Un’attività fisica intesa fa ridurre la mortalità nei pazienti con malattia coronarica stabile

Una vigorosa attività fisica una o due volte alla settimana è associata al più basso tasso di mortalità nei pazienti con malattia coronarica stabile. È quanto riporta uno studio pubblicato nei giorni scorsi sullo European Journal of Preventive Cardiology.

L’autore dello studio, il dott. Simone Biscaglia dell’Università di Ferrara, ha dichiarato: “Il livello ottimale di esercizio è raggiungibile in quasi tutti i pazienti con malattia coronarica stabile in tutto il mondo – ma è stato raggiunto solo in un terzo dei partecipanti al nostro studio. Camminare una o due volte a settimana a un ritmo che causa mancanza di respiro o aumento della frequenza cardiaca è tutto ciò che serve”.

Esercizio fisico e malattie cardiovascolari

È risaputo che l’esercizio fisico è salutare per i malati di cuore, ma con quale frequenza e con quale intensità non è stato ancora stabilito con certezza. Quest’analisi del registro CLARIFY ha cercato di dare risposta a queste domande. Inoltre, poiché la maggior parte dei malati di cuore fa poco esercizio fisico, lo studio ha esaminato i determinanti più importanti dell’attività fisica.

Lo studio CLARIFY

CLARIFY ha arruolato 32.370 pazienti ambulatoriali con malattia coronarica stabile in Africa, Asia, Australia, Europa, Medio Oriente e Nord, Centro e Sud America, che sono stati seguiti per cinque anni. I pazienti sono stati divisi in quattro gruppi in base all’attività fisica auto-segnalata durante la visita di inclusione: 1) sedentaria (16,1%); 2) solo attività fisica leggera quasi tutte le settimane (51,4%); 3) attività fisica vigorosa una o due volte alla settimana (16,8%); 4) attività fisica vigorosa tre o più volte alla settimana (15,7%).

L’outcome primario era il composto di morte cardiovascolare, infarto del miocardio e ictus. Rispetto al gruppo con attività leggera, i pazienti che hanno fatto esercizio fisico vigoroso una o due volte alla settimana avevano il rischio più basso di esito primario, con un rapporto di rischio di 0,82. Un’attività più frequente non ha portato a ulteriori benefici. I pazienti sedentari avevano il più alto rischio di esito primario (HR 1,32).

I pazienti del gruppo che eseguiva vigorosi esercizi una o due volte alla settimana presentavano anche i rischi più bassi di morte per tutte le cause, morte cardiovascolare e ictus – rispettivamente del 19%, del 21% e del 26%, rispetto al gruppo di attività leggere.

Esercitarsi ogni settimana, donne e uomini

“I pazienti con malattia coronarica stabile dovrebbero evitare di essere sedentari”, ha detto il dottor Biscaglia. “L’obiettivo dovrebbe essere quello di esercitarsi ogni settimana, non raggiungere la massima frequenza possibile, poiché è improbabile che questo sia sostenibile e non si traduce in risultati migliori”.

Le donne avevano meno probabilità di essere fisicamente attive rispetto agli uomini. Il dott. Biscaglia ha dichiarato: “In studi precedenti abbiamo scoperto che le donne erano meno spesso indirizzate a programmi di riabilitazione cardiaca e avevano una consulenza sullo stile di vita meno intensiva. I medici dovrebbero fornire alle donne gli stessi consigli sull’esercizio fisico come fanno per gli uomini, il che dovrebbe tradursi in uguali livelli di attività fisica.”

Attività fisica anche dopo un infarto

Altri predittori di bassa attività fisica erano comorbidità come l’arteriopatia periferica, il diabete e il precedente infarto del miocardio o ictus. “I pazienti con queste condizioni possono pensare che l’esercizio fisico possa peggiorare i loro sintomi”, ha detto il dottor Biscaglia. “Ma il nostro studio dimostra che ottengono gli stessi benefici degli altri con malattia coronarica stabile, quindi queste condizioni non dovrebbero dissuaderli dall’essere fisicamente attivi.”

Il tasso di infarto miocardico durante il follow-up era comparabile tra i quattro gruppi di attività fisica. “Questo può rassicurare i pazienti con malattia coronarica stabile – la paura di avere un infarto non dovrebbe essere una barriera per l’attività fisica”, ha detto il dottor Biscaglia. “Sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire ciò che porta a una riduzione della morte cardiovascolare osservata con l’esercizio – in parte ciò è dovuto a un minor numero di ictus fatali, ma gli altri meccanismi sono attualmente sconosciuti”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 19 =