La terapia ormonale in menopausa fa aumentare il rischio di cancro al seno

Uno studio internazionale, che ha valutato i dati di oltre 100.000 donne con carcinoma mammario, provenienti da 58 studi epidemiologici in tutto il mondo, ha scoperto che l’uso di una terapia ormonale in menopausa è associato ad un aumentato rischio di carcinoma mammario- Questo rischio sembra persistere per oltre un decennio dall’interruzione della cura.

I risultati, pubblicati sulla rivista The Lancet, suggeriscono che tutti i tipi di terapia ormonale, ad eccezione degli estrogeni vaginali topici, sono associati ad un aumentato rischio di carcinoma mammario e che i rischi sono maggiori per gli utenti che hanno utilizzato una terapia ormonale con estrogeni-progestinici rispetto a quelli che hanno assunto solo estrogeni. Per la terapia estrogeno-progestinica, i rischi erano maggiori se il progestinico veniva incluso quotidianamente anziché in modo intermittente.

La terapia ormonale in menopausa

Le donne tendono a iniziare la terapia ormonale intorno al periodo della menopausa, quando la funzione ovarica cessa, causando una sostanziale riduzione dei livelli di estrogeni, una riduzione dei livelli di progesterone vicino allo zero. È allora che alcune donne hanno vampate di calore e fastidi che possono essere alleviati dalla terapia ormonale. Sebbene gli organismi di regolamentazione in Europa e negli Stati Uniti raccomandino di utilizzare questo trattamento per il minor tempo necessario, alcune linee guida cliniche propongono una prescrizione meno restrittiva.

Nei paesi occidentali, l’uso di terapie ormonali in menopausa è aumentato rapidamente durante gli anni ’90, si è dimezzato bruscamente all’inizio degli anni 2000, per poi stabilizzarsi negli anni del 2010. Attualmente, ci sono circa 12 milioni di utenti nei paesi occidentali – circa sei milioni in Nord America e sei milioni in Europa (di cui un milione nel Regno Unito). Sebbene alcuni siano utenti a breve termine, l’utilizzo di questa terapia per circa cinque anni è piuttosto comune, ma si può arrivare fino ai 10 anni.

Una precedente meta-analisi aveva evidenziato che gli utenti attuali e recenti della terapia ormonale in menopausa avevano un aumentato rischio di cancro al seno, ma erano disponibili informazioni insufficienti sugli effetti di diversi tipi di terapia ormonale o sui rischi a lungo termine dopo la cessazione dell’uso di questi farmaci.

Terapia ormonale e cancro al seno: lo studio

La coautrice Valerie Beral dell’Università di Oxford, Regno Unito, afferma: “I nostri nuovi risultati indicano che un aumento del rischio persiste anche dopo l’interruzione dell’uso della terapia ormonale menopausale. Le precedenti stime dei rischi associati all’uso della terapia ormonale menopausale sono quasi raddoppiate dall’inclusione del rischio persistente dopo la cessazione dell’uso degli ormoni”.

Nel nuovo studio, gli autori hanno riunito e riesaminato centralmente tutti gli studi prospettici ammissibili dal 1992-2018 che avevano registrato l’uso di una terapia ormonale in menopausa e quindi monitorato l’incidenza del cancro al seno. Tra queste, 108.647 donne hanno successivamente sviluppato il cancro al seno ad un’età media di 65 anni. La ricerca ha inoltre esaminato il tipo di terapia ormonale utilizzata, la sua durata e il tempo trascorso dall’ultima assunzione.

Il rischio di sviluppare un carcinoma mammario

Tra le donne che hanno sviluppato il carcinoma mammario negli studi prospettici, la metà aveva usato la terapia ormonale in menopausa, l’età media alla menopausa era di 50 anni e l’età media all’inizio della terapia era di 50 anni. La durata media dell’uso degli ormoni è stata di 10 anni negli utenti attuali e di sette anni negli utenti precedenti.

Per le donne di peso medio nei paesi occidentali che non hanno mai usato la terapia ormonale, il rischio medio di sviluppare il carcinoma mammario nei 20 anni dai 50 ai 69 anni è di circa 6,3 per 100 donne (vale a dire, circa 63 ogni 1.000 donne che non hanno mai usato una terapia ormonale sviluppano il cancro al seno durante i 20 anni dai 50 ai 69 anni).

Gli autori stimano che per le donne con cinque anni di utilizzo dei tre principali tipi di terapia ormonale, a partire dall’età di 50 anni, i rischi di carcinoma mammario a 20 anni dai 50 ai 69 anni compresi aumenterebbero dal 6,3 per 100 nei non utilizzatori a 8,3 per 100 negli utenti di estrogeni più progestinico ad assunzione giornaliera (ovvero 83 su 1.000 utenti svilupperebbero un carcinoma mammario). Un aumento assoluto di 2 su 100 utilizzatori (uno su 50 utilizzatori). I casi passerebbero a 7,7 per 100 donne negli utenti di estrogeni più progestinico, ad assunzione intermittente (ovvero 77 su 1.000) e a 6,8 per 100 donne negli utenti di soli estrogeni.

L’aumento del rischio di carcinoma mammario sarebbe circa il doppio delle donne che usano la terapia ormonale per 10 anni anziché per 5 anni.

Più il trattamento ormonale è prolungato, più aumenta il rischio di cancro al seno

Gli aumenti del rischio a 20 anni includono l’aumento dei rischi sia durante i cinque anni in cui viene utilizzata la terapia ormonale sia durante i 15 anni successivi alla fine dell’uso. I rischi in eccesso durante e dopo l’uso del trattamento dipendevano da quanto tempo era stato usato il farmaco.

Il rischio in eccesso è risultato molto limitato dopo aver usato qualsiasi forma di terapia ormonale per meno di un anno.

La professoressa Gillian Reeves dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, afferma: “L’uso della terapia ormonale in menopausa per 10 anni comporta circa il doppio del rischio di cancro al seno in eccesso associato a 5 anni di utilizzo. Tuttavia, sembra che ci siano pochi rischi uso della terapia ormonale menopausale per meno di un anno o dall’uso topico di estrogeni vaginali che non raggiungono il flusso sanguigno.”

Nel complesso, l’uso di una terapia ormonale è stato associato in modo più forte al carcinoma mammario positivo al recettore degli estrogeni (ER +) rispetto ad altri tipi di carcinoma mammario. L’aumento del rischio di sviluppare carcinoma mammario ER + ha rappresentato la maggior parte del rischio di carcinoma mammario in eccesso associato alla terapia ormonale.

L’età in cui si inizia la terapia ormonale

Dato che la menopausa si verifica di solito tra i 40 e i 50 anni, quasi tutte le evidenze raccolte nello studio riguardano le donne che avevano avuto la loro menopausa e hanno iniziato la terapia ormonale in questa fascia di età. Gli aumenti proporzionali del rischio erano simili per le donne che avevano iniziato l’assunzione di ormoni a 40-44, 45-49, 50-54 e 55-59 anni. I rischi sembravano tuttavia essere in qualche modo attenuati tra i pochi che avevano iniziato a usare la terapia ormonale dopo i 60 anni. I rischi sono stati inoltre attenuati dall’adiposità, in particolare per la terapia con soli estrogeni, che ha avuto scarso effetto nelle donne obese.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 12 =