I bambini esposti al fumo dei genitori hanno un maggior rischio di sviluppare una fibrillazione atriale

Secondo uno studio pubblicato nei giorni scorsi sul Journal of American College of Cardiology, i bambini di genitori che fumano hanno una probabilità significativamente maggiore di sviluppare una fibrillazione atriale in età adulta. I risultati evidenziano una nuova associazione tra esposizione al fumo passivo e rischio di disturbi del ritmo cardiaco.

Fumo e fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale, il disturbo del ritmo cardiaco più comune, dovrebbe colpire 16 milioni di americani entro il 2050. Il fumo di sigaretta rimane uno dei principali fattori di rischio modificabili per le malattie cardiovascolari, con il 14% degli adulti statunitensi che fuma, nonostante le campagne di sensibilizzazione. Il fumo è un fattore di rischio stabilito per la fibrillazione atriale, con stime che indicano come il 7% di tutte le fibrillazioni atriali siano attribuibili al fumo.

Utilizzando i dati sia del Framingham Heart Study originale sia del Framingham Heart Offspring Studies, i ricercatori hanno analizzato un totale di 5.124 partecipanti alla coorte dei discendenti di età inferiore ai 18 anni dal 1971 al 2014. I genitori sono stati valutati da un medico ogni 2-4 anni e i bambini sono stati valutati ogni 4-8 anni.

L’abitudine al fumo è stata definita in entrambi gli studi come il fumare più di una sigaretta al giorno durante l’anno prima della valutazione dello studio. Lo stato del fumo è stato calcolato in termini di pacchetti al giorno, in cui un pacchetto di sigarette rappresentava 20 sigarette e mezzo pacchetto rappresentava 10 sigarette. L’esposizione al fumo passivo è stata definita come la presenza di un genitore che fuma più di zero confezioni al giorno.

La fibrillazione atriale nella prole dei fumatori

La diagnosi di fibrillazione atriale è stata posta attraverso una valutazione delle cartelle cliniche, ECG e monitor Holter. Un totale di 2.816 (55%) dei bambini nella coorte aveva a disposizione dati sullo stato di fumo dei genitori. L’esposizione al fumo passivo è stata riscontrata dall’82% dei bambini e lo stato del fumo dei genitori era in media di 10 sigarette al giorno.

Tra la coorte della prole, il 14,3% dei partecipanti ha sviluppato una fibrillazione atriale, in un periodo di follow-up di 40,5 anni. Per ogni confezione al giorno di aumento del fumo dei genitori, i bambini hanno avuto un aumento del 18% nello sviluppo dell’aritmia.

“Le nostre osservazioni forniscono nuove informazioni pertinenti alla cessazione del fumo, evidenziando i danni che possono essere associati non solo “agli altri”, ma anche ai membri più vulnerabili della famiglia”, ha affermato Gregory M. Marcus, della divisione di cardiologia presso l’Università della California, San Francisco, e uno degli autori senior dello studio. “Con la crescente prevalenza della fibrillazione atriale, è indispensabile affrontare i fattori di rischio modificabili, come il fumo di sigaretta, per ridurre l’onere globale dell’aritmia.”

Fuma il genitore, fuma il figlio

I ricercatori hanno anche scoperto che il 17% dei figli di genitori che fumano avevano maggiori probabilità di fumare, suggerendo un altro modo in cui il fumo dei genitori potrebbe predisporre a lungo termine i bambini alla fibrillazione atriale. Precedenti indagini hanno anche confermato che un genitore fumatore aumenta la probabilità che un bambino possa fumare più tardi nella vita. La cessazione del fumo da parte dei genitori può portare a una riduzione dell’incidenza del fumo per i loro figli.

“Sebbene parte della relazione tra il fumo dei genitori e la fibrillazione atriale della prole sia stata spiegata dal fumo della prole stessa, i risultati di questo studio indicano che l’esposizione al fumo passivo nell’infanzia è un fattore di rischio per lo sviluppo futuro dell’aritmia”, ha affermato Alanna M. Chamberlain, epidemiologo presso il Dipartimento di ricerca in scienze della salute presso la Mayo Clinic in un commento editoriale di accompagnamento. “Questo studio vanta numerosi vantaggi unici, tra cui una rigorosa metodologia per accertare le diagnosi di fibrillazioni atriali incidenti nella prole, come valutazioni ripetute con ECG e sorveglianza di routine per gli esiti cardiovascolari”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due + 20 =