Rocce che crollano e rimbalzano sulla cometa: le immagini della sonda Rosetta

Gli scienziati che hanno analizzato il tesoro di immagini scattate dalla missione Rosetta dell’ESA hanno scoperto ulteriori prove di curiosi massi che rimbalzano e drammatici crolli delle creste rocciose.

Rosetta ha operato attorno alla Cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko tra agosto 2014 e settembre 2016, raccogliendo dati sulla polvere, gas e plasma della cometa, sulle sue caratteristiche superficiali e sulla sua struttura interna.

Nell’ambito dell’analisi di circa 76.000 immagini ad alta risoluzione catturate con la sua videocamera OSIRIS, gli scienziati hanno cercato i cambiamenti della superficie. In particolare, si sono interessati a confrontare il periodo dell’approccio più vicino della cometa al Sole – noto come perielio – con quello dopo questa fase più attiva, per comprendere meglio i processi che guidano l’evoluzione della superficie.

I massi che rimbalzano

I detriti sciolti sono stati visti in tutta la cometa, ma a volte i massi sono stati catturati nell’atto di essere espulsi nello spazio o rotolare sulla superficie. Un nuovo esempio di masso che rimbalza è stato recentemente identificato nella regione del collo liscio che collega i due lobi della cometa, un’area che ha subito molti cambiamenti di superficie, su larga scala, nel corso della missione. Lì, un masso di circa 10 m di larghezza è apparentemente caduto dalla cresta rocciosa vicina e ha rimbalzato più volte sulla superficie senza rompersi, lasciando “impronte” nel materiale superficiale vagamente consolidato.

“Pensiamo che sia caduto dalla vicina cresta rocciosa alta 50 m ed è il frammento più grande di questa frana, con una massa di circa 230 tonnellate”, ha dichiarato Jean-Baptiste Vincent dell’Istituto DLR per la ricerca planetaria.

“Sono successe così tante cose su questa cometa tra maggio e dicembre 2015, quando era più attiva, ma purtroppo a causa di questa attività abbiamo dovuto tenere Rosetta a distanza di sicurezza. Pertanto, non abbiamo una visuale abbastanza vicina per vedere le superfici illuminate con una risoluzione sufficiente per individuare esattamente la posizione “precedente” del masso”.

Lo studio dei movimenti del masso

Lo studio di movimenti del masso come questi, in diverse parti della cometa, aiuta a determinare le proprietà meccaniche sia del materiale che cade, sia del terreno superficiale su cui atterra. Il materiale della cometa è in generale molto debole rispetto al ghiaccio e alle rocce con cui abbiamo familiarità sulla Terra: i massi sulla Cometa 67P / C-G sono circa cento volte più deboli della neve fresca.

Un altro tipo di cambiamento è stato visto anche in diverse località intorno alla cometa: il crollo delle pareti rocciose lungo linee di debolezza, come la drammatica cattura della caduta di un segmento largo 70 m della scogliera di Assuan, osservata nel luglio 2015. Ma Ramy El-Maarry e Graham Driver di Birkbeck, dell’Università di Londra, potrebbero aver trovato un evento di collasso ancora più grande, collegato a un forte scoppio visto il 12 settembre 2015 lungo la divisione dell’emisfero nord-sud.

“Questo sembra essere uno dei più grandi crolli che abbiamo visto sulla cometa durante la vita di Rosetta, con una superficie di circa 2.000 metri quadrati che crolla”, ha detto Ramy.

Il crollo della scogliera prima e dopo

Durante il passaggio al perielio, l’emisfero meridionale della cometa è stato sottoposto a un elevato apporto solare, con conseguente aumento dei livelli di attività e un’erosione più intensa rispetto a qualsiasi altra parte della cometa.

“L’ispezione delle immagini prima e dopo ci consente di accertare che la scarpata sia rimasta intatta almeno fino a maggio 2015”, afferma Graham, uno studente universitario che lavora con Ramy indagare sul vasto archivio di immagini di Rosetta.

“La posizione in questa regione particolarmente attiva aumenta la probabilità che l’evento collassante sia legato allo scoppio che si è verificato a settembre 2015.”

Osservare in dettaglio i detriti intorno alla regione crollata suggerisce che altri eventi di erosione di grandi dimensioni sono accaduti qui in passato. Ramy e Graham hanno scoperto che i detriti comprendono blocchi di dimensioni variabili che vanno fino a decine di metri, sostanzialmente più grandi della popolazione di massi in seguito al crollo della scogliera di Assuan, che è principalmente costituita da massi di pochi metri di diametro.

“Questa variabilità nella distribuzione dimensionale dei detriti caduti suggerisce sia differenze nella forza dei materiali stratificati della cometa, sia/o vari meccanismi di crollo della scogliera”, aggiunge Ramy.

Lo studio di cambiamenti delle comete

Lo studio di cambiamenti delle comete come questi non solo fornisce informazioni sulla natura dinamica di questi piccoli corpi su scale temporali brevi, ma i crolli su scala più ampia offrono viste uniche sulla struttura interna della cometa, contribuendo a mettere insieme l’evoluzione della cometa stessa su scale temporali più lunghe.

“I set di dati di Rosetta continuano a sorprenderci, ed è meraviglioso che la prossima generazione di studenti stia già facendo scoperte entusiasmanti”, aggiunge Matt Taylor, scienziato del progetto Rosetta dell’ESA.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 + tredici =