Home Cardiologia L’aspirina a basso dosaggio non riduce il rischio di infarto fatale negli...

L’aspirina a basso dosaggio non riduce il rischio di infarto fatale negli afroamericani

8
0
copyright American Heart Association

Secondo uno studio osservazionale, pubblicato sul Journal of American Heart Association, l’aspirina a basso dosaggio non è risultata efficace nel ridurre il rischio di infarto fatale tra gli afroamericani.

“La maggior parte dei dati disponibili mostra che gli afroamericani hanno un rischio maggiore di avere un infarto, ictus o altre malattie cardiache rispetto ai bianchi; tuttavia, studi precedenti non includevano abbastanza partecipanti neri per determinare se l’assunzione di un’aspirina a basso dosaggio per la prevenzione primaria delle malattie cardiache fosse utile per questo gruppo di persone”, ha dichiarato Rodrigo Fernandez-Jimenez, autore dello studio e cardiologo e ricercatore presso il Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares (CNIC) di Madrid, in Spagna.

L’aspirina a basso dosaggio inefficace negli afroamericani

I risultati dello studio di follow-up di 11 anni hanno mostrato che l’aspirina a basso dosaggio sembra non ridurre il rischio di infarto fatale tra i partecipanti afroamericani, anche quando l’analisi era limitata alle persone a più alto rischio di malattie cardiovascolari (superiore al 10% a 10 anni – secondo il punteggio di rischio di Framingham). Lo studio ha mostrato un’associazione tra aspirina a basso dosaggio e una tendenza verso un ridotto rischio di infarti fatali nei bianchi, in particolare tra le donne.

I ricercatori hanno utilizzato i dati del Southern Community Cohort Study, un’iniziativa in corso coordinata dalla Vanderbilt University, che sta monitorando i fattori di rischio per il cancro e altre principali malattie di oltre 65.000 uomini e donne prevalentemente a basso reddito, dai 40 ai 79 anni, che vivono negli Stati Uniti sud-orientali. Oltre i due terzi dei partecipanti allo studio sono afroamericani e circa i due terzi dei partecipanti erano ad alto rischio di infarto o ictus all’inizio dello studio, secondo il Framingham Risk Score.

Una diversa risposta genetica

“Pensiamo che il motivo per cui l’uso dell’aspirina non ha avuto un effetto benefico per gli afroamericani potrebbe dipendere da una diversa risposta genetica alla terapia con aspirina e uno scarso controllo di altri fattori di rischio”, ha detto Fernandez-Jimenez. “La necessità di comprendere meglio l’associazione tra uso di aspirina, razza, etnia e stato socioeconomico e come questi fattori svolgono un ruolo nelle malattie cardiovascolari è importante alla luce di questi risultati.” Questo è stato uno studio osservazionale, non progettato per dimostrare una relazione tra causa ed effetto.

L’aspirina per prevenire le malattie cardiovascolari

L’American Heart Association non raccomanda di assumere un’aspirina per prevenire le malattie cardiovascolari senza parlare con un operatore sanitario. Se una persona è a basso rischio di infarto o ictus secondo il calcolatore di rischio cardiovascolare messo a punto dall’American Heart Association/American College of Cardiology, la terapia con aspirina non è generalmente consigliata a tutti, perché i possibili benefici non compensano il rischio aumentato di sanguinamento.

La terapia con aspirina può essere appropriata per alcune persone a più alto rischio di malattie cardiovascolari, tuttavia, le decisioni sull’uso di questo farmaco devono essere personalizzate in base allo stato di salute specifico di un paziente, in accordo con il proprio medico.

 

 

Articolo precedenteIl fumo passivo può causare una ridotta crescita della funzionalità polmonare nell’infanzia
Articolo successivoExtrasistoli ventricolari: la risonanza magnetica cardiaca aiuta a stabilirne la prognosi
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

1 × 3 =