Home Chirurgia Migliora nel mondo la sopravvivenza ai tumori, ma con differenze tra paesi

Migliora nel mondo la sopravvivenza ai tumori, ma con differenze tra paesi

5
0

Uno studio osservazionale comprendente 3,9 milioni di casi di cancro in sette paesi ad alto reddito tra il 1995-2014, pubblicato sulla rivista The Lancet Oncology, rileva che la sopravvivenza di sette tumori sta generalmente migliorando. Il livello generale e il ritmo di miglioramento varia però da paese a paese e per ciascuno tipo di cancro.

Gli autori affermano che lo stadio del cancro alla diagnosi, l’accesso tempestivo a un trattamento efficace e le condizioni di salute concomitanti sono probabilmente i principali determinanti degli esiti clinici.

Incidenza e sopravvivenza per il cancro

L’autrice principale, la dott.ssa Melina Arnold della International Agency for Research on Cancer (IARC), afferma: “Nell’ambito del progetto SURVMARK-2 e della seconda fase dell’International Cancer Benchmarking Partnership (ICBP), abbiamo studiato l’incidenza, la sopravvivenza a uno e cinque anni e la mortalità per sette tumori, in sette paesi, per un periodo di 20 anni.

Mentre la sopravvivenza e la prognosi del cancro continuano a migliorare nei paesi ad alto reddito, le disparità che vediamo sono probabilmente dovute allo stadio della malattia alla diagnosi, il tempo necessario per ottenere un trattamento efficace e l’effetto di altre condizioni di salute concomitanti.”

L’autrice continua “I miglioramenti nella sopravvivenza del cancro osservati sono probabilmente una conseguenza diretta delle riforme sanitarie e dei progressi tecnologici che consentono una diagnosi precoce, un trattamento più efficace e su misura e una migliore gestione dei pazienti. I miglioramenti nelle tecniche chirurgiche e le nuove linee guida, inclusa la radioterapia preoperatoria, nonché una migliore diagnosi e scansione, consentendo una migliore stadiazione dei tumori e una selezione per terapie mirate, hanno migliorato i risultati nei pazienti.”

Miglioramenti nella sopravvivenza nei paesi ad alto reddito

Negli ultimi due decenni, ci sono stati consistenti miglioramenti nella sopravvivenza del cancro nei paesi ad alto reddito, ma continuano ad esserci differenze tra i paesi.

Il nuovo studio, condotto dall’International Cancer Benchmarking Partnership (ICBP – una partnership internazionale e multidisciplinare di clinici, accademici e politici), ha studiato queste differenze. Questa fase del progetto ha utilizzato dati provenienti da 3,9 milioni di casi di carcinoma dell’esofageo, dello stomaco, del colon, del retto, del pancreas, del polmone o dell’ovaio, raccolti nei registri sanitari di sette paesi: Australia, Canada, Danimarca, Irlanda, Nuova Zelanda, Norvegia e Regno Unito.

I ricercatori hanno calcolato la sopravvivenza standardizzata per età a uno e cinque anni dopo la diagnosi per sito, gruppo di età e periodo di diagnosi. Hanno anche mappato i cambiamenti nell’incidenza e nella mortalità e i cambiamenti nella sopravvivenza.

Un miglioramento significativo

Questi i risultati ottenuti per ciascun tipo di tumore.

  • Per il carcinoma esofageo, tra il 2010-2014, la sopravvivenza a cinque anni è stata la più alta in Australia (23,5%) e la più bassa in Danimarca (14,7%). Il paese che ha visto i maggiori miglioramenti nella sopravvivenza dal 1995 al 2014 è stata l’Irlanda (aumento di 11 punti percentuali, dal 10,9% nel 1995-99 al 21,9% nel 2010-14), mentre il Canada ha visto il miglioramento più lento (2,8 punti percentuali, da 13,5 % al 16,8%). Complessivamente, i miglioramenti della sopravvivenza sono stati più pronunciati nei pazienti di età inferiore ai 75 anni, rispetto a quelli di età pari o superiore a 75 anni.
  • Per il cancro allo stomaco, il Regno Unito ha avuto la più bassa sopravvivenza a cinque anni (20,8%) mentre l’Australia ha avuto la più alta (32,8%). La Nuova Zelanda ha visto i miglioramenti più bassi nella sopravvivenza (miglioramento di 3,2 punti percentuali, dal 21,3% nel 1995-99 al 24,5% nel 2010-14), mentre l’Irlanda ha avuto i maggiori (11,1 punti percentuali, dal 17,3% al 28,4%), in particolare nei pazienti sotto i 75 anni (dove la sopravvivenza a cinque anni è aumentata dal 19,7 al 32,8%).
  • Il carcinoma del colon ha avuto una sopravvivenza a cinque anni relativamente alta – con il 70,8% dei pazienti in Australia che vivevano per cinque anni dopo la diagnosi (la più alta), rispetto al 58,9% nel Regno Unito (la più bassa). I miglioramenti nella sopravvivenza sono stati più variabili – da 2,8 punti percentuali (Nuova Zelanda – passando dal 59,3% nel 1995-99 al 62,1% nel 2010-14) a 16,6 punti percentuali (Danimarca – dal 49,1% al 65,7%).
  • Per il cancro del retto, è stata osservata la sopravvivenza a cinque anni più alta. L’Australia ha avuto la più alta sopravvivenza (70,8%), mentre il Regno Unito ha avuto la più bassa (62,1%) e la Danimarca ha visto i maggiori miglioramenti nella sopravvivenza (miglioramento di 21 punti percentuali, dal 48,1% al 69,1%).
  • Il carcinoma del pancreas ha avuto la sopravvivenza a cinque anni più bassa, dal 7,9% nel Regno Unito al 14,6% in Australia. I progressi in questo tumore sono stati maggiori in Australia, con una sopravvivenza aumentata di 8,2 punti percentuali (dal 6,4% nel 1995-99 al 14,6% nel 2010-14).
  • Per il carcinoma polmonare, il Canada ha avuto la più alta sopravvivenza a cinque anni (21,7%) mentre il Regno Unito ha avuto la più bassa (14,7%).
  • La sopravvivenza al carcinoma ovarico è stata più alta in Norvegia (46,2%) e più bassa in Irlanda (36%). La Nuova Zelanda ha registrato i miglioramenti più bassi nel corso dei 20 anni (4,4 punti percentuali, dal 31,9% nel 1995-99 al 36,3% nel 2010-14), mentre la Danimarca ha registrato i maggiori miglioramenti (10,1 punti percentuali – dal 32% al 42,1%).

 

 

Articolo precedenteCosì nera da sembrare piatta: la BMW X6 di terza generazione, in Vantablack®
Articolo successivoAlti livelli di inquinanti rilevati nella pelle e nel grasso dei delfini del Mediterraneo
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

cinque × due =