Si muore di più per cancro e meno per malattie cardiovascolari

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità tra gli adulti di mezza età in tutto il mondo, rappresentando il 40% di tutti i decessi, ma questo non è più così nei paesi ad alto reddito, dove il cancro è ora responsabile del doppio dei decessi rispetto alle malattie cardiovascolari.

Questo è quanto viene prospettato in un nuovo rapporto dello studio PURE pubblicato su The Lancet e presentato al Congresso ESC 2019. È stato stimato che nel 2017 si siano verificati 55 milioni di decessi nel mondo, di cui circa 17,7 milioni erano dovuti a malattie cardiovascolari.

Lo studio PURE

Lo studio PURE è l’unico grande studio prospettico internazionale di coorte che coinvolge dati sostanziali provenienti da un gran numero di paesi ad alto (HIC), medio (MIC) e basso reddito (LIC), e impiega metodi standardizzati e concorrenti di campionamento, misurazione e follow-up.

Il primo rapporto, che ha seguito 162.534 adulti di mezza età (35-70 anni, 58% donne) in 4 HIC, 12 MIC e 5 LIC per una mediana di 9,5 anni (tra il 2005-2016), ha scoperto che i decessi correlati alle malattie cardiovascolari erano 2,5 volte più comuni negli adulti di mezza età nei LIC rispetto a quelli che vivevano negli HIC, nonostante i LIC abbiano un carico sostanzialmente inferiore di fattori di rischio cardiovascolare rispetto ai paesi più ricchi. Gli autori hanno suggerito che una maggiore mortalità cardiovascolare nei paesi a basso reddito potrebbe essere principalmente dovuta alla minore qualità dell’assistenza sanitaria, dato che il rapporto ha riscontrato che i primi tassi di ricovero e l’uso di farmaci cardiovascolari erano entrambi sostanzialmente inferiori nei paesi a basso e medio reddito, rispetto a quelli ad alto reddito.

Malattie comuni in transizione

“Il mondo sta assistendo a una nuova transizione epidemiologica tra le diverse categorie di malattie non trasmissibili, dove le malattie cardiovascolari non sono più la principale causa di morte nei paese ad alto reddito”, ha dichiarato il dott. Gilles Dagenais, professore emerito dell’Università di Laval, Quebec, Canada e autore principale del primo rapporto. “Il nostro rapporto ha rilevato che il cancro è la seconda causa di morte più comune a livello globale nel 2017, rappresentando il 26% di tutti i decessi. Ma poiché i tassi delle malattie cardiovascolari continuano a diminuire, il cancro potrebbe probabilmente diventare la principale causa di morte in tutto il mondo, nel giro di pochi decenni.”

L’incidenza delle malattie cardiovascolari

Mentre lo studio ha riscontrato che l’incidenza delle malattie cardiovascolari per 1.000 persone per anno è 7,1, 6,8 e 4,3 rispettivamente nei LIC, MIC e HIC, al contrario ha scoperto che il cancro, la polmonite, la BPCO e le lesioni essere ciascuna meno comune nei LIC e più comuni negli HIC. I tassi di mortalità complessivi erano due volte più alti nei LIC rispetto ai MIC e quattro volte più alti nei LIC rispetto agli HIC, sebbene i tassi di decessi per cancro fossero simili in tutti i livelli di reddito del paese.

Il dott. Salim Yusuf, professore di medicina, McMaster University e principale investigatore dello studio ha osservato: “Mentre le strategie di prevenzione e gestione delle malattie cardiovascolari a lungo termine si sono dimostrate efficaci nel ridurre l’onere negli HIC, è necessario un cambio di rotta per alleviare lo sproporzionatamente alto impatto delle malattie cardiovascolari nei LIC e MIC. I governi di questi paesi devono iniziare investendo una parte maggiore del loro Prodotto Interno Lordo nella prevenzione e nella gestione delle malattie non trasmissibili, incluse le malattie cardiovascolari, piuttosto che concentrarsi in gran parte sulle malattie infettive.”

Circa il 70% dei casi di malattie cardiovascolari e decessi dovuti a rischi modificabili

Un ulteriore rapporto dello studio PURE, pubblicato anche su The Lancet e presentato contemporaneamente al Congresso ESC 2019, ha esplorato il contributo relativo (fattore attribuibile alla popolazione o PAF) di 14 fattori di rischio modificabili delle malattie cardiovascolari, tra 155.722 persone di mezza età senza precedenti cardiovascolari, all’interno degli stessi 21 HIC, MIC e LIC.

Complessivamente, i fattori di rischio modificabili, inclusi i fattori metabolici, comportamentali, socioeconomici e psicosociali, la forza e l’ambiente, hanno rappresentato il 70% di tutti i casi di malattie cardiovascolari a livello globale. I fattori di rischio metabolici sono stati il ​​principale fattore di rischio contributivo a livello globale (41,2%), con ipertensione (22,3%) il principale fattore all’interno di questo gruppo.

Tuttavia, l’importanza relativa dei fattori di rischio per i casi di malattie cardiovascolari e di morte variava ampiamente tra i paesi nelle diverse fasi dello sviluppo economico. Per i decessi, il gruppo più ampio di PAF complessivamente riguardava fattori di rischio comportamentale (26,3%), ma in MIC e LIC, l’importanza dell’inquinamento atmosferico domestico, la cattiva alimentazione, la scarsa istruzione e la bassa forza di presa erano sostanzialmente maggiori rispetto ai loro impatto in HIC.

In linea con i risultati del primo rapporto, i fattori di rischio metabolico tra cui colesterolo alto, obesità addominale o diabete, hanno svolto un ruolo maggiore nel causare malattie cardiovascolari in HIC, rispetto a LIC.

Un punto di svolta

“Abbiamo raggiunto un punto di svolta nello sviluppo di strategie di prevenzione e gestione delle malattie cardiovascolari”, ha affermato Annika Rosengren, professore di medicina di Goteborg, in Svezia. Sumathy Rangarajan, che ha coordinato lo studio, ha dichiarato: “Mentre alcuni fattori di rischio hanno certamente grandi impatti globali, come l’ipertensione, il tabacco e la scarsa istruzione, l’impatto di altri, come la cattiva alimentazione, l’inquinamento dell’aria domestica, varia in gran parte dal livello economico di paesi. Ora esiste un’opportunità per riallineare le politiche sanitarie globali e adattarle ai diversi gruppi di paesi in base ai fattori di rischio di maggiore impatto in ciascun contesto.”

Dr Philip Joseph, professore associato di medicina presso la McMaster University e il co-responsabile del documento ha concluso: “Gli sforzi per affrontare le malattie cardiovascolari concentrandosi su un piccolo numero di fattori di rischio comportamentale, come la riduzione del fumo, sono importanti, ma questi sforzi dovrebbero espandersi a un migliore controllo della pressione arteriosa e un migliore utilizzo della prevenzione secondaria, con farmaci semplici ed efficaci a basso costo.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 3 =