Dopo un cancro infantile il rischio di sviluppare malattie cardiache è elevato

I sopravvissuti a un cancro infantile hanno un rischio maggiore di sviluppare una serie di malattie cardiache dovute alla terapia assunta per curare la malattia. È questo quanto viene evidenziato da una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Circulation.

La maggior parte degli studi condotti in questo gruppo di sopravvissuti si è concentrata sull’insufficienza cardiaca correlata all’assunzione di antracicline, una classe di farmaci chemioterapici usati per trattare molti tipi di cancro. In questo nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati del sistema sanitario dell’Ontario per studiare l’intero spettro dei sottotipi di malattie cardiache in quasi 7.300 sopravvissuti al cancro infantile (diagnosticato a un’età media di 7 anni), rispetto a oltre 36.000 persone della stessa età, genere e codice postale, senza cancro. Le malattie cardiache studiate includevano la malattia coronarica, le aritmie, le anomalie valvolari, le cardiomiopatie, l’insufficienza cardiaca e le malattie del pericardio.

Un rischio triplo di eventi cardiaci

I ricercatori hanno scoperto che, anche in età relativamente giovane, i sopravvissuti al cancro infantile hanno fino a un aumento triplo di qualsiasi evento cardiaco del rischio di insufficienza cardiaca, rispetto ai loro coetanei liberi da cancro. Inoltre, i sopravvissuti esposti a dosi più elevate di chemioterapia con antracicline, così come quelli con diagnosi di diabete, ipertensione o entrambi, hanno significativamente più probabilità di sviluppare malattie cardiache da adulti.

“Mentre la chemioterapia con antracicline può indurre malattie cardiache, molti pazienti necessitano questo trattamento per sopravvivere”, ha affermato Paul Nathan, autore senior dello studio.

“I medici dovrebbero affrontare i fattori di rischio per le malattie cardiache – come il diabete e l’ipertensione – che possono essere modificati”, ha detto Nathan, che è anche professore nei dipartimenti di gestione e valutazione della pediatria e della salute presso l’Università di Toronto, in Canada.

Diabete e ipertensione arteriosa

I sopravvissuti al cancro infantile sembrano avere una maggiore probabilità di condizioni metaboliche come diabete, ipertensione e livelli eccessivi di uno o più tipi di lipidi nel sangue. Questi fattori di rischio modificabili sembrano interagire con la chemioterapia o le radiazioni, che possono essere tossiche per il cuore, invecchiare prematuramente il cuore e accelerare lo sviluppo di malattie cardiache.

“Le strette connessioni tra stile di vita, disturbi metabolici e malattie cardiache giustificano un attento follow-up e il monitoraggio della popolazione sopravvissuta al cancro infantile”, ha detto Nathan.

Gli eventi cardiaci

I ricercatori hanno utilizzato il gruppo pediatrico di oncologia dell’Ontario Networked Information System (POGONIS), un registro provinciale per il cancro pediatrico, per identificare i sopravvissuti al cancro che sono stati diagnosticati prima dei 18 anni e curati in un centro di cancro pediatrico tra il 1987 e il 2010. Ai fini di questo studio comparativo, ogni sopravvissuto al cancro infantile è stato abbinato a cinque coetanei senza cancro. Durante una media di 10 anni di follow-up, quasi il 3% dei sopravvissuti al cancro infantile ha avuto uno o più eventi cardiaci, rispetto a meno dell’1% di quelli senza cancro.

I ricercatori non sono stati in grado di valutare i fattori legati allo stile di vita come fumo, attività fisica, dieta e consumo di alcol. Una comprensione più completa di questi e altri fattori modificabili e del loro impatto sulle malattie cardiovascolari, tra i sopravvissuti al cancro infantile, potrebbe essere acquisita attraverso lavori futuri che prevedono l’uso di dati provenienti da più fonti.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 + otto =