Scoperto in Indonesia il più antico dipinto rupestre con scene di caccia (Video)

Un disegno di arte rupestre trovato in Indonesia che raffigura figure simili a esseri umani a caccia di maiali e bufali, datato almeno 43.900 anni fa, è descritto in un recente articolo pubblicato sulla rivista Nature. Questo pannello è la prima scena di caccia segnalata conosciuta in qualsiasi parte del mondo.

L’arte rupestre preistorica fornisce alcune delle intuizioni più dirette disponibili nella prima narrazione.

L’arte rupestre del Paleolitico in Europa

L’arte rupestre del Paleolitico superiore in Europa (circa 21.000-14.000 anni fa) comprende le immagini più antiche precedentemente conosciute di umani e animali che interagiscono in scene riconoscibili. Questa arte includeva anche rappresentazioni di esseri astratti che combinano le qualità di animali e umani, conosciuti come therianthropes, che probabilmente servivano a comunicare narrazioni di qualche tipo.

Una grotta calcarea in Indonesia

Maxime Aubert, Adam Brumm e colleghi descrivono una scena elaborata trovata nella grotta calcarea del

Leang Bulu Sipong 4 in Sulawesi (Indonesia). Gli autori hanno utilizzato l’analisi dell’uranio per datare un pannello di arte rupestre, largo 4,5 metri, con dipinti monocromatici di quelle che sembrano figure simili ad umani a caccia di sei animali: due maiali e quattro bufali nani. Almeno otto piccole figure simili all’uomo con lance o corde compaiono insieme agli animali. Sia le figure simili agli umani che gli animali sono stati dipinti allo stesso tempo, nello stesso stile artistico, usando la stessa tecnica e il pigmento rosso scuro.

Tutte le cifre mostrano anche stati di alterazione simili. La giustapposizione degli animali e delle figure simili all’uomo è indicativa di una “scena” narrativa di caccia. Le figure antropomorfe sono forme semplificate e altamente stilizzate con, in alcuni casi, facce inferiori allungate che ricordano museruole o musi, insieme ad altre caratteristiche simili ad animali.

La più antica arte rupestre preistorica

Questa è la prima volta che una narrazione visiva così dettagliata o “storia” è stata identificata in un periodo così precoce nel vasto archivio di arte rupestre preistorica in tutto il mondo. La prima arte rupestre dell’umanità è apparsa in Europa e consisteva in simboli astratti. 35.000 anni fa, questa semplice forma d’arte si era presumibilmente evoluta in una cultura artistica più sofisticata, caratterizzata da sublimi dipinti figurativi di cavalli e altri animali. Si pensava inoltre che concetti innovativi di rappresentazione artistica, come composizioni con più soggetti interagenti e la rappresentazione di entità immaginarie, come i therianthropes, fossero molto rari fino a circa 20.000 anni fa.

“Il dipinto rupestre di Leang Bulu suggerisce che non vi fu alcuna graduale evoluzione dell’arte paleolitica da semplice a complessa circa 35.000 anni fa – almeno non nel sud-est asiatico”, ha detto il professor Aubert, Griffith Centre for Social and Cultural Research.

“Tutti i componenti principali di una cultura artistica altamente avanzata erano presenti in Sulawesi da 44.000 anni fa, tra cui arte figurativa, scene e scenari.”

L’evoluzione del pensiero umano moderno

Il gruppo di archeologi ha suggerito che, insieme alla loro scoperta di un dipinto figurativo di un bovide selvatico risalente almeno 40.000 anni fa, a Kalimantan sull’isola del Borneo, pubblicato lo scorso anno, l’Indonesia è uno dei luoghi più importanti sulla terra per comprendere gli inizi dell’arte rupestre e l’evoluzione del pensiero umano moderno.

Suggeriscono inoltre che l’inclusione di tali therianthropes potrebbe indicare che l’arte rupestre indonesiana implicava un pensiero di tipo religioso sulla connessione uomo-animale molto prima che gli umani creassero l’arte in Europa.

“I therianthropes si verificano nel folklore o nella narrativa di quasi tutte le società moderne e sono percepiti come dei, spiriti o esseri ancestrali in molte religioni in tutto il mondo”, dice il prof. Brumm.

Sulawesi ora ospita l’immagine più antica di questo tipo – prima ancora che il “Lion-man” dalla Germania, una figura di un uomo dalla testa di leone, datata a 40.000 anni, era fino ad ora la più antica raffigurazione di un therianthropes.

“I primi indonesiani stavano creando arte che potrebbe aver espresso il pensiero spirituale sul legame speciale tra uomo e animale molto prima che la prima arte fosse realizzata in Europa, dove è stato spesso ipotizzato che le radici della moderna cultura religiosa possano essere rintracciate”, conclude il prof. Brumm.

Guarda il video che illustra la scoperta

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × uno =