Home Macchine & Motori Toyota C-HR: una versione aggiornata con più potenza e tecnologia a bordo

Toyota C-HR: una versione aggiornata con più potenza e tecnologia a bordo

37
0

Nel suo primo anno, la Toyota C-HR ha venduto 120.000 unità in Europa, raggiungendo immediatamente una quota del 10% del segmento. Inoltre, 8 su 10 di questi veicoli erano dotati di propulsori ibridi.

La nuova Toyota C-HR 2020 beneficia di un secondo, più potente sistema ibrido aggiunto alla gamma di propulsori. Presenta inoltre una dinamica di guida migliorata, un design interno ed esterno rinnovato e un HMI (Human Machine Interface) aggiornato con la più recente tecnologia multimediale.

Il propulsore ibrido

L’introduzione del propulsore ibrido aggiuntivo offre ai clienti la scelta di due diverse opzioni ibride, una caratteristica unica nel segmento. Rimane il sistema ibrido da 1,8 litri da 122 CV, le sue prestazioni eco migliorate da una batteria agli ioni di litio aggiornata, con emissioni di CO2 di soli 109 g / km. (WLTP)

Il top di gamma è un potente sistema di forza dinamica ibrida da 2,0 litri. Generando 184 CV ed emissioni di CO2 a partire da soli 118 g / km (WLTP), questo sistema combina alta efficienza con un aumento significativo della potenza.

La nuova C-HR è dotata di un sistema di comunicazione di bordo, che offre la possibilità di usufruire dei servizi connessi all’app MyT. Per il lancio di Toyota C-HR, una nuova funzionalità sarà rilasciata nell’app: Hybrid Coaching, per aiutare i conducenti ad aumentare la loro guida EV e sfruttare i vantaggi della guida ibrida.

Motori

Il propulsore ibrido di quarta generazione presenta una nuova unità benzina da 2,0 litri di una famiglia di motori Toyota completamente nuova. Sviluppa 112 kW di potenza con un rendimento termico del 41%.

Con una potenza di 135 kW / 184 CV, il nuovo propulsore ibrido da 2,0 litri combina prestazioni dinamiche superiori con un’efficienza ancora maggiore rispetto al sistema 1.8. Una potenza del 50% in più, mentre il consumo aumenta solo del 10%, con 5,3 l / 100 km.

Il propulsore ibrido 1.8 da 90 kW / 122 CV è ora dotato di un pacco batteria agli ioni di litio più piccolo, più leggero e persino più potente. Questo è in grado di assorbire e fornire più corrente, migliorando l’erogazione della forza motrice elettrica. Il sistema è ancora più naturale da guidare e mantiene i suoi standard di emissione a soli 109 g / km (WLTP).

La C-HR 2020 è disponibile anche con un motore turbo da 1,2 litri. Con una potenza di 85 kW / 116 CV e 185 Nm di coppia, questa unità genera emissioni di CO2 da 154 g / km (WLTP) e restituisce un consumo di carburante combinato da 6,9 l / 100 km (WLTP).

Il turbo da 1,2 litri può essere accoppiato a un cambio manuale a sei marce o a una trasmissione a variazione continua. Le versioni equipaggiate con CVT sono disponibili con trazione anteriore o integrale.

Il motore 2 litri

Il nuovissimo sistema ibrido presenta un imballaggio compatto, più leggero e più efficiente dei sistemi di generazione precedente. Riflette significativi progressi nelle tecnologie di batterie, motori elettrici e motori a benzina.

La batteria ibrida è un pacco più grande con una maggiore densità di energia. La potenza totale delle singole celle è stata mantenuta, ma il numero di celle è stato aumentato per adattarsi al motore elettrico più potente e consentire un maggiore assorbimento di energia durante la frenata rigenerativa.

Per mantenere l’equilibrio con il motore Dynamic Force da 2,0 litri, entrambi i motori / generatori sono più grandi e più potenti. Il rapporto peso / potenza è tra i più alti del settore, con il motore elettrico principale che eroga 80 kW e 202 Nm.

La combustione rapida

Riducendo al minimo i tempi di combustione, il motore trasforma più calore e pressione in energia meccanica. Il ciclo Atkinson contribuisce ulteriormente a questo obiettivo in quanto il suo principio operativo allunga ulteriormente la corsa di combustione, cosicché alla fine del ciclo si perde solo una bassa pressione residua nell’atmosfera.

Per ottenere una combustione ad alta velocità, la miscela aria-carburante deve essere perfettamente omogenea e quindi compattata in una piccola forma sferica che circonda la candela. Il design della camera di combustione e del pistone ha una forma precisa per consentire un rapporto di compressione di 14: 1 pur mantenendo una bruciatura stabile.

La miscela è controllata nella prima fase dal sistema di induzione. Un collettore di aspirazione completamente ridisegnato offre pochissima resistenza mentre crea alta velocità dell’aria.

L’angolo incluso delle valvole di aspirazione è stato aumentato, posizionandole per generare un potente effetto di caduta mentre l’aria entra nei cilindri. Le sedi delle valvole sono ora create con un processo di stampa 3D chiamato rivestimento laser. Questo processo combina precisione con sedi molto leggere e sottili che non inibiscono il flusso d’aria e offrono prestazioni di raffreddamento superiori.

Sistemi di sicurezza

Toyota Safety Sense è montato, di serie, nella nuova gamma C-HR. Il sistema include un sistema di pre-collisione (incluso il riconoscimento dei pedoni), il controllo adattivo della velocità di crociera, l’allarme di partenza corsia con controllo dello sterzo, abbagliante automatico e segnale stradale Assist.

I modelli di fascia alta traggono vantaggio dall’aggiunta del sistema di luci anteriori adattive, del sonar di spazio intelligente e dell’allarme del traffico trasversale posteriore con funzione di frenata.

 

 

Articolo precedenteI batteri presenti nelle brine di un lago antartico potrebbero trovarsi anche su Marte
Articolo successivoLe donne sono maggiormente colpite dalle complicanze vascolari del diabete
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

due × 2 =