Home Macchine & Motori La Bugatti Chiron ha superato il muro dei 490 Km/h

La Bugatti Chiron ha superato il muro dei 490 Km/h

333
0

Record mondiale per Bugatti. Un veicolo di pre-produzione di un derivato Bugatti Chiron è la prima auto sportiva a infrangere la magica barriera di 300 miglia all’ora (482,80 km / h). Allo stesso tempo, Bugatti ha stabilito un nuovo record di velocità certificato TÜV con 304.773 mph (490.484 km / h).

“Bugatti ha dimostrato ancora una volta di cosa è capace. Con questo nuovo record di Chiron entriamo di nuovo in un territorio inesplorato. Mai prima d’ora un prodotto di serie ha raggiunto questa velocità”, afferma Stephan Winkelmann, Presidente di Bugatti. “Il nostro obiettivo era quello di essere il primo produttore in assoluto a raggiungere il magico segno delle 300 miglia orarie. Abbiamo raggiunto questo obiettivo, rendendo noi stessi, tutto il team e me stesso incredibilmente orgogliosi.”

adv

Il pilota dei record

Il vincitore di Le Mans e collaudatore Bugatti Andy Wallace ha raggiunto la velocità massima di 490.484 km / h esattamente il 2 agosto 2019 sulla pista di prova a Ehra-Lessien in Bassa Sassonia. “Una velocità incredibile. È inconcepibile che un’auto ne sia capace. Ma Chiron era ben preparata e mi sentivo molto al sicuro, anche a questa alta velocità”, afferma Andy Wallace.

Si è fatto strada fino alla velocità massima da 300 km / h con incrementi di 50 km / h per assicurarsi che tutte le condizioni fossero giuste e che Chiron fosse bilanciata in modo ottimale in termini di portanza e deportanza. “Anche al primo tentativo ho sentito che avrebbe funzionato. Il Chiron ha funzionato perfettamente e le condizioni della pista e del tempo erano ideali. L’intero team ha fatto un lavoro fantastico”, afferma Wallace.

Dopo un giro per condizionare l’auto, Andy Wallace ha accelerato fuori dalla curva nord a 200 km / h per raggiungere la massima velocità sul rettilineo di 8,8 chilometri. In un punto di frenata definito con precisione, ha rallentato il Chiron a 200 km / h per guidare attraverso la curva sud. Aveva una distanza di due chilometri per farlo. “Sono andato a tutto gas dall’inizio per circa 70 secondi. Per me era importante essere fuori dalla curva a 200 km / h per raggiungere la massima velocità sul rettilineo. Ciò ha richiesto il massimo livello di concentrazione”, afferma il nuovo detentore del record. Ha coperto 136 metri in un secondo.

Non è la prima volta che Andy Wallace ha stabilito un record di velocità: nel 1998, l’inglese ha raggiunto una velocità di 391 km / h con la McLaren F1 sulla stessa pista, stabilendo un record.

Il record mondiale di Bugatti Chiron

Un team di ingegneri di varie discipline, sotto la direzione del capo dello sviluppo di Bugatti, Stefan Ellrott, ha preparato un veicolo. Oltre ai miglioramenti aerodinamici, gli specialisti attribuiscono grande importanza alla sicurezza. Andy Wallace è stato tenuto in posizione da cinture a sei punti e protetto da una cella di sicurezza aggiuntiva.

Il team Bugatti è stato supportato dallo specialista italiano di corse Dallara e dal produttore di pneumatici Michelin. “La loro esperienza è stata inserita direttamente nel progetto. Il record non sarebbe stato possibile senza i nostri partner”, afferma Willmann. Michelin è il nostro partner per pneumatici da molti anni e garantisce la presa e la stabilità necessarie. Gli pneumatici Michelin ad alta velocità già utilizzati sulla Chiron sono stati nuovamente rinforzati, in particolare le cinture per gestire la 5300 G, pur essendo ancora legali su strada.

Dopotutto, le gomme ruotano fino a 4.100 volte in un minuto. Le gomme sono state sottoposte a prove di banco estese a velocità fino a 511 km/h negli Stati Uniti. Controlli di qualità rigorosi anche dopo la produzione: ogni pneumatico è stato sottoposto a raggi X per ottimizzare fino ai minimi dettagli. L’auto da record mondiale è stata montata solo con pneumatici Michelin Pilot Sport Cup 2 direttamente prima della corsa record.

Il motore della Chiron sul banco di prova

Sul banco di prova, gli ingegneri Bugatti hanno testato anche le prestazioni del motore e l’interazione tra motore, cambio e telaio durante varie manovre. Anche i più piccoli cambiamenti hanno un effetto enorme a questa velocità. “Dopo tutti i calcoli e i test, ci siamo assicurati che il record fosse a portata di mano. Avevamo la tecnologia sotto controllo in una fase iniziale. Ma un tentativo di record mondiale su una pista aperta può avere alcune sorprese in serbo. Oggi siamo stati fortunati e tutto è andato bene”, afferma il capo dello sviluppo Stefan Ellrott con immensa soddisfazione.

Il tracciato del record

La pista ad alta velocità Ehra-Lessien in Bassa Sassonia si trova a 50 metri sul livello del mare. A differenza delle piste ad alta velocità ad alta quota come in Nevada, tuttavia, ciò presenta alcuni inconvenienti.

A causa della maggiore densità dell’aria, il veicolo deve applicare più forza e ad alte velocità, di oltre 400 km / h, corre come se stesse guidando contro un muro. “La pressione dell’aria, la densità dell’aria e la temperatura sono molto importanti per la guida ad alta velocità e possono fare la differenza fino a 25 km / h, a seconda dell’altitudine”, afferma Stefan Ellrott. Ma il team ha optato per la pista di prova di Ehra-Lessien.

“Un tentativo da record mondiale di velocità estrema di oltre 400 km / h comporta sempre un certo rischio. Tutto deve essere a posto: l’auto, il tempo e la pista. Ehra-Lessien offre la massima sicurezza possibile, motivo per cui abbiamo optato per questo tracciato”, afferma Stefan Ellrott. È l’unico posto al mondo in cui gli standard di sicurezza per i test ad alta velocità sono così elevati.

L’autostrada a tre corsie di 21 chilometri è fiancheggiata da barriere anti-incidente e sono disponibili servizi di salvataggio all’estremità nord e sud. La carreggiata è stata pulita con speciali tappeti prima della prova su strada per raccogliere pietre e sabbia. “La sicurezza del conducente è la nostra massima priorità. Abbiamo fatto tutto in anticipo per ridurre al minimo il rischio”, afferma Ellrott.

 

 

Articolo precedenteLa resilienza degli ecosistemi in risposta ad eventi estremi: le risorse dei faggi abruzzesi
Articolo successivoUno studio a favore dell’aspirina in prevenzione primaria
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui