Uno stile di vita salutare far ridurre il rischio di sviluppare una demenza

Secondo uno studio pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista Nature Medicine, la modifica dei fattori di salute e di stile di vita può ridurre il rischio di sviluppare una demenza nei soggetti già geneticamente predisposti con un rischio basso o intermedio.

Le cause della demenza

Le cause esatte della demenza rimangono poco chiare, ma sia i fattori genetici, sia quelli legati allo stile di vita, come la mancanza di un regolare esercizio fisico, sono considerati i principali fattori trainanti di questa complessa malattia. Precedenti studi si sono concentrati principalmente su un singolo fattore protettivo, ma la combinazione di più fattori può produrre effetti ancor più benefici della somma delle loro parti.

Stile di vita, predisposizione genetica e rischio di demenza

Per esaminare l’influenza combinata dei fattori dello stile di vita e della predisposizione genetica sul rischio di demenza, Silvan Licher e colleghi hanno analizzato i dati di oltre 6.000 persone di età pari o superiore a 55 anni, già inseriti nel Rotterdam Study.

Gli autori hanno assegnato un punteggio a ciascun partecipante in base a fattori favorevoli di salute e stile di vita, come attività fisica regolare, dieta sana, consumo limitato di alcol e astensione dal fumo.

Gli autori hanno scoperto che tra gli individui con bassa predisposizione genetica, un punteggio di stile di vita favorevole era associato a un ulteriore abbassamento del rischio di demenza. Al contrario, quelli con un punteggio di stile di vita sfavorevole hanno mostrato di avere un elevato rischio di demenza, anche tra i partecipanti con basso rischio genetico di demenza.

Hanno scoperto inoltre che né stili di vita favorevoli, né sfavorevoli sembrano modificare il rischio di sviluppare una demenza tra le persone che hanno già un’elevata predisposizione genetica.

Gli autori osservano che mentre lo studio beneficia di un ampio disegno longitudinale, i risultati dovranno essere confermati da analisi condotte su popolazione indipendenti.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × uno =