405.000 morti per la malaria nel 2018, soprattutto nell’Africa sub-sahariana

Il numero di donne incinte e bambini nell’Africa sub-sahariana che dormono sotto le reti trattate con insetticidi e che beneficiano della medicina preventiva per la malaria è aumentato significativamente negli ultimi anni. È quanto afferma un recente rapporto sulla malaria dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Tuttavia, sono necessari sforzi ulteriori e rapidi per ridurre le infezioni e le morti nei paesi più colpiti. L’anno scorso, la malaria ha colpito 228 milioni di persone e ne ha uccise circa 405.000, soprattutto nell’Africa sub-sahariana.

Gravidanza e malaria

La gravidanza riduce l’immunità della donna alla malaria, rendendola più suscettibile alle infezioni e a maggior rischio di malattia, anemia grave e morte. La malaria materna interferisce anche con la crescita del feto, aumentando il rischio di parto prematuro e basso peso alla nascita – una delle principali cause di mortalità infantile.

“Le donne in gravidanza e i bambini sono i più vulnerabili alla malaria e non possiamo fare progressi senza concentrarci su questi due gruppi”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Stiamo assistendo a segnali incoraggianti, ma l’onere della sofferenza e della morte causato dalla malaria è inaccettabile, perché è ampiamente prevenibile. La mancanza di miglioramenti nel numero di casi e decessi per malaria è profondamente preoccupante.”

Nel 2018, circa 11 milioni di donne in gravidanza sono state infettate dalla malaria in aree a trasmissione moderata e ad alta malattia nell’Africa sub-sahariana. Di conseguenza, quasi 900.000 bambini sono nati con un basso peso.

Nonostante i segnali incoraggianti osservati nell’uso di strumenti preventivi nelle donne in gravidanza e nei bambini, non vi è stato alcun miglioramento nel tasso globale di infezioni da malaria nel periodo 2014-2018 nei paesi più colpiti.

Un finanziamento inadeguato rimane un grave ostacolo ai progressi futuri. Nel 2018, il finanziamento totale per il controllo e l’eliminazione della malaria ha raggiunto una stima di 2,7 miliardi di dollari, molto al di sotto dell’obiettivo di finanziamento di 5 miliardi di dollari della strategia globale.

“High burden to high impact” 

L’anno scorso, l’OMS e la RBM Partnership to End Malaria hanno lanciato “High burden to high impact” (HBHI), una risposta mirata volta a ridurre casi e morti nei paesi più colpiti dalla malaria. La risposta di HBHI è stata guidata da 11 paesi che hanno rappresentato circa il 70% del carico mondiale di malaria nel 2017. A novembre 2019, l’approccio HBHI era stato avviato in nove di questi paesi. Due hanno riportato sostanziali riduzioni dei casi di malaria nel 2018 rispetto all’anno precedente: India (2,6 milioni di casi in meno) e Uganda (1,5 milioni di casi in meno).

Proteggere donne e bambini

Si stima che il 61% delle donne in gravidanza e dei bambini nell’Africa sub-sahariana abbia dormito sotto una rete trattata con insetticidi nel 2018 rispetto al 26% nel 2010.

Tra le donne in gravidanza nella regione, la copertura delle 3 o più dosi raccomandate di trattamento preventivo intermittente in gravidanza (IPTp), erogate presso strutture di cura prenatale (ANC), è aumentata da un 22% stimato nel 2017 al 31% nel 2018.

L’OMS raccomanda l’uso di un controllo vettoriale efficace (reti trattate con insetticidi o spray residuo interno) e di medicinali antimalarici preventivi per proteggere le donne in gravidanza e i bambini dalla malaria. Servizi sanitari robusti che forniscono un accesso esteso a questi e ad altri strumenti di controllo della malaria comprovati, inclusi test diagnostici e trattamenti tempestivi, sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi della strategia tecnica globale per la malaria 2016-2030 (GTS).

Tuttavia, troppe donne non ricevono il numero raccomandato di dosi di IPTp o nessuna. Alcune donne non sono in grado di accedere ai servizi di assistenza prenatale. Altri che raggiungono una struttura ANC non beneficiano dell’IPTp poiché il farmaco non è disponibile o l’operatore sanitario non lo prescrive.

La chemioprevenzione stagionale e il trattamento preventivo intermittente

Per i bambini sotto i cinque anni che vivono nella sottoregione del Sahel in Africa, l’OMS raccomanda la chemioprevenzione stagionale della malaria (SMC) durante la stagione delle piogge ad alta trasmissione. Nel 2018, il 72% dei bambini ammissibili alla medicina preventiva ne ha beneficiato.

Un’altra strategia raccomandata – il trattamento preventivo intermittente nei neonati (IPTi) – prevede la consegna di medicinali antimalarici a bambini molto piccoli attraverso la piattaforma di immunizzazione di un paese. Lo strumento è attualmente all’avanguardia nella Sierra Leone.

“IPTi offre un’enorme opportunità per mantenere in vita e in salute i bambini piccoli”, ha affermato il dott. Pedro Alonso, direttore del Programma globale sulla malaria dell’OMS. “L’OMS accoglie con favore il nuovo impulso di Unitaid, annunciato oggi, per accelerare l’adozione e il potenziamento dell’IPTi in altri paesi endemici della malaria nell’Africa sub-sahariana”.

Test diagnostici e trattamenti tempestivi sono fondamentali, ma molti bambini con la febbre non sono portati in cura da un operatore sanitario qualificato. Secondo recenti sondaggi per paese, il 36% dei bambini con febbre nell’Africa sub-sahariana non riceve assistenza medica.

La gestione integrata dei casi comunitari per malaria, polmonite e diarrea può colmare le lacune nelle cure cliniche nelle comunità difficili da raggiungere. Sebbene 30 paesi ora applichino l’approccio, la maggior parte dei paesi dell’Africa sub-sahariana fatica a farlo, principalmente a causa dei colli di bottiglia nei finanziamenti a favore della salute.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 12 =