una riduzione del 32% del rischio di morte per malattie cardiovascolari, mentre il rischio di morte per qualsiasi causa è risultato ridotto del 25%, rispetto a coloro che hanno mangiato la minima quantità di alimenti a base vegetale.

L’importanza della dieta

“I nostri risultati sottolineano l’importanza di concentrarsi sulla dieta. Potrebbe esserci una certa variabilità in termini di singoli alimenti, ma per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari le persone dovrebbero mangiare più verdure, noci, cereali integrali, frutta, legumi e meno alimenti di origine animale. Questi risultati sono abbastanza coerenti con i risultati precedenti su altri modelli dietetici, tra cui gli approcci dietetici per fermare l’ipertensione o la dieta DASH, che mettono in luce gli stessi prodotti alimentari”, ha detto Rebholz.

Questo è uno dei primi studi che ha esaminato la percentuale di modelli dietetici a base vegetale rispetto a quella animale nella popolazione generale, ha osservato Rebholz. Precedenti studi hanno mostrato benefici per la salute del cuore dalle diete a base vegetale, ma solo in popolazioni specifiche di persone, come i vegetariani o gli avventisti del settimo giorno, che seguono una dieta prevalentemente vegana. La ricerca futura sulle diete a base vegetale dovrebbe esaminare se la qualità dei cibi vegetali – salutare contro meno salutare – abbia un impatto sulle malattie cardiovascolari e sui rischi di morte, secondo Rebholz.

Le raccomandazioni dell’American Heart Association

“L’American Heart Association raccomanda di seguire una dieta prevalentemente a base vegetale, a condizione che gli alimenti scelti siano ricchi di fattori nutritivi e poveri di zuccheri aggiunti, sodio (sale), colesterolo e acidi grassi saturi. Ad esempio, le patatine fritte o la pizza al cavolfiore con formaggio sono a base vegetale ma hanno un basso valore nutrizionale e sono ricche di sodio. Gli alimenti non trasformati, come frutta fresca, verdura e cereali sono buone scelte”, ha dichiarato Mariell Jessup, capo scientifico e ufficiale medico dell’American Heart Association.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − dieci =