Home Animali Quel dinosauro giapponese, dal becco d’anatra, di cui non si sapeva l’esistenza

Quel dinosauro giapponese, dal becco d’anatra, di cui non si sapeva l’esistenza

1084
0
Charonosaurus jiayinensis in Royal Belgian Institute of Natural Sciences, in Brussels (Belgium). Drow male.

La scoperta di una specie di dinosauro adrosauro precedentemente sconosciuta che ha vissuto nel periodo tardo cretaceo è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla prestigiosa rivista Scientific reports.

Il fossile, trovato in Giappone, favorisce la nostra comprensione della diversità degli adrosauridi in Estremo Oriente e dell’evoluzione degli adrosauridi durante il tardo Cretaceo (100,5-66 milioni di anni fa).

Gli adrosauri

Gli adrosauridi (Hadrosauridae) sono tra i gruppi di dinosauri di maggior successo del tardo Cretaceo e i loro fossili sono stati trovati in Nord America, Sud America, Asia, Europa e Antartide.

Erano di grosse dimensioni, superando in media i 9 metri di lunghezza, ed erano erbivori.

Nel loro aspetto vi erano alcune caratteristiche distintive. Tra queste la forma del cranio, con un prolungamento del muso a forma di becco, e una cresta dalla forma bizzarra, probabilmente utilizzata per produrre un suono di richiamo.

La loro bocca conteneva centinaia di denti, adatti a triturare il cibo di cui si nutrivano.

Il nuovo adrosauro giapponese

Yoshitsugu Kobayashi e colleghi hanno scoperto il nuovo adrosauro, che hanno chiamato Kamuysaurus japonicus, nei depositi marini della Formazione Hakobuchi a Hokkaido, in Giappone. Gli autori suggeriscono che la sua scoperta in un ambiente influenzato dal mare è rara per gli adrosauridi e contribuisce alla comprensione della diversità di questi animali preistorici in ambienti particolari.

Otto metri di lunghezza

Con circa otto metri di lunghezza, l’esemplare di 72 milioni di anni fa è un adrosauro di taglia media, completamente cresciuto. Gli autori riportano una serie di caratteristiche uniche, tra cui una piccola cresta sul cranio e una breve fila di spine neurali che puntano in avanti. L’analisi di questo esemplare suggerisce che è correlato ad altri adrosauridi dell’Estremo Oriente come il Laiyangosaurus cinese e il Kerberosaurus russo.

 

 

Yoshitsugu Kobayashi, et al. A New Hadrosaurine (Dinosauria: Hadrosauridae) from the Marine Deposits of the Late Cretaceous Hakobuchi Formation, Yezo Group, Japan. Scientific Reports, (2019) 9:12389.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui